TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le relazioni extraconiugali sono diventate difficili da mantenere e nascondere: la pandemia di Coronavirus ha portato a un boom di divorzi in Italia da parte di uno straniero

Le relazioni extraconiugali sono diventate difficili da mantenere e nascondere: la pandemia di Coronavirus ha portato a un boom di divorzi in Italia da parte di uno straniero

Durante l’anno pandemico 2020, i divorzi sono aumentati in Italia. Nel nord, dove più donne lavoravano ed erano finanziariamente indipendenti, c’erano anche più donne che chiedevano il divorzio rispetto al sud. Ma le norme sociali e culturali secondo cui il ruolo delle donne sono di mantenere la coesione familiare rimangono forti.

Le numerose e prolungate chiusure dell’ultimo anno non hanno solo provocato una crisi economica, ma hanno anche provocato la disgregazione di molte famiglie.

L’avvocato Matteo Santini vede una forte tendenza al divorzio legata al fatto che le persone siano costrette a restare a casa National Divorce Society (Approssimativamente: National Divorce Association), un istituto di ricerca con sede a Roma incentrato sul diritto di famiglia.

Il blocco ha portato ai divorzi

Il numero di divorzi è aumentato del 60% durante l’anno epidemico del 2020 rispetto all’anno precedente. Appare in un sondaggio condotto dall’associazione.

“I blocchi a livello nazionale e le restrizioni di vasta portata hanno costretto le coppie, in linea di principio, a trascorrere il tempo sotto lo stesso tetto”, ha detto Santini, aggiungendo:

È un grande contrasto per le coppie che potrebbero essersi incontrate in precedenza solo per mezz’ora a tavola la sera.


Il divorzio è ancora più raro per la popolazione che in Finlandia, ad esempio.
Un disegno di una coppia sposata e di un bambino. * Il disegno è strappato in due parti sopra il bambino.
Foto: Elle / Kristen Sandberg
Divorzio e matrimonio nella Chiesa cattolica

Nel corso dell’anno milioni di italiani sono stati costretti a occuparsi sia del lavoro da casa che dei bambini con la formazione a distanza a casa. Insomma, è circa un anno di grandi cambiamenti nella vita di tutti i giorni, e per molti anche nelle condizioni di vita.

Le chiusure hanno portato ad un aumento della disoccupazione, che a sua volta ha causato problemi all’economia, provocando grandi pressioni per molti, afferma l’avvocato Matteo Santini.

READ  I premi di offerta stanno accelerando verso nuovi record

La violenza domestica è aumentata

Inoltre, le opportunità di socializzazione al di fuori della famiglia sono notevolmente ridotte. Allo stesso tempo, tutte le attività ricreative sono state bandite.

Per molti, lo sport è un modo naturale per liberare lo stress e le emozioni negative. Adesso la gente dovrebbe invece occuparsi di tutto ciò che è dentro le mura di casa, il che crea frustrazione, irritazione e rabbia, dice Santini e lo paragona a un vaso di pressione emotiva, che in alcuni casi esplode.

Un’espressione di ciò è che la violenza degli uomini contro le donne nelle relazioni intime è aumentata notevolmente durante l’epidemia.

Abbiamo visto un enorme aumento della violenza nelle relazioni, non solo contro le donne ma anche contro i genitori più anziani e i bambini nelle famiglie, dice Santini.

Esacerbazione di problemi precedenti

La psicologa Elena Grilli lavora con la terapia di coppia ed è specializzata anche nel sostenere le donne che hanno subito violenza nelle relazioni intime.

Allo stesso modo in cui le coppie sposate che avevano difficoltà a comunicare prima che la crisi peggiorasse, le relazioni violente sono diventate più pericolose. Soprattutto, la violenza si è intensificata nelle relazioni in cui c’erano già elementi di violenza psicologica, fisica o finanziaria prima, ed è diventata pericolosa per molte donne, dice Grell.

