TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La gelosia reale svedese è un mito

La gelosia reale svedese è un mito

Gli svedesi sono meno gelosi dei ricchi di Francia, Spagna e Italia. Il sociologo tedesco Rainer Zeittelmann scrisse che il popolo svedese aveva più cose in comune con gli inglesi e gli americani.

Il ministro delle finanze svedese Magdalena Andersson ha proposto di reintrodurre l’imposta sul patrimonio o, come la chiama lei, l’imposta milionaria. Ma la sua proposta rispecchia davvero l’umore della popolazione svedese? Un sondaggio internazionale ha mostrato che gli svedesi hanno un atteggiamento più favorevole nei confronti dei ricchi rispetto ai residenti in Francia, Spagna e Italia.

Ipsos MORI ha condotto sondaggi rappresentativi su 7.644 persone in sette paesi per scoprire l’atteggiamento del pubblico nei confronti dei ricchi. I risultati di queste indagini costituiscono la base del Sentiment Richness Index, che descrive se la popolazione di un determinato paese ha una visione positiva o negativa dei ricchi. Il sondaggio, che definisce i “ricchi” come aventi un patrimonio di almeno 1 milione di euro (in Svezia: 10 milioni di corone) oltre alle abitazioni di base, mostra che i francesi hanno le opinioni più negative dei ricchi, seguiti dagli spagnoli e tedeschi. . Gli svedesi, invece, hanno molto in comune con gli americani e gli inglesi, che hanno un atteggiamento più positivo nei confronti dei ricchi.

Gli svedesi sono anche meno gelosi, come conferma l’analisi dell'”invidia sociale” in ciascun paese intervistato. La polemica di Magdalena Andersson contro i ricchi rischia di avere l’approvazione soprattutto di un gruppo di socialmente gelosi, ma in Svezia sono solo il 21 per cento secondo il sondaggio. I dati dell’indagine hanno anche permesso di calcolare il “coefficiente di invidia sociale” che mostra la prevalenza dell’invidia sociale in un paese: più basso è il valore, minore è la gelosia della nazione. In Svezia il coefficiente è 0,44 che è basso come gli USA (0,42) e la Gran Bretagna (0,37), mentre quelli in Francia (1,26) e Germania (0,97) sono più gelosi.

Gli svedesi non vogliono tassare i ricchi

In tutti i paesi intervistati, la maggior parte delle persone pensa che sia giusto che i ricchi siano tassati più dei poveri o delle persone con un salario medio – ed è così che i sistemi fiscali sono stati progettati in tutti i paesi intervistati. Ma le opinioni divergono su quanto alte dovrebbero essere le tasse sui ricchi. In Francia e Germania, ad esempio, la maggioranza degli intervistati afferma che le tasse sui ricchi non dovrebbero essere solo alte, ma anche molto alte.

A questo punto, è interessante notare che la Svezia è l’unico paese intervistato in cui la maggioranza degli intervistati si oppone al suggerimento che i ricchi dovrebbero pagare tasse molto alte. Mentre la percentuale di rispondenti a favore di tasse molto alte sui ricchi domina in tutti gli altri paesi, gli svedesi rifiutano il concetto di tasse molto alte sui ricchi. Infatti, la metà degli svedesi (49 per cento) ritiene che “le tasse sui ricchi dovrebbero essere alte ma non eccessivamente perché in genere hanno lavorato duramente per guadagnare la loro ricchezza, e lo stato non dovrebbe toglierne così tante”. Tuttavia, solo un terzo (32%) concorda sul fatto che “i ricchi non dovrebbero solo pagare tasse elevate, dovrebbero pagare tasse molto alte. In questo modo, lo stato può garantire che il divario tra ricchi e poveri non diventi troppo ampio qui nel nostro paese».

In confronto, la maggior parte degli intervistati in Francia (53 percento) è favorevole a tassare i ricchi con aliquote molto alte, e solo il 19 percento degli intervistati francesi si oppone a tassare i ricchi troppo in alto.

