TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il principale sospettato di un terrorista a Parigi: ‘Non un assassino’

Per molti parenti delle vittime degli attentati di Parigi, il processo è stato un rimedio. Stéphane, il cui figlio Hugo è stato assassinato nella sala da concerto del Bataclan, poteva immaginare come si sentiva suo figlio quella notte, ha detto all’AFP.

– Ho dovuto provare il Bataclan, sentire i proiettili, sentire l’odore.

Durante l’ultimo giorno del processo, ai sospettati è stata data l’opportunità di parlare un’ultima volta. Salah Abdel Salam, l’unico sopravvissuto all’attacco terroristico islamico accusato, si è scusato con i parenti, ma allo stesso tempo ha colto l’occasione per dichiararsi innocente.

– Abd al-Salam ha detto: Se mi condanni per omicidio, stai commettendo un’ingiustizia, e ha continuato:

– Non sono perfetto, faccio degli errori, è vero, ma non sono un assassino.

Ha negato queste accuse

L’enorme esperimento è in corso da settembre dello scorso anno e copre poco più di un milione di pagine. Circa 300 avvocati rappresentano 1.765 parenti e vittime.

I parenti che erano presenti durante il processo di nove mesi speravano in risposte sul motivo per cui l’atto è accaduto:

“Siamo qui per capire cose completamente irrazionali”, ha detto all’Afp una vedova, che ha chiesto di non essere identificata.

Il principale sospettato, il franco-marocchino Abdeslam, 32 anni, ha negato durante il processo la commissione di un crimine terroristico e si è rifiutato di collaborare con gli investigatori. Era sul posto a Parigi durante l’evento e si dice che abbia condotto tre attentatori suicidi allo stadio di calcio Stade de France. Poi, secondo l’accusa, si è fatto esplodere in un caffè in un quartiere popolare a nord di Parigi, ma se ne è pentito. Durante il processo ha spiegato:

READ  Il cileno-svedese festeggia la vittoria di Borek: 'Il discorso più bello che sento da tanto tempo'

– Sono andato in un bar, ho ordinato da bere, ho guardato le persone intorno a me e mi sono detto: “No, non lo farò”. Rimpiango l’umanità.

I parenti delle vittime hanno liquidato le sue dichiarazioni come una “fiaba”.

“Il processo è un’illusione”

Dei 20 imputati in totale, solo 14 erano presenti e si ritiene che il resto sia morto. Uno degli imputati è lo svedese Osama Karim, sospettato di aver fornito agli aggressori armi e supporto logistico. Durante il processo, Karim ha rifiutato di commentare. Secondo il quotidiano Le Monde, lui, tramite il suo avvocato, ha respinto l’intero processo definendolo una “illusione”.

“Nessuno è qui per cercare di capire cosa sia realmente accaduto e per cercare risposte”, ha affermato il giornale.

Gli attentati terroristici di Parigi del 2015 sono i peggiori nella storia del Paese in tempo di pace. Oltre alle 130 persone che hanno perso la vita la sera e la notte del 13 novembre, circa 400 persone sono rimaste ferite in vari attacchi intorno a Parigi.

Il primo attacco è avvenuto fuori dallo stadio di calcio Stade de France, dove la Francia ha incontrato la Germania in una partita di allenamento. Oltre ai tre kamikaze, una persona è rimasta uccisa.

Dieci minuti dopo, alcuni uomini hanno aperto il fuoco davanti a due panchine nella parte orientale del centro di Parigi. La stessa cosa è successa in due bar del sud della città. Uno degli autori ha fatto esplodere un ordigno esplosivo. 39 persone sono state uccise e uno degli assassini. Tra le vittime c’era un giovane svedese.

Poco prima delle 22, tre terroristi sono entrati nella sala concerti Bataclan e hanno aperto il fuoco con armi automatiche. 90 persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco prima che i tre autori fossero uccisi in un’operazione di polizia.

Martin Fitts, il difensore del principale sospettato Salah Abdeslam, appare lunedì in un tribunale di Parigi. Foto: Christophe Ena/AP/TT

Mappa con il corso degli eventi.

Mappa con il corso degli eventi. Foto: Johan Hallnäs/TT

Una targa commemorativa per le vittime del terrorismo al teatro Bataclan di Parigi.  90 persone sono state uccise qui il 13 novembre 2015. Fotografia d'archivio.

Una targa commemorativa per le vittime del terrorismo al teatro Bataclan di Parigi. 90 persone sono state uccise qui il 13 novembre 2015. Fotografia d’archivio. Foto: Wiktor Nummelin / TT

L’età dei 20 sospettati variava tra i 27 ei 40 anni e di nazionalità diverse. Solo 14 sospetti hanno partecipato al processo, mentre si ritiene che cinque siano morti nei combattimenti in Siria.

Il coinvolgimento dei sospettati nell’atto varia. Sono accusati di tutto, dal fungere da autista per i colpevoli alla fornitura di armi e documenti di identità falsi, prestare auto, nascondere sospetti, assistere con la logistica e i preparativi, oltre a pianificare altri attacchi che non si sono concretizzati.

I principali sospettati sono:

Salah Abdeslam: 32 anni, cresciuto in Belgio. Parte del gruppo terroristico che era presente a Parigi il 13 novembre 2015. Accusato, tra l’altro, di aver trasportato tre kamikaze allo Stade de France. In seguito ha fallito in un attentato suicida in un caffè nel nord di Parigi. Poi è fuggito dalla sua casa a Bruxelles. Il pubblico ministero chiede l’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

Mohamed Abrini: amico d’infanzia di Abdeslam, cresciuto in Belgio. È stato accusato di aver preparato l’attacco terroristico, di aver finanziato gli autori e di aver fornito loro armi. Nascondersi con Abd al-Salam. Nega il coinvolgimento negli attacchi, ma ammette di essersi nascosto per un po’ con Abdus Salam. Il pubblico ministero chiede l’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

Osama Karim: 29 anni, cittadino svedese. Legato alla cellula terroristica di Bruxelles e accusato di favoreggiamento, tra l’altro di attentati suicidi. Ha combattuto nelle file dell’organizzazione terroristica ISIS in Siria ed è tornato in Europa nel 2015. Il pubblico ministero chiede l’ergastolo senza scrivere più duro “senza possibilità di libertà condizionale”.

L’ergastolo di solito significa da 20 a 25 anni in Francia. È molto insolito nel paese essere condannato all’ergastolo senza possibilità di rilascio futuro.