TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La certificazione medica è un compito legittimo per un medico generico?

La legittimità del compito influisce sulla persona che lo esegue? La semplice risposta è che funziona. Il fatto che un compito sia legittimo per definizione significa che la persona che lo esegue lo considera significativo e che tu stesso hai l’attitudine appropriata per svolgerlo. Maggiore è il grado di compiti legittimi che una persona possiede, maggiori sono le probabilità che la persona si senta bene con il proprio lavoro e viva un buon ambiente di lavoro, mentre il contrario, cioè un alto grado di compiti illegali (quelli che sono percepiti come privi di significato o che qualcun altro possa svolgere meglio con le capacità di far fronte al compito) – comporta il rischio di stress negativo e un ambiente di lavoro psicosociale povero (1-4).

In qualità di professionista sanitario, sei formato nella valutazione, nel trattamento e nella cura dei pazienti. Questa è l’essenza del business e qualcosa che la maggior parte delle persone considera altamente legittima. Quello che è successo negli ultimi decenni è che agli operatori sanitari di tutti i gruppi professionali è stato consentito di dedicare una proporzione crescente del loro tempo a compiti amministrativi piuttosto che al lavoro malato (5,6). Le ragioni di ciò sono numerose, ma una delle ragioni principali è il ruolo crescente della documentazione, della segnalazione e della registrazione nell’assistenza sanitaria (7).

In uno studio sul tempo che abbiamo condotto nelle cure primarie, forse il più grande del suo genere, che presentiamo nel libro Paper, Money and Patients (6), abbiamo dettagliato l’orario di lavoro di tutti i dipendenti in undici centri sanitari (1.8). Lo studio ha mostrato, ad esempio, che i medici dedicavano in media solo un terzo di loro a dirigere il lavoro di un paziente, all’incirca la stessa quantità al lavoro indiretto di un paziente (come documentazione, rinvii, testimonianze, ecc.) E altri tipi predominanti. Attività amministrative. Lo studio ha mostrato una relazione inversa tra il tasso di lavoro diretto del paziente e l’esperienza di svolgere compiti di lavoro irragionevoli e una relazione diretta tra questi compiti e l’ambiente di lavoro psicologico e sociale negativo.

Per fare un esempio di cosa potrebbero essere le mansioni lavorative illecite, vorrei partire dal fenomeno molto diffuso della documentazione della capacità lavorativa, compito che per il medico generico medio è diventato negli anni un’intensa routine quotidiana.

READ  La compressa è stata testata contro la malattia di Covid in Svezia

Per prima cosa vorrei iniziare dicendo una cosa: se, come medico, prendo un paziente in congedo per malattia è perché – in base alle mie capacità mediche – ritengo che la persona in questione sia davvero incapace di lavorare. Se non ci avessi pensato, non avrei nemmeno preso un congedo per malattia.

Tuttavia, l’assicurazione sanitaria, nel tentativo di aumentare i tassi crescenti di malattia, è stata rafforzata nel corso degli anni in modo che solo coloro che non possono lavorare veramente hanno diritto alle prestazioni di malattia, e le ragioni di ciò devono essere attentamente. È giustificato che i funzionari siano in grado di determinare chi, sulla base di testimonianze, è qualificato per questo o no.

Si può trovare che questo sia vero e corretto. Avere una malattia non significa automaticamente che non puoi lavorare. Spesso, come professionisti del settore medico, veniamo informati da varie parti dei pericoli derivanti dall’assunzione di pazienti in congedo per malattia, come se questa fosse una notizia sorprendente per noi. Questo, ovviamente, non è affatto così. Al contrario, è una parte altrettanto chiara di tutte le altre situazioni mediche, così come siamo ben consapevoli dei rischi di vari farmaci o procedure chirurgiche. Si tratta di soppesare gli effetti collaterali contro i benefici e i rischi contro la necessità.

Ma il risultato è che io, come medico, devo dedicare molto tempo a spiegare nel certificato medico perché il paziente non può lavorare; Perché, ad esempio, chi soffre di forti dolori alla schiena non è in grado di adempiere ai propri doveri di ospizio o perché chi ha ricevuto il gomito del tennista non può adempiere ai propri obblighi di falegname. Può sembrare ovvio, ma non meno importante in diversi stati di dolore, può essere alquanto impossibile. Come apprezzi veramente il dolore e questo individuo soffre più dell’altro, così doloroso che non puoi funzionare? Non esistono metodi oggettivi di verifica del dolore, quindi indipendentemente dal numero di esami e test che il paziente effettua, la descrizione del dolore da parte del paziente termina in un certificato medico, come nel caso di molte altre manifestazioni che non possono essere misurate con metodi oggettivi, come ansia, stress e depressione (per coloro che lo desiderano, ci sono innumerevoli scale di valutazione tra cui scegliere, ma tutte si basano principalmente sulla storia medica del paziente.) In alcune persone l’ansia brilla negli occhi, in altre no. Alcuni si lamentano del dolore, altri mordono.

READ  Quindi dovresti cercare aiuto con gli effetti collaterali

E le parole necessarie per farlo sono diventate innumerevoli.

