TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Svezia è ultima in classifica nel nuovo indice di sostenibilità

La Svezia è ultima in classifica nel nuovo indice di sostenibilità

Dal punto di vista del governo, la Svezia è spesso descritta come un leader mondiale nello sviluppo sostenibile e nella politica climatica. Ad esempio, ce n’era uno Messaggio che Stefan Lofven ha portato con sé al vertice sul clima di Glasgow a novembre.

Tuttavia, è difficile distinguere tra la maglia di leader blu e gialla indice di sviluppo sostenibile, un indicatore che misura lo sviluppo umano in relazione alla sostenibilità ambientale presentato per la prima volta nel 2020 in Ecological Economics dal ricercatore Jason Heckel.

“Siamo uno dei paesi più ricchi del mondo e utilizziamo molte risorse”.

Su 165 paesi, la Svezia è al 20° posto, dal basso. Alcuni dei paesi con risultati peggiori sono Svizzera, Finlandia, Norvegia, Canada, Stati Uniti, Australia, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Singapore.

Il motivo principale per cui la Svezia e molti altri paesi ricchi si mettono in una posizione così negativa è che l’indice attribuisce grande importanza alla sostenibilità ambientale, e questo viene misurato con l’aiuto delle emissioni di anidride carbonica e dell’impronta dei materiali basate sul consumo pro capite.

Siamo uno dei paesi più ricchi del mondo e utilizziamo molte risorse. Consumiamo molto, abbiamo molte foreste, molte miniere e importiamo molti beni con una grande impronta di carbonio, afferma Thomas Sterner, professore di economia ambientale.

Thomas Sterner, Professore di Economia Ambientale presso l’Università di Göteborg.

Foto: Borg Nelson

emissioni basate sul consumo Significa che includi anche le emissioni di beni prodotti in altri paesi ma consumati nel tuo paese. L’impronta fisica è una misura dell’uso di varie risorse come biomassa, combustibili fossili, minerali e pietra. Quest’ultima sembra a Thomas Sterner una misura in parte imbarazzante.

L’impronta fisica è misurata dal numero di tonnellate che consuma o lavora, indipendentemente dal fatto che si tratti di foresta, pietra o minerale di ferro. Ciottoli e plutonio sono misurati nelle stesse miglia, il che è un metodo di misurazione insoddisfacente. Dal punto di vista climatico, non importa quante tonnellate di ghiaia usi, dice.

In una stazione di legna da ardere a Uddevalla, i tronchi aspettano di essere bruciati come bioenergia.  Anche la biomassa è inclusa nell'impronta fisica.

In una stazione di legna da ardere a Uddevalla, i tronchi aspettano di essere bruciati come bioenergia. Anche la biomassa è inclusa nell’impronta fisica.

Foto: Veronika Ljung-Nielsen

Allo stesso tempo, Thomas Sterner ritiene che l’indice nel suo insieme abbia un certo significato per misurare l’impatto ambientale. Lo SDI identifica i punteggi dei paesi dividendo le metriche dello sviluppo umano (aspettativa di vita, istruzione e reddito) per le metriche della sostenibilità ambientale (emissioni basate sui consumi e impronta fisica).

Siamo ricchi in Svezia e conduciamo una vita materiale densa, ed è chiaro che stiamo facendo pressione sull’ecosistema del pianeta. Dice che tutti i paesi ricchi, in particolare i paesi ricchi con molte materie prime, come la Scandinavia, il Canada e gli Stati Uniti, se la passano male in questo indicatore.

“Pionieri del possibile” è stato lo slogan della delegazione svedese al vertice sul clima COP26 a Glasgow. È un concetto di comunicazione dell’Istituto svedese che promuoverà la Svezia come paese di affari e investimenti.

Foto: Istituto Svedese

Ma più importante da un punto di vista ambientale è la misurazione delle emissioni di anidride carbonica pro capite, afferma Thomas Sterner.

– Lì siamo molto più in alto, per esempio, dell’India e di gran parte dell’Africa. Contribuiscono al cambiamento climatico meno di noi.

I tre paesi che si classificano al primo posto nell’indice di sviluppo sostenibile sono, a loro volta, Costa Rica, Sri Lanka e Georgia.

Molti dei paesi che ottengono il punteggio migliore sono così poveri che ottengono automaticamente punteggi alti sulle misure di sostenibilità ambientale. Ma nessun paese è l’ideale in generale, ed è strano che Colombia e Perù se la cavino meglio dell’India, perché non sono migliori dal punto di vista climatico, dice Thomas Sterner.

Risultati significativamente migliori La Svezia di solito riceve annualmente Indice SDG, compilato dalla Rete delle soluzioni per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDSN) e misura fino a che punto gli Stati membri delle Nazioni Unite stanno raggiungendo gli obiettivi di sviluppo sostenibile globali. Gli obiettivi globali coprono tutto, dall’uguaglianza di genere e la riduzione della povertà allo sviluppo delle infrastrutture e alla crescita economica.

Coltivazione di banane in Costa Rica.  Il Costa Rica è il paese che occupa il primo posto nell'indice di sviluppo sostenibile.

Coltivazione di banane in Costa Rica. Il Costa Rica è il paese che occupa il primo posto nell’indice di sviluppo sostenibile.

Nella foto: Jürgen Olfsgaard

Nell’indice SDG 2021, la Finlandia è in cima alla lista, mentre la Svezia è al secondo posto e la Danimarca al terzo. Il motivo per cui la Svezia ottiene risultati migliori su questo indicatore è che non divide le misure di sviluppo umano con misure di sostenibilità ambientale. Qui, invece, i parametri vengono sommati tra loro.

– In questo indice non c’è denominatore, solo numeratore. Non tiene conto della quantità di risorse utilizzate, ma guarda solo a quanto è arrivato un paese con gli obiettivi globali. È un obiettivo per una vita piacevole e sostenibile. Poiché la Svezia è un paese così ricco e ambizioso, afferma Thomas Sterner, qui andiamo bene.

Quindi, essere primi nell’indice SDG non significa necessariamente che sei il migliore in fatto di clima?

– No, generalmente è più facile per i paesi ricchi salire in questo indicatore. Diventa anche strano, perché i paesi ricchi consumano le risorse della Terra più di altri. Penso che si dovrebbero considerare entrambi gli indicatori in qualche modo arbitrari, in particolare il componente con un’impronta fisica in cui tutto viene misurato in chilogrammi. Bisogna prendere i valori esatti con le pinze.

Per saperne di più:

Maggiori emissioni per i paesi occidentali in modo diverso nel calcolo

La Svezia deve “prendere l’iniziativa”, ma gli obiettivi climatici sono tutt’altro che sufficienti

READ  La nuova mossa di Erik Selin: qui investe 70 milioni di corone svedesi