TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi idrica nell'Europa meridionale dopo una siccità insolita

Crisi idrica nell’Europa meridionale dopo una siccità insolita

Di notte le gru si spengono in alcune città italiane, a causa della peggiore grave siccità degli ultimi 70 anni.

Anche il Portogallo ha storicamente sperimentato una siccità diffusa in quasi tutto il paese. Il governo ha annunciato che la previsione delle precipitazioni non è sufficiente per invertire la situazione, in connessione con una campagna per rendere la popolazione più efficiente dal punto di vista idrico, è stata annunciata martedì.

In Spagna, dove nelle ultime settimane sono scoppiati gravi incendi, all’inizio di marzo sono arrivate segnalazioni di riserve idriche record a causa di un inverno insolitamente secco.

– Naturalmente può essere davvero pericoloso se queste condizioni continuano con meno precipitazioni e clima più caldo. È insolito che ciò avvenga così presto in estate, afferma Georgia Destone, professoressa di idrologia all’Università di Stoccolma.

L’acqua salata penetra

Per i paesi con una costa verso il Mediterraneo salato, periodi di siccità significano che l’acqua di mare penetra più in profondità nelle acque sotterranee, quando cambia il flusso naturale di acqua dolce che va alla deriva nel mare.

E la stessa gestione della crisi rischia di peggiorare ulteriormente la situazione. L’acqua potabile può solitamente essere organizzata con collegamenti di camion da altri luoghi, cosa che è già stata utilizzata in diversi luoghi della zona. Ma l’agricoltura spesso richiede un’irrigazione intensiva per salvare il raccolto. Durante una siccità, la soluzione immediata, pompare più acqua dalle riserve in diminuzione, significa che i serbatoi di acqua dolce si stanno prosciugando maggiormente e quindi assorbono più acqua salata. Inoltre, l’acqua evapora rapidamente quando fa caldo.

READ  I paesi africani si schierano per sostituire il gas russo

Allo stesso tempo, memorizzi la situazione per il momento, crei problemi più grandi in seguito, dice Duston.

Aumento del consumo di acqua

Secondo Giuliano de Baldassar, professore di idrologia all’Università di Uppsala e capo del Centro svedese per le scienze dei disastri naturali, le condizioni meteorologiche estreme sono solo una delle cause della crisi.

– In molte aree ora colpite, il consumo di acqua è aumentato a livelli insostenibili negli ultimi anni, dice telefonicamente dalla calda Italia.

Anche le infrastrutture idriche introdotte per poter gestire periodi di siccità rischiano di fornire una falsa sicurezza. Durante lunghi periodi di siccità, che i sistemi non possono compensare, le eruzioni possono diventare più difficili. Il Nord Italia, attualmente più colpito dalla siccità, costituisce gran parte dell’agricoltura del Paese. Se i raccolti vengono distrutti, ci saranno gravi conseguenze economiche per il paese.

Giuliano de Baldassar ritiene che le misure finora adottate siano relativamente moderate. Ma ipotizza che se la siccità e il caldo persistono durante l’estate, potrebbero essere imposte restrizioni alla doccia più di una volta alla settimana.

– Spero che questo non accada, forse solo molto localmente in questo caso. Dovrebbe piovere, dice de Baldassar, anche se nelle prossime settimane sembrerà che in Italia farà caldo e secco.

La soluzione: risparmiare acqua

Giuliano de Baldassar e Georgia Destoni chiedono una migliore preparazione per l’imminente maltempo di cui l’organismo di ricerca globale mette in guardia sul cambiamento climatico. Invece di agire in modo reattivo una volta scoppiata la crisi, è necessario un consumo idrico più responsabile anche prima che le riserve inizino a esaurirsi.

READ  La base nerazzurra svela due nuove acquisizioni - e commenti su Lukaku e Dybala

Si tende a pensare che l’acqua arrivi quando si apre il rubinetto, ma ci saranno periodi in cui non lo è, dice Georgia Duston.

L’inverno arido di neve ha ridotto l’afflusso di acqua dolce dalle regioni montuose dell’Europa meridionale e ha ridotto le riserve d’acqua in diversi luoghi già durante la primavera.

Poi è arrivata un’ondata di caldo precoce con diversi record di calore a maggio e giugno.

Allo stesso tempo, le precipitazioni sono state inferiori al solito, causando la siccità che stiamo vedendo in alcune parti dell’Italia, del Portogallo e della Spagna.