TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La diagnosi precoce del disturbo bipolare può ridurre la necessità di cure ospedaliere

La diagnosi precoce del disturbo bipolare può ridurre la necessità di cure ospedaliere

immagine:

Titolo:

Adrian E. Desai Bostrom lavora presso il Centro per la ricerca psichiatrica, Dipartimento di neuroscienze cliniche, Karolinska Institutet. Foto: Gustav Happe

Molte persone affette da disturbo bipolare iniziano con la depressione e spesso ci vogliono molti anni prima che ricevano la diagnosi e il trattamento corretti. In un precedente studio su JAMA Psychiatry, Adrian Desai Bostrom e colleghi hanno notato che il disturbo bipolare può essere sottodiagnosticato tra gli adolescenti svedesi e che le aree svedesi con tassi di diagnosi più elevati hanno tassi di suicidio confermati più bassi tra i ragazzi adolescenti. Pertanto, i ricercatori hanno voluto indagare se gli adulti con una prima insorgenza di depressione a cui è stato successivamente diagnosticato un disturbo bipolare avessero una maggiore probabilità di ricevere una diagnosi precoce di bipolare, rispetto a un gruppo simile di individui con una prima insorgenza di depressione nell’adolescenza. .

La diagnosi è ritardata nonostante ulteriori trattamenti

Lo studio ha analizzato dati su larga scala provenienti da Stoccolma tra il 1997 e il 2013 e ha incluso solo i partecipanti che avevano ricevuto una diagnosi di disturbo bipolare entro il 2018. I risultati mostrano che i giovani svedesi affetti da depressione per la prima volta a cui è stato successivamente diagnosticato un disturbo bipolare sono meno della metà del rischio di depressione. Ottieni una diagnosi di disturbo bipolare più precoce rispetto agli adulti. Per garantire che i risultati non fossero influenzati da differenze neurobiologiche e sulla base di ricerche neurobiologiche che dimostrano che lo sviluppo del cervello continua fino all'età di 25 anni, gli adolescenti sono stati confrontati anche con persone di età compresa tra 18 e 21 anni. Tuttavia, i risultati furono gli stessi.

READ  L'Europa ottiene il primo vaccino contro il virus chikungunya

I ricercatori hanno anche notato che il gruppo di adolescenti aveva registrato più visite psichiatriche rispetto al gruppo di adulti, suggerendo che la diagnosi ritardata negli adolescenti non è dovuta alla mancanza di opportunità di cura. Gli autori dell'articolo suggeriscono che il ritardo nella diagnosi osservato negli adolescenti può essere correlato al cambiamento clinico delle cure che si verifica quando i pazienti compiono 18 anni e vengono trasferiti dalla psichiatria infantile e dell'adolescenza (BUP) alla psichiatria degli adulti. Ciò è supportato dall’osservazione che la stragrande maggioranza dei giovani riceve la successiva diagnosi di disturbo bipolare nella psichiatria degli adulti.

Il nostro studio sottolinea la necessità di migliorare i processi diagnostici all'interno del BUP per il disturbo bipolare al fine di identificare e fornire un trattamento appropriato basato sull'evidenza per i giovani colpiti precocemente, afferma Adrian Desai Bostrom, MD, medico del BUP e ricercatore post-dottorato presso il Johan Gruppo di ricerca Lundberg presso l'Istituto Karolinska. .

Ridurre l'uso di antidepressivi

Per capire se i pazienti beneficiassero di una diagnosi bipolare, i ricercatori hanno studiato la quantità di tempo trascorso dai pazienti in cure psichiatriche prima e dopo la diagnosi. I ricercatori hanno notato che la diagnosi ha portato a una significativa diminuzione delle cure ospedaliere psichiatriche sia per i giovani che per gli adulti. In entrambi i gruppi ciò ha coinciso con una diminuzione nell’uso di antidepressivi, tra gli altri, ma nessun cambiamento significativo nell’uso di litio o di altri farmaci stabilizzatori dell’umore.

“Un aspetto particolarmente importante dei nostri risultati è il forte calo del numero di ricoveri dopo una diagnosi di disturbo bipolare, che riflette un beneficio tangibile per i pazienti sia giovani che adulti. Questo calo dei ricoveri dopo una diagnosi di disturbo bipolare ha coinciso con un netto miglioramento diminuzione nell'uso di antidepressivi, che secondo gli studi possono aumentare l'instabilità emotiva nei pazienti con disturbo bipolare, mentre l'uso del litio è rimasto invariato, afferma Johan Lundberg, primario del Nora Stockholm Psychiatry e assistente professore di psichiatria al Karolinska Institutet.

READ  Un agente di reclutamento qualificato aumenta le possibilità di ottenere un lavoro

I ricercatori ritengono che i risultati sottolineino l’importanza di una diagnosi precoce e corretta del disturbo bipolare sia negli adolescenti che negli adulti, soprattutto nei pazienti ricoverati. Ritengono inoltre che i risultati forniscano nuovi indizi su importanti spunti per la progettazione di strategie farmacologiche in pazienti con depressione per la prima volta che sono a rischio di transizione al disturbo bipolare.

Partner collaboratori e finanziamenti

Il progetto di ricerca è uno dei tanti avviati dalla Regione di Stoccolma con l'obiettivo di aumentare il numero di collaborazioni di ricerca tra il settore sanitario della Contea di Stoccolma e le aziende farmaceutiche di ricerca. Tutte le aziende farmaceutiche svedesi sono state invitate a partecipare a questo programma di ricerca sulla depressione tramite l'associazione di categoria dell'industria farmaceutica Lif. La Regione di Stoccolma ha avviato il progetto di ricerca e conserva tutti i dati della ricerca. Anche la Regione di Stoccolma ha sostenuto questo progetto con competenze scientifiche e cliniche.

Il coautore Thomas Karz era un dipendente e azionista di Sence Research durante l'implementazione dello studio. Non sono stati segnalati altri conflitti di interessi.

Editoria

“Transizioni di adolescenti e adulti dal disturbo depressivo maggiore al disturbo bipolare: un'analisi con punteggio di propensione a livello di popolazione”, Adrian E. Desai Boström, Thomas Cars, Clara Hellner, Johan Lundberg. Psichiatria JAMAonline il 29 maggio 2024, doi: 10.1001/jamapsychiatry.2024.1133.

https://doi.org/10.1001/jamapsychiatry.2024.1133