TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il pio traditore vendette l'Estonia per poche migliaia di scellini

Herman Sim è il sogno di ogni uomo in Estonia.  Un traditore che tutti conoscono.

Sue, Estonia. Prima che io possa parlare con il traditore e spiare Hermann Simm, vuole che cantiamo un inno:

I discepoli uniti nella preghiera,

Le anime stavano aspettando…

Dopo il salmo preghiamo:

Nostro padre nei cieli…

E poi, dopo un momento di conversazione nel piccolo gruppo di studio biblico, si sente pronto a raccontarci perché ha venduto i segreti estoni alla Russia.

Oppure è pronto? Come potrebbe un uomo timorato di Dio come Hermann Siem spiegare perché ha rinunciato al suo paese, ai suoi colleghi della polizia e dell'esercito e alla sua chiesa per 30 monete d'argento? I trenta centesimi d'argento vengono semplicemente convertiti nella valuta odierna. La tariffa da Mosca per i primi cinque anni era di 300 dollari al mese, poi gradualmente aumentata fino a 1.000 euro.

Anche prima del tradimento Era il fatto che se lo aspettava. Sapeva che gli agenti russi avevano iniziato a mapparlo e sapeva che quando l'agente aveva stabilito il primo contatto era iniziata la fase di reclutamento.

Sim ha lasciato che accadesse.

-Ho capito quali pulsanti hanno premuto. Volevo vedere fino a che punto potevano spingersi. Già al secondo incontro avevo capito che mi avevano messo di fronte a un dilemma.

Ora abbiamo lasciato l'incontro biblico e siamo seduti su una panchina del parco fuori dalla sala parrocchiale. All’interno si esercitano sulle scale musicali e davanti a noi c’è un parco giochi dove le risate e le grida dei bambini si mescolano alle melodie del gruppo.

Herman Sim è il sogno di ogni uomo in Estonia. Un traditore che tutti conoscono. La sua caduta è stata la prima grande caduta dopo la liberazione dalla Russia nel 1991, e la prima scioccante rivelazione che l’ex forza di occupazione era penetrata nelle camere più profonde dello stato estone.

Dopo la liberazione, Sim è stato promosso capo della polizia nel distretto di Harju della capitale Tallinn, poi capo della polizia nazionale, capo del dipartimento di analisi delle informazioni del Ministero della difesa e capo del dipartimento per la protezione dei cittadini. Segreti di Stato – questo patriota cristiano fece tesoro della medaglia di suo padre della guerra di liberazione del 1918 contro la Russia: “In difesa della patria”, si legge nell'iscrizione – e così vendette il suo paese alla Russia.

Era il suo percorso Era perfetto in ogni modo. Forse troppo idealista. Hermann Simm era un uomo adatto al luogo in cui si trovava.

Per ora siamo all'ultima tappa, il piccolo comune di Sao, a sud di Tallinn.

READ  Due persone sono rimaste uccise in una sparatoria a Oslo, indagate come reato di terrorismo

Davanti alla congregazione qui, una manciata di ferventi luterani, racconta di essere stato battezzato quando aveva un anno nel Natale del 1948 nella sua città natale di Suri-Jani, nell'Estonia centrale; La sua famiglia ha sempre temuto Dio.

Hermann Simm era un uomo adatto al luogo in cui si trovava.

Nel 1948, l'Unione Sovietica rafforzò nuovamente la presa sull'Estonia dopo la devastazione della Seconda Guerra Mondiale, quando il paese fu prima annesso all'Unione Sovietica, poi occupato dalla Germania, quindi rioccupato dall'Unione Sovietica e divenne parte dell'Unione Sovietica.

Hermann Simm è cresciuto sotto il comunismo. Ha studiato chimica al Politecnico di Tallinn. Ha assistito a una rissa tra bande giovanili e ha assistito la polizia. Quindi è stato reclutato nella milizia volontaria.

– Dice: – Di notte pattugliavo le strade di Tallinn.

Un giovane ideale dal punto di vista dello Stato.

Prima dell'esame Nell'ateismo tornò nella sua casa a Suure-Jaani e si affermò segretamente di notte con solo il prete e la zia presenti in chiesa.

È stato questo un atto di sfida contro il regime comunista ateo?

Oppure un modo per fare i conti con due mondi incompatibili?

– Non c'è stato alcun conflitto, dice Sim. Le persone parlano in un modo a casa e in un altro al lavoro. Così era a quel tempo.

lui è lì. La maggior parte delle persone viveva in un doppio mondo schizofrenico sotto il comunismo.

Allo stesso tempo, prosegue gli studi con entusiasmo. È stato selezionato per l'Accademia di polizia di Mosca.

Dice che quegli anni sono stati i miei anni migliori. L'istruzione era di prim'ordine, c'erano i migliori insegnanti, i migliori criminologi. E tutte le persone interessanti che ha incontrato nella capitale dell'impero, un impero che si estendeva dal Mar Baltico all'Oceano Pacifico! Artisti, attori, compositori e registi.

