TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’alternativa estiva prende il contagio negli ospedali

Durante la settimana 28, nella regione sono stati rilevati 377 nuovi casi di coronavirus. Si tratta di un aumento del 50% rispetto alla settimana precedente.

Il capo medico del Södra Älvsborgs Hospital di Borås ritiene di aver contratto l’infezione sia negli ospedali che nelle case di cura attraverso giovani surrogati estivi che non avevano preso il vaccino contro il coronavirus.

– Non sono molto malati, ma portano un sacco di virus nei polmoni, dice Nina Weidfeldt a Boras Tidning.

In Svezia non tutti gli operatori sanitari hanno bisogno di essere vaccinati, secondo Widfeldt, potrebbe anche essere perché in alternativa non si è potuto vaccinarsi durante la primavera.

Ma poi bisogna assumersi le proprie responsabilità e usare paradenti, mascherine e guanti.

Durante la settimana 28, nella regione sono stati rilevati 377 nuovi casi di coronavirus.

Foto: Agenzia di stampa John Nelson / TT / TT

Il viaggio è un fattore di rischio

Nina Weidfeldt e Maria Rangviel, capo della gestione ad interim presso il Dipartimento di cura e assistenza agli anziani nella città di Boras, hanno dichiarato al giornale che non c’è stato un aumento della diffusione dell’infezione a Säs – o nella casa di cura municipale.

Abbiamo somministrato tutti i vaccini alternativi, ma non tutti sono stati presi. “Ovviamente siamo sempre preoccupati per l’infezione nelle nostre case, ma quelle alternative la diffonderanno, non ne abbiamo discusso”, afferma Maria Rangvill.

Secondo la regione di Västra Götland, le persone colpite hanno meno di 30 anni e molti casi possono essere ricondotti a viaggi all’estero.

Vediamo chiaramente che il viaggio è un chiaro fattore di rischio per l’infezione ora. In molti paesi, il numero di casi di COVID-19 è di nuovo in aumento e gli svedesi sono persone che viaggiano, afferma il vice medico per il controllo delle infezioni Liv Doteval nell’ultimo comunicato stampa della regione.

READ  Kristianstad ha ottenuto la seconda vittoria consecutiva a Damalsvenskan
Dopo dieci anni come capo della ricerca presso il colosso farmaceutico americano Pfizer, la pandemia di Corona sta raggiungendo la sua massima forza. Improvvisamente, Mikael Dolstein, 62 anni, un medico con radici di Halland, è finito all’aria aperta.
Leggi di più: Allerta ospedale: l’epidemia non è ancora finita
Leggi di più: Avviso di viaggio del medico: “È molto rischioso”