TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Resandet återhämtar sig och allt fler flygplan lyfter nu från Umeå flygplats. För STs sektionsordförande Mikael Degerlund, som fått jobba hårt i sitt fackliga uppdrag under det senaste året, är det en enorm lättnad.

L’aria sotto le ali | generale

Quindi la perdita di entrate dovuta alla pandemia ha rapidamente causato preoccupazione.

– È stata davvero una crisi. L’amministrazione ha tracciato uno scenario di una settimana e dopo pochi giorni la situazione è peggiorata. Alla fine, penso che fossimo nello scenario 14, dice Mikael Degerlund.

Durante i suoi 30 anni in aeroporto, sono successe molte cose che hanno influenzato l’attività. Tutto, dagli attacchi dell’11 settembre all’eruzione vulcanica in Islanda nel 2010. Niente si avvicina alle conseguenze di un’epidemia.

La nuvola di cenere ha fatto chiudere tutta l’Europa. Poi hanno pensato: “Stage, non andrà bene”. È durata una settimana.

Quando si è presentata l’opportunità di licenziare i dipendenti per brevi periodi, Swedavia l’ha sfruttata al meglio. In totale, la scorsa primavera l’orario di lavoro è stato leggermente ridotto per oltre 2.000 dipendenti dell’azienda. Nel frattempo, sono state interrotte nuove decisioni di investimento, soluzioni di personale e consulenza per la gestione dell’economia.

– Era molto instabile. La notizia che si sarebbe potuto prendere un congedo a breve termine è stata un enorme sollievo. All’epoca, non credo che nessuno potesse immaginare che l’epidemia sarebbe durata a lungo, tutti pensavano che il virus sarebbe scomparso quando sarebbe arrivata l’estate, afferma Mikael Degerlund.

Gruppi di dipendenti dell’aeroporto di Umeå sono stati esposti all’epidemia in modo diverso. I compiti che erano strettamente legati al traffico aereo sono scomparsi, in gran parte licenziando il personale in quei dipartimenti. Molti hanno lavorato tra il 20 e il 40% in gran parte dell’ultimo anno.

– La mia foto è che molti dei licenziati pensavano che fosse troppo carina. Ma per alcuni è stato più difficile, stavi seduto a casa a preoccuparti del futuro. Mikael Degerlund dice che so che alcuni l’hanno vissuta molto duramente.

READ  Il gigante ferroviario tedesco sfida la SJ e la MTR tra Stoccolma e Göteborg

I suoi colleghi del dipartimento di sicurezza sono rimasti in gran parte inalterati. La sicurezza pubblica deve essere mantenuta in aeroporto, indipendentemente dal numero di passeggeri. Con un minor numero di partenze ogni giorno, a volte è diventato più tranquillo, soprattutto la sera, quando non c’era traffico fino a poche settimane fa.

La situazione era simile per i dipendenti che operavano sulle macchine cingolate e effettuavano la manutenzione in officina. Hanno funzionato più o meno come al solito. A volte dovevano saltare per coprire i reparti che avevano meno dipendenti.

I più colpiti sono stati il ​​personale sulla rampa – che si occupa dei voli in arrivo e in partenza – e ai controlli di sicurezza. Sandra AndersonSeduto davanti allo schermo a raggi X e controllando i bagagli, è stato uno di quelli licenziati per la maggior parte dell’ultimo anno.

L’immagine sullo schermo viene solitamente sostituita contemporaneamente al bagaglio del passeggero. Ma ora è ancora così, nessuno ha avuto il controllo negli ultimi 10 minuti. La sala d’attesa adiacente è vuota.