TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La coppia porta i visitatori alla velocità della luce sulle piste della Svezia - Happyride.se

La coppia porta i visitatori alla velocità della luce sulle piste della Svezia – Happyride.se

I fratelli Oliver e Ben Zouar si sono rafforzati durante la stagione di quest’anno sulle piste svedesi e internazionali. Oltre a zwift, Zwar dà vita alla scena dh svedese IRL. Qui puoi conoscere la confraternita svedese-australiana.

Il 17° e il 24° posto al Campionato del Mondo di discesa libera, l’oro del campionato svedese di discesa libera e il miglior 22° posto alla Coppa del Mondo sono inclusi nella trasmissione della Coppa del Mondo. Sì, Oliver e Ben Zoar si sono rafforzati durante la stagione di quest’anno e, come due trombe d’aria, hanno spostato la scena svedese e internazionale sulle piste. Con una nuovissima squadra UCI e grandi prestazioni alla Coppa del Mondo, i fratelli svedese-australiani stanno scuotendo la vita nella scena del downhill svedese un po’ dimenticata e mettendo la Svezia sulla mappa del downhill internazionale. Quindi chi sono i fratelli svedesi in discesa più veloci in questo momento?

Sven MartinIl fratello maggiore Oliver Zouar atterra e riprende Ben, un po’ meccanico prima della gara in Val di Sol Trentino, Italia.

Non è esagerato affermare che Oliver e Ben Zouar sono arrivati ​​come vortici sulla scena del sesso svedese. Perché in appena un anno e mezzo, si sono distinti per la loro spinta, velocità incredibile e grandi ambizioni che significano il loro business quando si tratta dei loro lavori in discesa.

Dall’Australia alla Svezia

Non c’è dubbio che stiano sfruttando le opportunità offerte dal team svedese di MTB e dalla Dala Sports Academy. Allora, come sono finiti a Falun due fratelli australiani cresciuti in una piccola città nel sud-est dell’Australia?

“Grazie ad Adrian Hornqvist, siamo qui”, spiegano i fratelli. “E la nostra madre svedese, naturalmente. Oggi sono molto grato che abbia preso lezioni di svedese con noi da bambini e che abbiamo visitato spesso i nostri parenti”.

tazza insiemeOliver Zouar ha vinto il campionato svedese in AED prima di Robin Wallner e tre di loro Ben Zouar, re 2021.

I fratelli hanno incontrato Adrian per la prima volta durante la Coppa del Mondo a Cairns, in Australia, tramite sua madre, e poi si sono tenuti in contatto negli anni seguenti:
“Non abbiamo parlato molto di ciclismo per la squadra nazionale svedese, ma di più delle opportunità di allenamento che esistono in Svezia, ad esempio la Dallah Sports Academy, e vicino alle finali della Coppa del Mondo che si svolgono principalmente in Europa”.

Sven MartinBen, il secondo dall’estrema destra, discute con Oliver come il sarcofago dovrebbe essere portato in competizione nel Campionato del mondo di MTB UCI 2021. Val di Sol, Trentino, Italia.
Sven MartinBen completa il piano sul sarcofago in Italia.

infanzia

La Coppa del Mondo era proprio l’obiettivo dei due fratelli che da adolescenti hanno iniziato a praticare il downhill:
“Sono abbastanza sicuro che sia stata l’ipnosi di Clay Porter a farmi andare in discesa. Mi sono seduto e l’ho guardato con mio padre e un amico e ho sentito ‘Wow, voglio farlo’. Ho preso tutti i miei risparmi, ho fatto un trattare con papà per prendere in prestito il resto, e poi sono andato a comprare Big Hit Specialist.” Un mese dopo, ho preso parte alla mia prima gara di discesa libera”, dice il fratello maggiore Oliver e ride.