Psicologa Elena Greeley

Elena Greeley osserva che molti stanno vivendo seri problemi di relazione durante una pandemia.
Psicologa Elena Greeley
Foto: Elle / Kristen Sandberg
Italia, psicologi

Descrive una situazione in cui le donne che in precedenza erano sotto il controllo dei loro mariti, avevano pochi contatti sociali e potrebbero non lavorare ed erano relativamente isolate a casa, sono diventate più isolate perché avevano perso le loro poche opportunità di uscire, di portare i bambini a scuola o per fare acquisti.

READ  Dottore: Eva ha difficoltà ad affrontare la quarta ondata senza modifiche

Vediamo anche che la necessità di dominare aumenta per questi uomini. È legato al trauma, che si può dire dell’epidemia, che fa sentire a molte persone di aver perso il controllo della propria vita, il che a sua volta significa che stanno esercitando un maggiore controllo sui loro partner. Dice Greeley.

I divorzi sono molto più rari di quanto lo siano in Finlandia

I dati ufficiali sul numero di divorzi avvenuti nel 2020 non sono ancora disponibili, ma secondo l’avvocato Matteo Santini, questo è il doppio rispetto al 2015 quando in Italia sono stati registrati 98mila divorzi.

In un confronto europeo, l’Italia, secondo i dati Eurostat 2016, è molto indietro rispetto alla Finlandia per quanto riguarda il numero di divorzi per popolazione.

Santini dice che ciò è in parte dovuto al ruolo della Chiesa e della cultura che è stata tradizionalmente caratterizzata da una forte opposizione al divorzio.

La legislazione ha anche reso la questione più difficile per chi voleva il divorzio. In precedenza, era richiesto un periodo di inversione di tre anni tra separazione e divorzio. Tuttavia, una nuova legge ha ridotto i tempi tra i 6 ei 12 mesi, dice, ma le norme sociali lo rendono ancora difficile.

Ruoli di genere tradizionali

La psicologa Elena Greeley crede che ci sia una visione fortemente radicata del ruolo delle donne nel matrimonio, che riguarda il tenerle insieme a tutti i costi, il che crea stress e pressione sulle donne.

– Non è raro per me sentire “Se lascio mio marito, ho fallito come donna”, dice e osserva che una responsabilità irragionevolmente alta ricade sulle donne nelle relazioni.

Durante la pandemia, il carico di lavoro delle donne è aumentato in modo significativo. Secondo Grilli, si tratta principalmente di ottenere più affari di assistenza.

– È responsabilità delle donne prendersi cura dei bambini, dei genitori anziani e dei parenti con disabilità quando le scuole chiudono e tutte le attività quotidiane per portatori di handicap e anziani si sono interrotte in linea di principio un anno fa, afferma Greel e menziona:

READ  No, la Svezia non cambierà la corona con l'euro

– Il carico complessivo è diventato troppo grande e molti sono stati schiacciati sotto di esso.

Le donne vogliono il divorzio

Secondo la tendenza al divorzio dall’anno dell’epidemia, sono soprattutto le donne a chiedere il divorzio. E lo fanno principalmente nel nord.

Il fattore decisivo è l’economia. L’avvocato Matteo Santini afferma che al Nord ci sono più donne che lavorano e hanno un’economia personale abbastanza forte da osare separarsi e vivere da sole.

Nelle parti meridionali del paese, ci sono molte meno persone che chiedono il divorzio.

– Credenza comune, strutture familiari tradizionali e norme sociali fanno sì che più donne rimangano sposate nel sud Italia, continua.

Poche donne lavorano o guadagnano abbastanza per gestire i propri affari. Ciò significa il costo della partenza, e con questo non intendo i costi legali, ma il prezzo di riorganizzare la vita da soli è così proibitivo che rende il divorzio quasi impossibile.

Elena Grilli pensa che siano più facili ovviamente le condizioni economiche di chi vuole partire, ma non basta. Ci vuole anche un grande coraggio.

Le ragioni del divorzio, secondo il sondaggio, sono state nel 40 per cento dei casi di infedeltà, anche online, nel 30 per cento della violenza nelle relazioni e nel 30 per cento di altre cause.

È diventato difficile mantenere relazioni al di fuori del matrimonio e nascondersi a casa, il che a sua volta ha portato a frustrazione e lotte che hanno portato al divorzio, dice Santini.