TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La remissione dell’asma infantile è più comune dell’asma ad esordio in età adulta

La remissione dell’asma infantile è più comune dell’asma ad esordio in età adulta

L’asma è una malattia comune che può manifestarsi inizialmente durante l’infanzia e poi nell’età adulta. Esistono pochi studi in cui le persone sono state seguite per un lungo periodo per vedere come l’asma si sviluppa e cambia nel tempo. Pertanto, lo scopo della tesi è stato quello di apportare nuove conoscenze riguardo…
1) L'incidenza dell'asma e la sua incidenza dall'infanzia alla giovane età adulta e i fattori importanti sia per l'incidenza che per la diagnosi
2) Quali caratteristiche cliniche sono associate alla prognosi a lungo termine dell'asma negli adulti.

La tesi si basa su studi in cui sono state seguite più di 3.000 persone di età compresa tra 8 e 28 anni. L’incidenza dell’asma è risultata elevata durante l’infanzia, è rimasta elevata durante l’adolescenza ma è diminuita durante l’età adulta. Fino all’età di 10 anni, l’asma era più comune nei ragazzi che nelle ragazze, ma a partire dai 15 anni è diventata più comune nelle ragazze. Fattori legati alla prima infanzia, come il fumo durante la gravidanza, il basso peso alla nascita, l'eczema, un test allergico positivo agli allergeni presenti nell'aria (ad esempio betulla, erba, pelliccia) o infezioni respiratorie acute prima degli 8 anni, sono stati principalmente associati all'insorgenza di asma Nell'infanzia. E l'adolescenza. La breve durata dell’allattamento al seno e la presenza di un genitore asmatico sono stati associati all’insorgenza dell’asma anche in età adulta.

I disturbi allergici agli occhi e al naso all'età di 8 anni erano fortemente associati all'esordio dell'asma durante l'infanzia, l'adolescenza e la giovane età adulta. Circa il 40% delle persone con asma all’età di 8 anni guariscono dall’asma entro i 28 anni. Reazioni allergiche, problemi allergici agli occhi e al naso, infezioni respiratorie acute durante l'infanzia e aumento della sensibilità bronchiale nell'adolescenza erano più comuni tra coloro che soffrivano ancora di asma all'età di 28 anni. L'incidenza di asma e febbre da fieno è aumentata dagli 8 ai 28 anni, soprattutto tra quelli con un test allergologico positivo.

READ  I bambini svedesi stanno ingrassando durante la pandemia

Tuttavia, durante l’infanzia, l’adolescenza e la prima età adulta, era insolito avere tutte e tre le condizioni contemporaneamente: asma, eczema e problemi di allergia agli occhi o al naso. Tra le persone che hanno sviluppato asma in età adulta, 9 su 10 sono rimasti asmatici dopo 15 anni di follow-up. Le persone che si sono riprese dall’asma avevano una migliore funzionalità polmonare e vie aeree meno sensibili rispetto a quelle che avevano ancora l’asma.

Indipendentemente dall'età, è importante ricordarsi di chiedere informazioni sui fattori nelle prime fasi della vita e durante gli anni del bambino, come il peso alla nascita, l'esposizione al fumo, le infezioni respiratorie e se hanno altre condizioni allergiche oltre alla genetica per asma e allergie. . Tutti questi fattori possono influenzare lo sviluppo dell'asma e anche la prognosi della malattia, afferma l'autrice della tesi Linnea Almqvist, Dipartimento di sanità pubblica e medicina clinica.

Venerdì 17 maggio Linnea Almqvist, Dipartimento di sanità pubblica, medicina clinica e salute sostenibile dell'Università di Umeå, ha difeso la sua tesi Epidemiologia dell’asma – diagnosi dell’asma nell’infanzia e nell’età adulta. La difesa avrà luogo alle 9:00 presso la Sala dei Banchetti, Ospedale Sunderbai, Luleå.

Collegamento Diva

Dati del chiamante
070-623 72 14
[email protected]