TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nuova accoglienza significa che possono essere sottoposti a screening più pazienti con sclerosi sistemica

Nella primavera del 2022, l’ospedale universitario di Skåne ha ricevuto un incarico di assistenza nazionale altamente specializzato per il trapianto di cellule staminali nella sclerosi sistemica. Ora sta aprendo un nuovo ambulatorio reumatologico dove i pazienti possono essere esaminati ed esaminati senza dover essere ricoverati. Si spera che ciò porti a una migliore qualità medica e tempi di attesa più brevi per il gruppo di pazienti che è stato duramente colpito durante la pandemia.

I nostri pazienti soffrono di malattie sistemiche che colpiscono molti organi. Pertanto, sono spesso necessarie molte indagini diverse. Può essere difficile averne uno a casa, quindi i pazienti vengono da noi da tutto il paese, afferma John Einarson, capo del dipartimento di reumatologia presso l’ospedale universitario di Skien e responsabile medico del nuovo reparto diurno che appena aperto a Lund.

La sclerosi sistemica è una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario del corpo è indirizzato in modo errato contro i propri tessuti. Più comunemente, la malattia colpisce la pelle, ma può anche avere gravi effetti su polmoni, cuore, reni e intestino e aumentare la mortalità.

Trapianto di cellule staminali nella sclerosi sistemica – Skane University Hospital (skane.se)

Tempi di attesa più brevi
In passato sono state condotte indagini su pazienti con malattia reumatica poco appariscente in regime di ricovero. Ma per quanto riguarda l’inizio dell’epidemia, le indagini si sono praticamente fermate momentaneamente, in quanto non c’era posto per quei malati con malattie croniche piuttosto che acute.

– Un asilo nido è essenziale per questo gruppo di pazienti che sono stati gravemente esposti durante la pandemia. Ora possiamo ricevere una decina di pazienti a settimana. Possono rimanere nell’albergo del paziente mentre vengono esaminati qui per due o tre giorni. La disponibilità sarà migliore e i tempi di attesa saranno più brevi. Inoltre, la qualità medica sarà migliore perché è un ambiente privo di rischi. I pazienti non hanno bisogno di essere ricoverati in ospedale, il che sarebbe pericoloso per qualcuno con malattie polmonari, ad esempio, afferma Jon Einarson.

READ  “La cosa più importante ora è evitare i contatti” - Ostrobothnia - svenska.yle.fi
Jon Einarson, MD, capo del dipartimento di reumatologia presso l’ospedale universitario di Skåne e medico capo medico presso la nuova clinica diurna di reumatologia.

Associazioni di pazienti interessate
Circa 100 persone in Svezia sviluppano ogni anno la sclerosi sistemica e, di queste, circa 30 soffrono del tipo grave. Sono questi pazienti che possono essere idonei per un trapianto di cellule staminali, un trattamento per il quale lo Skåne University Hospital è stato incaricato insieme al Karolinska University Hospital dal National Board of Health and Welfare di condurre al suo interno un’assistenza nazionale altamente specializzata.

La nuova clinica diurna di reumatologia dispone di sale di accoglienza, una cucina per i pazienti e una sala di riposo. Le associazioni dei pazienti sono state coinvolte nella progettazione dei locali, dove ad esempio la temperatura è più alta che in altri reparti, molti pazienti hanno problemi articolari e dolori.

Collaborare con infermieri, infermieri ausiliari, fisioterapisti, terapisti occupazionali, segretarie, consulenti e medici che lavorano alla reception.

– Non vedo l’ora che ora possiamo riprendere le operazioni dopo la pandemia, che possiamo prenderci cura della coorte di pazienti e indagare su più pazienti con malattie reumatiche non evidenti, afferma Jon Einarson.

Fatto: sclerosi sistemica

  • La sclerosi sistemica è una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario del corpo è indirizzato in modo errato contro i propri tessuti.
  • Come altre malattie autoimmuni, le donne sono colpite principalmente, circa l’80%.
  • Più comunemente, la malattia colpisce la pelle, ma può anche avere gravi effetti su polmoni, cuore, reni e intestino e aumentare la mortalità.
  • In Svezia, almeno 2.000 persone probabilmente soffrono di sclerosi sistemica.
  • Circa 100 si ammalano ogni anno e di questi circa 30 hanno la forma grave. I pazienti con variante grave possono essere idonei per il trapianto di cellule staminali.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:
John Einarson, capo dipartimento e reumatologo presso l’ospedale universitario di Skien, tel. 046-17 1619.

Cure altamente specializzate sia a livello nazionale che internazionale – Skåne University Hospital di Sös (skane.se)