TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La campagna di Cuf su un pigro 45enne sta subendo una battuta d'arresto nella ricerca

La campagna di Cuf su un pigro 45enne sta subendo una battuta d’arresto nella ricerca

Secondo il sindacato giovanile di centro-partito, Cuf, l’Employment Protection Act dovrebbe essere abrogato, come si legge, per frenare la disoccupazione giovanile. Il personaggio immaginario di 45 anni Brett Marie è stato seduto in un bar per troppo tempo e ha impedito ai giovani di entrare nel mondo del lavoro. Questo è il messaggio in un videoclip con il capo dell’Unione della Gioventù del Partito di Centro, Rika Tolnay, che lo prende in giro e lo elogia sui social media.

Ma la tesi riguarda Il 45enne sdraiato sulla pastiglia dei freni nella sala caffè è ben diverso dalla recitazione. In effetti, c’è motivo di credere che la realtà sembri essere l’opposto.

Quando l’Istituto per la valutazione del mercato del lavoro e delle politiche educative, Ifau, ha esaminato gli atteggiamenti dei datori di lavoro nei confronti della produttività dei dipendenti di età diverse, hanno concluso che questo particolare gruppo di età ha un valore speciale.

Olof Oslund è professore in visita presso il dipartimento di economia dell’Università di Uppsala.

Foto: Mikael Wallerstedt

Le risposte dei datori di lavoro mostrano che vedono le persone sulla quarantina come quelle che hanno la massima produttività. Poi inizia a diminuire, soprattutto tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Tuttavia, si ritiene che questa fascia di età abbia ancora una produttività maggiore rispetto a quella dei trentenni. Ma se si guarda al valore e si confronta un trentenne con un sessantenne, i trentenni sono ancora un po ‘più attraenti, perché il loro costo è inferiore, afferma Olof Slund, professore in visita in economia dipartimento dell’Università di Uppsala.

Quando il rapporto è stato pubblicato nel 2019, lavorava come CEO presso Ifau. Le conclusioni si basano sulle risposte di 1.400 importanti datori di lavoro che hanno valutato come percepivano la potenziale produttività dei dipendenti e i costi di assunzione.

Va notato che i giovani ventenni sono i meno produttivi.

Ma le conclusioni dovrebbero Con un pizzico di sale, perché la ricerca generalmente non ha una risposta chiara a come appare il rapporto tra produttività e vita.

Non è chiaro che i 45enni siano vecchi, stanchi e non facciano nulla al lavoro. Ma penso che lo sappiano anche tutti. Ovviamente è anche un dibattito politico. Olof Åslund afferma che la ricerca non fornisce una risposta uniforme a questa domanda.

Produttività nel corso della vita

L’indagine si basa sul modo in cui i datori di lavoro rispondono nella misura in cui le caratteristiche sono soddisfatte da ciascuna fascia di età e sull’importanza che ritengono che le caratteristiche siano state create, una misura equilibrata della produttività. Questo indicatore di produttività viene creato ponderando ogni proprietà in base a quanto sia importante per l’imprenditore considerare la proprietà per la propria attività.

Produttività nel corso della vita

Fonte: IFAU

READ  Le elezioni in Norvegia e Germania sono segni di una nuova ondata di sinistra?