Certo che so cosa scrivere. Quali parole e formule dovrei scegliere affinché il destinatario sia soddisfatto. E lo uso. Non si tratta affatto di manipolare o diffondere la verità. Ma ho già valutato che la persona a cui si applica il certificato non è in grado di lavorare; È solo una questione di giustificazione per la mia posizione e che a parole so che è importante per la persona che prende la decisione.

All’improvviso, senza che nessuno volesse veramente, sorse una sorta di invisibile tiro alla fune – una guerra di parole in cui io come medico scrivo spiegazioni sempre più dettagliate del perché un individuo non poteva effettivamente funzionare. Allo stesso tempo, con l’Agenzia delle assicurazioni sociali, mentre i tassi di malattia continuano a salire, continua a inasprire i requisiti, interpretare le testimonianze in modo più rigoroso e chiedere cosa hai scritto.

Ironia della sorte, si scopre che, essendo uno dei tanti sovraccarichi e in molti luoghi con una grave carenza di personale medico, trascorro gran parte del mio tempo a dimostrare con testimonianze dettagliate che le persone sono malate, piuttosto che dedicare questo valore e avere tempo costoso aiutare le persone a riprendersi.

Oltre all’ergonomia puramente, c’è anche un aspetto economico. Attualmente, circa 10.000 medici lavorano nelle cure primarie. Se si parte dal presupposto infondato (ma certamente non illogico) che trascorrono in media due ore alla settimana a elaborare testi lunghi in vari certificati per l’Agenzia di previdenza sociale svedese, ciò si traduce in 800.000 ore di lavoro all’anno, o 20.000 settimane intere -time, o 500 lavori a tempo pieno. A ciò si aggiungono i costi aggiuntivi sostenuti dai pazienti per non avere accesso alle cure primarie, essere costretti a cercare cure di emergenza o esacerbare le loro malattie croniche e aver bisogno di cure ospedaliere. Per non parlare del tempo in cui i funzionari di Försäkringskassan devono dedicare l’enorme compito di rivedere tutte queste certificazioni, invece di dedicare il loro tempo e la loro competenza al ripristino della vita lavorativa, che sarebbe più appropriato.

Se è facile mettere in dubbio la validità della mia valutazione medica come medico – da parte di persone con competenze diverse (non mediche) e senza incontrare personalmente il paziente – allora questo compito per me come medico è legittimo? O non sarà facile come quello di qualcun altro?

READ  Un agente di reclutamento qualificato aumenta le possibilità di ottenere un lavoro

Fondamentalmente, potrei non pensarlo. Ma la verità è che il compito che la maggior parte dei medici dovrebbe considerare legittimo ha ottenuto un grado estremamente elevato di illegalità. E lo implementiamo ancora con tutto il cuore.

La domanda è se possiamo permettercelo.

Al momento di certo non ce l’abbiamo.

Magnus FalkSpecialista in medicina generale, Vårdcentralen Kärna, Linköping. Professore assistente, Dipartimento di salute, medicina e benessere, Università di Linköping.

Riferimenti:

1. Anskär E, Lindberg M, Falk M, Andersson A. Legittimità delle mansioni lavorative, ambiente di lavoro psicosociale e uso del tempo tra il personale di assistenza primaria in Svezia. Scand G Prime Health Care 2019; 37 (4): 476–483.

2. Aronsson G, Bejerot E, Härenstam A. Incarichi di lavoro non necessari e irragionevoli tra i medici. Nell’indagine è stata individuata la relazione tra compiti illeciti e stress. Lacartidningen. 2012; 109 (48): 2216-2219.

3. Semmer NK, Tschan F, Meier LL, et al. Compiti illegali e comportamento improduttivo sul lavoro. Applicazione Psychol. 2010; 59 (1): 70-96.

4. Semmer NK, Jacobshagen N, Meier LL, et al. Compiti illegali come fonte di stress da lavoro. stress da lavoro. 2015; 29 (1): 32–56.

5. Statens Offentliga Utredningar (SOU) 2016: 2. Assistenza efficace. Stoccolma: Wolters Kluwer.

6. Ivarson Westerberg A, Anderson A, Anskar E, Castillo D, Falk M, Forsel A. Carta, soldi e malati. Assistenza primaria nella comunità amministrativa. (2021). Lund: Studentlitteratur.

7. Forsel, Ivarson e Westberg. Associazione amministrativa. (2014). Lund: Studentlitteratur.

8. Anskär E, Lindberg M, Falk M, Andersson A. Uso del tempo e ambiente di lavoro psicosociale percepito tra il personale nelle strutture di assistenza primaria svedesi. Servizi sanitari di precisione BMC. 2018; 18: 166.

9. Bornemark J. Rise of the Incommensurable: Compromise with Pedant Global Sovereignty. (2018). Stoccolma: Volante.

Commenti:

Lavori nel settore sanitario e vuoi commentare un testo in base al tuo ruolo professionale?

clicca qui!

I commenti vengono pubblicati dopo la revisione.