TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La spesa militare totale mondiale per il 2020 è la più grande dalla Guerra Fredda - gli Stati Uniti senza minacce |  Straniero

La spesa militare totale mondiale per il 2020 è la più grande dalla Guerra Fredda – gli Stati Uniti senza minacce | Straniero

L’umanità non ha speso almeno dal 1988 tanti soldi per il suo esercito come ha fatto nel 2020, nonostante la pandemia Corona. La spesa militare è aumentata del 2,6% rispetto al 2019.

Ciò è stato menzionato dall’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, Sipri, nel suo rapporto annuale sulla spesa militare globale.

Il 2,4 per cento del PIL globale collettivo va ai costi militari, secondo l’istituto. Sono quasi 2 trilioni di dollari o, più precisamente, 1981 miliardi di dollari.

Il PIL, cioè il PIL, misura il valore della produzione totale, cioè il valore di tutti i beni e servizi che abbiamo prodotto durante l’anno.

In euro, ciò significa circa 1640 miliardi. In confronto, la Finlandia ha speso 3,5 miliardi di euro per la difesa nel 2019.

Gli Stati Uniti sono i più grandi della loro categoria: rappresentano il 39% della spesa totale

Non sorprende che gli Stati Uniti siano responsabili della maggior parte della spesa. Durante l’ultimo anno di Donald Trump alla Casa Bianca, la spesa militare è aumentata del 4% a 778 miliardi di dollari. Questo è il 39 per cento della spesa militare mondiale.

Rappresenta anche i dodici maggiori acquirenti della lista messi insieme.

D’altra parte, è del 10 percento in meno rispetto a quello che gli americani hanno messo nell’esercito dieci anni fa, quando il paese ha stabilito i suoi record. Dal 2016 la spesa ha ripreso a salire.

Vecchia conoscenza nella top 10

Anche se … o grazie? Nome, troviamo tutti e cinque i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in cima alla lista SEPRI.

READ  G7. Caritas International: cancellare i debiti dei paesi poveri

Dopo gli Stati Uniti, la Cina è al secondo posto in termini di spesa militare – circa 252 miliardi di dollari – mentre Russia e Gran Bretagna sono rispettivamente al quarto e quinto posto, spendendo circa 60 miliardi di dollari ciascuna.

Il quinto cancelliere Francia si è classificato all’ottavo posto con 52,5 miliardi di dollari, leggermente superato dalla Germania.


La spesa militare russa è nuovamente aumentata nel 2020 dopo una pausa di un anno, e dal 2011 la spesa è aumentata di un quarto.
Treno di aerei da combattimento durante l’esercitazione militare di Zapad.
Foto: EPA-EFE
Russia, Bielorussia, eserciti, aerei militari, esercitazioni militari

L’India spende il terzo esercito più grande del mondo, circa 73 miliardi di dollari. L’India ha aumentato la sua spesa militare di un terzo dal 2011. Impallidisce ancora in confronto ai cinesi, che l’anno scorso hanno speso il 75% in più per le forze armate rispetto al 2011.

L’Arabia Saudita è al sesto posto, il Giappone al nono e la Corea del Sud al decimo.

Norvegia, Svezia e Danimarca sono nei primi quaranta

Norvegia (28), Svezia (33) e Danimarca (39) sono tra i primi 40 spender. Tutti e tre hanno aumentato drasticamente le loro spese militari negli ultimi 10 anni: Norvegia del 37%, Svezia del 34% e Danimarca del 24%.

La Finlandia non è tra i 40.

L’Africa ha avuto la percentuale maggiore e l’Asia centrale è diminuita in modo significativo

La maggior parte dei paesi che hanno aumentato le proprie spese militari dal 2019 al 2020 si trovano principalmente in Africa. Uganda (+46%), Ciad (+31), Nigeria e Marocco (entrambi +29) hanno aperto la strada mentre il continente nel suo insieme ha aumentato le sue spese militari del 5,1% in totale.

READ  Si dice che il bot di Amazon Astro stia andando male. Nemmeno io posso bere la birra

La spesa militare del Myanmar è aumentata al secondo posto nel mondo del 41% e il Montenegro ha condiviso il quarto posto con Nigeria e Marocco, con un aumento del 29%.

L’Asia centrale è la regione che ha tagliato di più la spesa, con un calo dell’8,4 per cento. Solo due regioni hanno tagliato la spesa, il Sud America del -2,1% e l’America centrale e i Caraibi del -0,2%.

Tuttavia, quasi nessun paese di queste tre regioni è tra i paesi che hanno tagliato di più la spesa.

La spesa militare per il Kazakistan è diminuita del 9,2% e Trinidad e Tobago è diminuita dell’8,8%. Dato che la spesa in Europa centrale, Nord Africa e Africa subsahariana nel suo complesso è aumentata in modo significativo, vale la pena notare che otto paesi africani e un paese dell’Europa centrale (Bulgaria) sono tra i 14 paesi che hanno ridotto la loro spesa militare nel maggior parte.

Il commercio globale di armi è rimasto fermo

Sebbene la spesa militare sia la più alta dal 1988, il volume del commercio di armi non è aumentato in modo significativo negli ultimi cinque anni.

Secondo un altro rapporto Sipri, pubblicato a metà marzo, il commercio di armi è cresciuto solo del mezzo punto percentuale dal 2016.

Gli Stati Uniti, la Russia, la Francia, la Germania e la Cina sono i cinque maggiori esportatori di armi al mondo e insieme hanno rappresentato i tre quarti del commercio mondiale di armi tra il 2016 e il 2020. Gli Stati Uniti da soli rappresentano il 37 per cento.

Tra questi, tuttavia, il commercio di armi russo è diminuito drasticamente, del 22 per cento rispetto al quinquennio precedente.

La Svezia è il quindicesimo esportatore di armi al mondo, ma detiene meno dell’1% del mercato.

L’Arabia Saudita e l’India hanno importato la maggior parte delle armi – insieme hanno acquistato un quinto delle armi tra il 2016 e il 2020. Più di un decimo delle armi è finito in paesi europei.

Fonte: Stockholm International Peace Research Institute (Sipri)