TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rischio di obesità e depressione aumenta in relazione alla PCOS

La PCOS (sindrome dell'ovaio policistico), una condizione medica comune nelle donne causata da uno squilibrio degli ormoni ovarici, può anche aumentare il rischio di obesità, depressione, ansia, problemi del sonno, disturbi alimentari e/o disturbi sessuali. Lo dimostra una nuova indagine condotta da ricercatori del Dipartimento di sanità pubblica dell'Università di Stoccolma e dell'Università di Lund.

Donna depressa nel divano arancione

Foto: Marin/Mostphotos

A circa 3.600 delle circa 300.000 donne (sorelle) di età compresa tra 17 e 45 anni incluse nello studio è stata diagnosticata la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS).

Viviana Boldis

Viviana Boldis. Immagine: Università di Stoccolma

Di queste 3.600 donne, al 14% è stata diagnosticata l'obesità, l'8% la depressione, il 7% l'ansia e il 4% una delle malattie, come problemi del sonno, disturbi alimentari o disturbi sessuali, afferma Vivian Poldis, dottoranda in il Dipartimento di Medicina. Salute pubblica all'Università di Stoccolma.

La sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo ormonale che deriva da una maggiore attività del testosterone nelle ovaie. La malattia colpisce tra il 3 e il 10% delle donne in età riproduttiva e può causare, tra le altre cose, mestruazioni irregolari o assenti, aumento della crescita dei peli sul corpo e difficoltà a rimanere incinta. È stato dimostrato che esistono collegamenti tra la PCOS e una serie di altre malattie. Nel nuovo studio condotto dall’Università di Stoccolma e dall’Università di Lund, i ricercatori hanno fatto un ulteriore passo avanti per far luce su questo fenomeno di comorbilità.

Gli studi che ho condotto in passato hanno dimostrato che la malattia è ereditaria e che le donne che hanno una sorella affetta da PCOS hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia a loro volta. È stato possibile stabilire fattori di rischio comuni tra le sorelle.
– Ma in precedenza non eravamo in grado di cogliere le differenze peculiari di ciascuna sorella, afferma Vivian Poldis.

READ  È iniziata la campagna vaccinale primaverile contro il Corona virus

Dovrebbero essere presi in considerazione i fattori di rischio individuali

Nel nuovo studio, lei e i suoi colleghi hanno adeguato i vari fattori di rischio disponibili nei loro dati. Hanno apportato modifiche all'anno di nascita, all'ordine di nascita, all'età della madre alla nascita, al peso alla nascita, al periodo fertile, al livello di istruzione, allo stato civile e al luogo di residenza, nonché al punteggio Agpar (Apgar è un metodo utilizzato dai servizi di maternità personale in grado di determinare su base standardizzata i bambini che necessitano di maggiore aiuto per la transizione alla vita al di fuori dell'utero).

Si è scoperto che la comorbidità, cioè l'associazione tra la sindrome dell'ovaio policistico e le altre malattie citate, rimaneva dopo che i ricercatori avevano controllato e controllato i fattori comuni a livello familiare, cioè nelle sorelle esaminate.

Pertanto, permangono differenze uniche per ciascuna sorella in termini di cause della malattia e morbilità ad essa associata. Potrebbe riguardare, ad esempio, la dieta o l’attività fisica. Quindi, anche se esiste una predisposizione genetica e dei fattori di rischio significativi in ​​famiglia, ci sono anche fattori di rischio individuali a cui prestare attenzione, dice Vivian Boldis.

Quando a qualcuno viene diagnosticata una delle comorbidità come obesità, depressione, ansia, problemi del sonno, disturbi alimentari o disturbi sessuali, si dovrebbe tenere a mente la PCOS e anche sottoporsi a screening per questo, dice.

– È meglio eseguire lo screening precoce delle comorbilità nelle donne con PCOS e, viceversa, eseguire lo screening per la PCOS quando viene diagnosticata una di queste comorbilità, in modo da poter intervenire precocemente nel corso della malattia, afferma Vivian Poldis.

Fare ulteriori studi sulla sindrome dell'ovaio policistico

Questo è il secondo studio nella tesi in corso di Vivien Boldi. Gli altri due articoli in uscita, che saranno inclusi nella tesi, si concentreranno sui fattori economici legati alla PCOS, ad esempio su come la PCOS può avere un impatto sulla situazione finanziaria e sulla collocazione di una donna nel mercato del lavoro più avanti nella vita.

READ  I ricercatori dell’Università di Umeå ricevono 4 milioni di dollari per ricercare i fattori sanitari nei comuni e nelle regioni

– La mia difesa è prevista per il 31 gennaio 2025. Successivamente, non vedo l'ora di far parte di futuri progetti di ricerca e di lavorare ulteriormente nel campo della salute delle donne, afferma Vivian Poldis.

Hakan Szold

fatti

Articolo Comorbilità nelle donne con sindrome dell'ovaio policistico: uno studio tra fratelli È stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica BMC Health.

Oltre a Vivian Boldis, hanno partecipato allo studio i seguenti ricercatori: Ilona Grünberger e Agneta Cederström (Dipartimento di scienze della sanità pubblica, Università di Stoccolma) e Jonas Björk e Anton Nilsson (Dipartimento di medicina di laboratorio, Dipartimento di medicina del lavoro e ambientale, Lund Università). ) e Jonas Hilgertz (Dipartimento di economia storica e Centro di demografia economica, Università di Lund).

Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2024

Responsabile del sito: Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica