TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La propaganda del Cremlino sta lottando per sopravvivere in Ucraina

I giovani stanno in linea retta e indossano jeans e camicie bianche. Le bandiere che sventolano sono blu puro e non c’è nessuna parola in russo su di esse. Solo in inglese e spagnolo.

Patrioti per la vita. Nessun Basaran!

La manifestazione a Kiev sembra essere internazionale. Infatti, è organizzato dal partito filorusso “Programma di opposizione per la vita”. Viene presentato come una manifestazione in onore dei veterani ucraini della seconda guerra mondiale nel cosiddetto Giorno della Vittoria, il 9 maggio. Questo è ciò a cui Tetiana Legina, per esempio, crede di dover prendere parte. È venuta qui con la sua vicina Irina Zhifimova, perché crede che sia importante ricordare gli orrori della seconda guerra mondiale.

Irina Jevimova, Tetyana Levchenko e Tetyana Legina partecipano a un treno dimostrativo per onorare le vittime della seconda guerra mondiale, ma per ragioni diverse.

Foto: Paul Hansen

Molti morirono durante la seconda guerra mondiale. E ora i nostri migliori giovani stanno ancora morendo al fronte nell’est dell’Ucraina. Titiana dice che queste sono le persone che voglio onorare.

Ma la verità è L’evento non è per onorare nessuno. Si tratta di ripetere lo stesso metodo rituale per celebrare il Giorno della Vittoria sviluppato dal regime di Putin in Russia. Ciò significa cantare parate sovietiche e mobilitare i cosiddetti “reggimenti immortali” dove le persone tengono le foto dei loro parenti che hanno preso parte alla guerra. I partiti filorussi in Ucraina spesso operano per nostalgia sovietica.

Apparteniamo alla generazione che il 9 maggio ha sempre celebrato il Giorno della Vittoria. Che ora siano passati all’8 maggio non è accettabile. Perché cambiare queste cose? chiede Irina Zhifimova.

La città di Kiev ha investito molto nella celebrazione del Giorno della Vittoria dei dignitari ucraini, assumendo un coro e un'orchestra per suonare musica popolare ucraina.

La città di Kiev ha investito molto nella celebrazione del Giorno della Vittoria dei dignitari ucraini, assumendo un coro e un’orchestra per suonare musica popolare ucraina.

Foto: Paul Hansen

Dal 2015 L’Ucraina celebra l’anniversario della seconda guerra mondiale l’8 e il 9 maggio. Celebrare il Giorno della Vittoria il 9 maggio era una tradizione sovietica da cui l’allora presidente Petro Poroshenko voleva prendere le distanze. (Quando i tedeschi si arresero, il 9 maggio era già a Mosca.)

Poroshenko è andato a festeggiare secondo il programma dell’Europa occidentale piuttosto che della Russia. I VIP hanno ricevuto il “Programma di opposizione a vita” del partito filo-russo come strumento per mobilitare le forze di supporto. Hanno lavorato per cinque anni affinché il 9 maggio rimanesse il “vero” Giorno della Vittoria. Marciano ogni anno e vengono accolti dai nazionalisti ucraini che li prendono in giro. A volte la situazione degenera in un litigio.

Gli ucraini celebrano la fine della seconda guerra mondiale presso la statua d'acciaio di 102 metri del Monumento alla Patria a Kiev.

Gli ucraini celebrano la fine della seconda guerra mondiale presso la statua d’acciaio di 102 metri del Monumento alla Patria a Kiev.

Foto: Paul Hansen

Allo stesso tempo, la propaganda russa in Ucraina si è indebolita. all’inizio dell’anno Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky Tre canali televisivi russi, con la motivazione che stanno conducendo una guerra di propaganda per conto del Cremlino. NewsOne, Kanal 112 e ZIK erano tutti di proprietà di Taras Kozak, che siede nella Verkhovna Rada. Ma la persona che è effettivamente dietro i canali è l’uomo d’affari e politico filo-russo Viktor Medvedzhok. È un amico personale di Putin e persino il padrino di una delle sue figlie.

Per molto tempo, l’influenza di Medvedchuk è stata forte perché tutti sapevano della sua amicizia con Putin. Aveva un ruolo casuale, non appariva molto ma tirava costantemente le fila. Ora è agli arresti domiciliari per alto tradimento. Questa è un’accusa grave. Allo stesso tempo, Medvedtjuk non deve essere detenuto regolarmente, cosa che ha suscitato critiche in quanto suggerisce che sta ricevendo un trattamento speciale.

In un treno dimostrativo Tatiana Levchenko posa con una foto in bianco e nero di un lontano parente, lo zio di suo marito, che era un pilota di caccia. Crede che la guerra nell’est dell’Ucraina sia colpa degli Stati Uniti.

Siamo uno strumento nella lotta americana contro la Russia. Durante l’era sovietica, eravamo tra i paesi industriali più avanzati d’Europa. Siamo diventati una colonia. Siamo un mercato di consumatori in cui tutti vendono i propri prodotti. Europa, Stati Uniti e Cina si indossano sempre in tutte le direzioni.

– Quindi la Russia è nostra amica? chiede seccamente Titiana Ligina.

– Puoi pensare a quello che vuoi. Penso che gli Stati Uniti si stiano approfittando di noi. Non la Russia.

Quando un treno dimostrativo Inizia, l’evento è chiaramente organizzato. Uomini in nero corrono avanti e indietro, mettendo le persone in fila. Si rifiutano di rispondere alle mie domande. In primo piano la parlamentare filorussa Elga Kiva, oltre a un gruppo di preti e suore ortodossi russi. Un camion a noleggio guida il treno, dotato di un altoparlante gigante. I raduni sovietici sono rumorosi.

Al treno partecipano anche i credenti ortodossi russi.  La posizione della Chiesa ortodossa russa a Kiev rimane forte e il governo ucraino lo considera il braccio destro del Cremlino in Ucraina.

Al treno partecipano anche i credenti ortodossi russi. La posizione della Chiesa ortodossa russa a Kiev rimane forte e il governo ucraino lo considera il braccio destro del Cremlino in Ucraina.

Foto: Paul Hansen

– Una volta, quando sono entrato in classe il 9 maggio, ci sono state lanciate delle patate. La gente ci ha insultato. Non so cosa stia succedendo oggi. Se hanno intenzione di lanciarci di nuovo le cose, dice Tatiana Levchenko.

Per diversi anni consecutivi, questa marcia si è conclusa con una rissa che è stata accolta dai nazionalisti. Anche quest’anno, i gruppi nazionalisti sono in piedi lungo la strada e seguono i manifestanti. la donna urla:

– A parte! Vergogna!

Il treno filorusso di Kiev riceve una tessera dalla polizia.  Diverse volte in precedenza si era scontrato con i nazionalisti ucraini.

Il treno filorusso di Kiev riceve una tessera dalla polizia. Diverse volte in precedenza si era scontrato con i nazionalisti ucraini.

Foto: Paul Hansen

un po’ di violenza Non succede. I manifestanti hanno le carte della polizia. Mentre attraversavo la città, mi sono imbattuto in Roman, uno studente bielorusso che filmava la dimostrazione. È molto turbato.

– L’Ucraina è in guerra con la Russia e questi traditori possono camminare allo scoperto! Roman dice che permettere significa spararsi ai piedi.

È fuggito dalla Bielorussia dopo le manifestazioni autunnali contro Lukashenko e non vuole rivelare il suo nome per motivi di sicurezza.

Quando il raduno del D-Day sarà finito, dai un’occhiata a Titiana Legina. Dice che il post era sbagliato.

– Non avevo idea che fosse un raduno come questo. Volevo onorare i nostri veterani, non sapevo che questo partito l’avesse rapita.

Il coro del Monumento alla Patria celebra il Giorno della Vittoria cantando canzoni popolari ucraine.  È un modo per allontanarsi dal modo sovietico di festeggiare.

Il coro del Monumento alla Patria celebra il Giorno della Vittoria cantando canzoni popolari ucraine. È un modo per allontanarsi dal modo sovietico di festeggiare.

Foto: Paul Hansen

di conseguenza L’analista politico Volodymyr Fesenko, è impossibile per l’Ucraina vietare tali manifestazioni.

– Abbiamo il pluralismo politico in Ucraina. Va ricordato che una parte significativa del popolo ucraino si sente ancora leale nei confronti della Russia. E soprattutto critica i politici che sono al potere dalla rivoluzione di Majdan nel 2014. Abbiamo partiti filo-russi in Parlamento. Costituiscono circa il dieci percento, ma fanno tutto il possibile per avere un impatto. Sono seduti lì parte della democrazia.

Allo stesso tempo, Fesenko ritiene che il presidente Volodymyr Zelensky abbia fatto bene a chiudere i canali televisivi filo-russi. Altrimenti, è stata la decisione a suscitare critiche non solo in Russia. Il ministro degli Esteri dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha avvertito che la lotta alla disinformazione “non deve andare a scapito della libertà di espressione”.

– Siamo nel bel mezzo di una guerra. Poi i paesi chiudono i canali TV, questo fa parte della guerra. I canali televisivi che sono stati chiusi diffondono una propaganda russa molto aggressiva. Penso che sia stato un bene per la scena mediatica che siano scomparsi, dice Fesenko.

L’Ucraina ha anche chiuso i social media russi, come odnoklasniki, vkontakte e il motore di ricerca russo yandex.

Allo stesso tempo, dice Fesenko, la guerra ha portato al desiderio della maggioranza degli ucraini di entrare ora nell’Unione Europea. Anche il sostegno della NATO è aumentato in modo significativo.

Prima del 2014, solo il 20% degli ucraini voleva entrare nella NATO. Più del 70% si è opposto. Dopo l’annessione della Crimea e la guerra nel Donbass, circa il 45 per cento sostiene l’adesione alla NATO. Lo ha fatto lo stesso Putin.

Leggi di più:

Come dovrebbero Biden e Putin poter parlare tra loro?

READ  Focus sulla tecnologia nel secondo giorno del vertice sul clima