TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La società di smart home Insteon è scomparsa, lasciando gli utenti all’oscuro

Il mercato dei gadget intelligenti è invaso da molti attori e standard, qualcosa che può contribuire a questo nella scelta di ecosistemi e prodotti. Tra questi, o meglio, l’americana Insteon, che combina con uno speciale protocollo i segnali wireless sulla banda dei 900MHz e la tecnologia Linea elettricache trasmette segnali di rete sulla corrente elettrica.

Come da un giorno all’altro, l’azienda ha ora interrotto tutte le operazioni bruscamente e senza preavviso, lasciando gli utenti al loro destino con prodotti che non funzionano più. Impostazioni, orari e controllo remoto di qualsiasi cosa, dall’illuminazione intelligente ai sensori e agli interruttori, sono interessati, poiché i servizi cloud e i server da cui dipendono la stazione base e l’app Insteon non esistono più.

La società non ha risposto a nessuna chiamata per una settimana, il forum di supporto è stato chiuso e le informazioni sono state rimosse dai profili dei dirigenti senior. Tuttavia, il sito Web Insteon viene ancora fornito scuse più brevi Dove una vendita aziendale fallita e difficoltà durante la pandemia sono alla base della chiusura.

Sebbene i prodotti siano ora sostanzialmente inutili con la speciale app Insteon, possono comunque essere utilizzati, tra le altre cose, con l’Home Assistant, poiché è stato gestito il protocollo Insteon Ingegneria inversa Qualche tempo fa.

Insteon non è mai entrata nel mercato svedese, ma essendo uno dei primi produttori partner di Apple al lancio dell’Homekit nel 2014, ha un gran numero di utenti, tra l’altro, negli Stati Uniti. Tuttavia, dà un’idea delle difficoltà che gli utenti possono incontrare quando si spegne un intero ecosistema senza preavviso, cosa che può essere particolarmente delicata per una casa intelligente in particolare.

READ  My Current Ghostwire: Tokyo - Shinji Mikami Tango Gameworks vuole realizzare titoli che vadano oltre il genere horror

fonte: Ars Tecnica