TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Via libera alla carne di cinghiale proveniente dalla zona interessata

Via libera alla carne di cinghiale proveniente dalla zona interessata

Foto: la maggior parte delle foto
Gettare pezzi di cervo nel cuore di ogni cacciatore. Ora l'Agenzia svedese per l'agricoltura sta aprendo la possibilità di utilizzare carne di cinghiale nella regione di Fagerstadt.

La carne di cinghiale può essere consumata nella parte esterna della zona colpita a Fagersta. L’Agenzia svedese per l’agricoltura ha ora dato il via libera al consumo di carne proveniente da animali macellati che sono risultati negativi alla peste suina africana.

Recentemente è stata effettuata una ricerca sulle carcasse di cinghiali nella zona colpita di Fagersta, ma sono state trovate solo parti scheletriche antiche.

Da qualche tempo, secondo i rapporti, l'Agenzia svedese per l'agricoltura riceve domande dai cacciatori che hanno lavorato per abbattere i cinghiali per prevenire le malattie sulla possibilità o meno di utilizzare la carne come cibo. Fagersta Boston.

Distrutto finora

Finora la carne di tutti i cinghiali uccisi nella zona colpita è stata distrutta. Ma ora l’Agenzia agricola svedese apre presto la porta a prendersi cura della carne. Ai cacciatori che richiedono un permesso da parte dell'autorità può essere dato il via libera per mangiare carne di animali uccisi nella parte esterna della zona e risultati negativi alla peste suina.

Oltre al desiderio di evitare lo spreco di materie prime alimentari, l'Agenzia svedese per l'agricoltura spera che aumenti l'interesse per la caccia al cinghiale, che il numero degli animali diminuisca e che la Svezia venga dichiarata sana.

“Domande pratiche”

– La squadra di caccia compie sforzi inestimabili nel lavoro di combattimento, sia quando si tratta di cercare le carcasse che di ridurre la popolazione di cinghiali. Ovviamente avremmo voluto poter consentire il consumo di carne prima, ma molte importanti questioni pratiche hanno richiesto tempo per essere risolte, afferma in un comunicato stampa Maria Cedermij, responsabile del controllo delle infezioni presso l’Agenzia svedese per l’agricoltura.

READ  Questo è il numero di persone che hanno avuto un'infezione da TBE l'anno scorso nella contea

Ella aggiunge:

– Ora disponiamo di una soluzione che soddisfa i requisiti di sicurezza contro le infezioni e fa sì che la carne possa diventare cibo invece di essere distrutta.

Non influisce sull'immagine

Mikael Holtens, consigliere nazionale per la conservazione della fauna selvatica presso la Federazione dei cacciatori, JRF, accoglie con favore l'annuncio.

– È positivo, ovviamente, ma si tratta ancora solo di un piccolo numero di cinghiali nella zona esterna. Secondo lui questo non influisce affatto sul quadro generale.