Un’altra osservazione interessante per la Svezia è che ci sono maggioranze in tutti i gruppi di reddito che si oppongono a tasse molto alte sui ricchi. Naturalmente, l’opposizione a tasse molto alte sui ricchi è particolarmente forte tra coloro che hanno un reddito alto, il 65 percento (reddito familiare 800.000 SEK e oltre). Ma anche tra gli svedesi che guadagnano meno di 300.000 corone svedesi all’anno, la percentuale di coloro che rifiutano tasse molto alte sui ricchi è molto più alta (47 percento) rispetto alla percentuale di intervistati che preferiscono tasse molto alte sui ricchi (37 percento).

Gli svedesi sembrano essersi “vaccinati” contro le tasse punitive sui ricchi grazie alle loro stesse esperienze di imporre tasse molto alte ai lavoratori ad alto reddito negli anni ’70. Quindi gli svedesi si resero conto che il sistema fiscale del paese non colpiva solo i ricchi, ma danneggiava la società nel suo insieme. Gli svedesi più anziani possono ricordare che alcuni dei cittadini più ricchi della Svezia come Ingvar Kamprad in realtà sono fuggiti dalla Svezia per sfuggire alle tasse eccessive del paese, e persino un socialdemocratico come Astrid Lindgren ha protestato a gran voce per i livelli fiscali allora elevati.

Ricchi tratti della personalità

In tutti e sette i paesi, agli intervistati è stato fornito un elenco di sette tratti di personalità positivi e sette negativi e hanno dovuto rispondere a quali tratti avevano più probabilità di adattarsi alle persone benestanti. In Svezia, il 36 per cento dei ricchi intervistati li ha descritti come “materialisti”, il 33 per cento come “veggenti/ lungimiranti”, il 32 per cento come “avidi”, il 32 per cento come “indulgenti” e il 31 per cento come “lavoratori”. Queste risposte sono più interessanti rispetto ai tratti dati dagli svedesi che conoscono personalmente almeno una persona che possiede più di 1 milione di euro. Alla domanda su quali qualità si applicherebbero a una persona ricca che lo conosce meglio, il 50 percento ha scelto “intelligente”, il 46 percento “lavoratore”, il 35 percento “veggente/ lungimirante”, il 35 percento “onesto” e il 34 percento è “diffuso pieno di risorse “.

Questa constatazione vale anche per altri paesi: quando alle persone viene generalmente chiesto quali caratteristiche direbbero ai ricchi, diventano più negativi che se la stessa domanda fosse posta al gruppo di intervistati che conosce personalmente almeno una persona benestante.

Ciò è particolarmente evidente quando si tratta soprattutto di una qualità: “onestà”. In Germania, ad esempio, solo il tre per cento degli intervistati ritiene che i ricchi siano onesti, rispetto ai 42 che hanno affermato questo riguardo alla persona ricca che conoscono personalmente.

Libertà economica e atteggiamento verso i ricchiأغني

Ogni anno, la Heritage Foundation valuta i livelli di libertà economica nei paesi di tutto il mondo. Nell’ultimo Index of Economic Freedom, la Svezia si è classificata al 21° posto su 178 paesi. La Francia, invece, si colloca solo al 64° posto. Si osserva che nei paesi con livelli di libertà economica più elevati (Gran Bretagna, USA e Svezia), gli atteggiamenti nei confronti dei ricchi sono generalmente più positivi rispetto ai paesi con livelli di libertà economica inferiori (es. Francia e Italia). In un certo senso, gli svedesi sembrano avere più cose in comune con inglesi e americani che con tedeschi e francesi. Tuttavia, resta da vedere se esiste una relazione generale tra atteggiamenti verso i ricchi e libertà economica. Lo studio sarà presto proseguito con studi in quattro paesi asiatici: Cina, Giappone, Corea del Sud e Vietnam.

Rainer Zettelmann

Storico e sociologo tedesco. Il suo libro “Il modello e i capri espiatori –

Opinione dei ricchi in Svezia e in altri paesi” pubblicata da Svenske Tedskrift il 22 giugno.


READ  Migliore utilizzo degli archivi - Consilium