Ispirati dall’ipnosi e dai campioni nazionali Mick Hannah e Sam Hill, che all’epoca erano entrambi i migliori sciatori della Coppa del Mondo, i fratelli hanno iniziato la loro carriera sulle piste. Oliver ha partecipato a tutte le competizioni nazionali junior mentre Ben è saltato un po’ di più dentro e fuori dallo sport ed è entrato nella competizione del mondo reale nella classe U17.:
“Non ho fatto bene da ragazzo e non mi sono mai qualificato per correre la Coppa del Mondo. Ma io Ho lottato, e nel 2016 ho finalmente avuto una buona stagione e ho sentito che era ora di provare per la Coppa del Mondo. Dopo di che, ero totalmente agganciato. Si è staccato dal lavoro, esausto tutti i giorni liberi, è volato in Europa il lunedì, ha gareggiato in un grave jet lag, è andato dritto a casa e ha lavorato il giorno successivo. È stato molto frenetico”.

Oliver ha fondato la sua squadra di downhill Zwar Brother Racing e insieme a Ben ha cercato di raggiungere il maggior numero possibile di Coppe del Mondo. Nel 2019, Oliver ha scelto di concentrarsi interamente sulla competizione e ha avuto un buon anno in Coppa del Mondo conquistando i primi 30 posti e molti di loro nei primi 50. Penn ha combattuto come élite nel primo anno e si è alternato tra i primi 40 risultati senza qualificazione.

fattore decisivo

Ma la competizione, i viaggi e le stravaganti raccolte di fondi iniziarono a influenzare i fratelli. Avere sede in Australia è semplicemente il posto sbagliato per qualcuno che vuole competere in una Coppa del Mondo incentrata sull’Europa. Trasferirsi in Svezia ha attirato sempre di più.

Sven MartinBen Zouar tuona durante una competizione a Maribor, in Slovenia.

Il fattore decisivo che alla fine ha spinto i fratelli a lasciare la loro casa d’infanzia Yakandah e trasferirsi a Fallon è stato quando sono stati selezionati nella squadra australiana per la Coppa del Mondo 2019 ma senza alcun supporto sotto forma di biglietti aerei, alloggio o assistenza per la competizione stessa . Essere selezionati per la Coppa del Mondo era un sogno, ma senza l’aiuto finanziario della federazione, avevano rare possibilità di entrare nella competizione.

“Se non fosse stato per me vincere un Wyn Masters Privateer quella stagione, non saremmo stati in grado di acquistare i biglietti aerei per il Canada”, spiega Oliver. “Allo stesso tempo, mentre lavoravamo extra e raccoglievamo fondi per raccoglierli insieme per la Coppa del Mondo, Adrian ha delineato le possibilità che avremmo potuto avere se avessimo gareggiato per la Svezia. Alla fine ci è sembrata l’unica scelta ovvia”.

Nuovo anno, nuovo paese, nuova squadra nazionale

Felice e fatto che, nel gennaio 2020, il carico in movimento si è trasferito a Fallon, i fratelli hanno iniziato ad allenarsi con l’Adrian Wadala Sports Academy e si sono assicurati un posto nella squadra nazionale appena creata nel fascino della MTB. Hanno fatto prove e hanno iniziato a guidare con alcuni dei più veloci Enduroproff svedesi come Zacharas Johansen e Robin Wallner. E sebbene i loro primi anni in Svezia siano stati contrassegnati da un’epidemia, hanno dato loro il tempo di trovare il loro posto nel Falun e tra nuovi amici.

“Conoscere più persone che pedalano, si allenano e competono ad alto livello è stata una grande spinta per noi”, afferma Ben. “In Australia non avevamo molte persone con cui pedalare, ma qui a Falun ci sono molti ciclisti d’élite, e anche di diverse discipline come Enduro e XC. Tra le altre cose, pedaliamo molto con Zacharias Johansen, quindi non penso mai che abbiamo ricevuto una buona formazione.”

Sven MartinOliver Zouar ai Mondiali in Slovenia.

Dopo un fantastico primo anno in Svezia, mentre i fratelli continuavano a competere sotto la loro bandiera in Coppa del Mondo, hanno concluso la stagione 2020 con due migliori – 22° e 24° a Lusa, in Portogallo:
“Sembrava una ricevuta che stavamo facendo qualcosa di giusto”, dice Ben.

Quando tutto va a posto

Si sarebbe scoperto che più cose stavano per andare a posto. Un giorno prima che il team si registrasse per il 2021, hanno annunciato che si sarebbero uniti con la società di media MTB Steel City Media e avrebbero creato un nuovissimo team UCI: The Union.

“È davvero un grande concetto e un grande passo per noi. La Federazione è una squadra che la pensa in modo leggermente diverso, un team di sviluppo che vuole aiutare i ciclisti promettenti e dare loro la possibilità di raggiungere il loro pieno potenziale”, spiegano i fratelli. Sebbene Oliver mantenga il ruolo di team manager presso la scuderia, è Steel City Media che entra e dirige la maggior parte delle cose dietro le quinte, tipo. Supporto finanziario, sponsor, logistica, meccanica, media e altro. Qualcosa che permette ai fratelli di rinunciare molto e concentrarsi maggiormente sull’allenamento e sul ciclismo.

“Da un giocatore privato ad ora essere un corridore di squadra in una vera scuderia UCI è una bella sensazione. Fa una grande differenza per un ciclista competitivo, specialmente durante la stessa Coppa del Mondo, avere una tenda fissa, un posto dove riposare tra le prove tondi, e un meccanico privato Tu, la persona che gestisce la logistica, un maggiore accesso ai prodotti e alle reti dei media. Abbiamo anche accesso a una casa della squadra a Morzine, nelle Alpi francesi, dove abbiamo trascorso gran parte dell’allenamento estivo tra una competizione e l’altra”.

Sven MartinScatta una foto a Leogang con Zwars sulle quinte, Ben Zwar a destra e Oliver a sinistra

La migliore stagione finora

Dall’essere un giocatore privato in Australia e alle difficoltà con gli straordinari, le differenze di orario e le costose tariffe aeree al vivere ora in Svezia, allenarsi con Adrian e DSA, gareggiare per la squadra nazionale svedese ed essere un pilota per la squadra della Federazione. Sono successe molte cose negli ultimi due anni ai fratelli Zouar.

“La differenza è enorme. Ha appena concluso 17° in Coppa del Mondo in Val di Sol. Miglior risultato personale e prima volta nella Top 20. Anche Ben ha avuto un miglior risultato personale in Coppa del Mondo dove è arrivato 24°. Oliver continua: ” La Val di Sole è un ottimo esempio di quanto è cambiato di recente gli anni. L’ultima volta che siamo stati qui è stato nel 2019. Poi siamo stati io, Ben e mia madre. Avevamo parcheggiato la nostra macchina e l’avevamo nascosta dall’altra parte del fiume perché non potevamo essere nella stessa area stabile. Non avevamo strumenti reali e nessun supporto. La scorsa settimana siamo tornati ai Mondiali ed è stato tutto completamente diverso. Eravamo lì con l’intera squadra svedese di downhill, Adrian era lì come capitano e ci ha aiutato con tutto, dal cibo alla selezione della linea. Avevamo un meccanico e un massaggiatore. Mi sono semplicemente sentito pazzo a sedermi e vedere la differenza rispetto al 2019. “

Sven MartinSe le immagini non sono un po’ sfocate, si sposteranno molto lentamente. Le gambe ai Mondiali in Italia.

E sì, i risultati parlano da soli. I fratelli diventano più veloci, più sicuri e prendono il meglio dopo il meglio. Si sono qualificati facilmente per la Coppa del Mondo, Oliver era in diretta su Red Bull TV a Les Gets ed entrambi i fratelli bussano alla porta dei primi 20 in qualsiasi momento. Se continuano così, è solo questione di tempo prima che diventino entrambi habitué del live streaming.

READ  Commento: il voto delle Nazioni Unite espone la politica di violenza degli Stati Uniti