Sì, è stato un momento felice.

Di nuovo in Estonia Ha avuto una buona carriera nella milizia, non eccezionale, ma buona. Fu onorato, promosso e finì con il grado di colonnello. Naturalmente era in contatto con la polizia segreta del KGB. Non ne ha parlato mentre sedeva sulla panchina del parco tra le melodie della congregazione luterana e le risate provenienti dallo stadio. Ma ne ha parlato durante le indagini della polizia quando è stato arrestato. Il KGB ha assistito in questioni di natura tecnica. Niente di controverso. Il tipo di poliziotto di cui hai bisogno.

Questo è il tipo di risposta che la polizia segreta solitamente dà quando cadono le dittature.

Quando ho chiesto a Sim di cosa fosse più orgoglioso, ha risposto:

– Perché ho lavorato con tutto il cuore fin dai tempi della scuola.

READ  Esperto: Il sostegno americano a Taiwan continuerà

Per cosa hai lavorato?

– Non avevo alcun obiettivo. Vivere.

È grande e pesante e fa una forte impressione nonostante i suoi 77 anni.

A volte resta in silenzio, pensa a lungo e sceglie attentamente le sue parole.

– È difficile rispondere quando non puoi mostrare tutte le carte.

E poco dopo:

-Se dico qualcosa di sbagliato, possono riportarmi in prigione e ricevere l'ergastolo.

Hermann Simm è cresciuto sotto il comunismo e ha studiato chimica al Politecnico di Tallinn.

È orgoglioso Divenne il secondo comandante della milizia di grado più alto nella Repubblica sovietica dell'Estonia.

È orgoglioso di aver organizzato la difesa del Parlamento svedese a Domberg e della Cancelleria di Stato quando l'Unione Sovietica è crollata e l'Estonia è diventata libera. Faceva parte della lotta per la libertà. Difendere la nuova repubblica. Ecco come vuole presentarlo. Forse è vero.

È orgoglioso di essere diventato il capo della polizia della contea di Harju nell'Estonia libera. È orgoglioso della sua promozione alla posizione di capo della polizia nazionale.

-Mi sono sempre avvicinato al lavoro con tutto il cuore.

Poi è stato licenziato. Accusato di corruzione. Ha rifiutato. Parla ancora con risentimento dei giornali che lo hanno incitato, i Nuovi Giornali Liberi della Nuova Estonia Libera.

Era seduto in una lussuosa stanza a Pagarigatan, dove hanno sede la polizia e i servizi di sicurezza. La stanza era di proprietà del comandante in capo Johan Leiduner nell'Estonia libera tra le due guerre mondiali. Anche i mobili sono rimasti, mobili massicci di altissima qualità, adatti a un importante statista.

Sim spiega come Ha lavorato duramente nel caos che ha caratterizzato la liberazione dell’Estonia, contro la corruzione, i crimini atroci, la violenza e gli omicidi. “Quando arrivava la primavera, le dita delle vittime di omicidio spuntavano dalla neve come bucaneve. Quando andavo al lavoro la mattina, non sapevo se sarei tornata a casa viva la sera.

Quindi dovette lasciare la bellissima e maestosa stanza. L'ex capo del servizio di sicurezza Arnold Sinisalo afferma che Sim aveva una stima di se stesso più alta di quanto le sue capacità gli avrebbero permesso. “Era uno scherzo e non l'ho preso sul serio”, dice Sinisalo.

Sinisalo all'epoca era giovane, aveva appena iniziato la carriera nella polizia e Sim stava invecchiando.

Sinisalo aveva il futuro tutto per sé e Sim si ritrovò per strada con una misera pensione di 500 corone svedesi al mese. Dopo una vita di servizio governativo. Servire i due paesi.

– Non mi volevano. Mi hanno riso in faccia. Il comandante in capo ha riso di me.

Forse lo era Quando è stato attivato il servizio di intelligence russo.

READ  I cercatori d'oro hanno attaccato un villaggio in Amazonas

“I russi hanno iniziato a monitorare i miei figli e i miei parenti”, dice Sim. Hanno preparato il reclutamento.

Resta in silenzio ancora un attimo.

– Pensa per te. Sei abbastanza vecchio e allo stesso tempo abbastanza giovane. Non hai più alcun reddito. Hai la sensazione che un'ascia penda sopra la tua testa.

Ha ottenuto un nuovo lavoro presso il Ministero della Difesa.

– stanza vuota. ufficio. sedia. Appendiabiti. Questo è tutto. Mi hanno chiamato il responsabile dell'agenzia ma ero solo. analisi delle informazioni. Hanno detto che quello era il mio lavoro. Non aveva niente a che fare con l'analisi. Ho compilato alcuni documenti.

Nell'autunno del 1995 consegnò per la prima volta documenti riservati al suo contatto.

L'intelligence russa sapeva esattamente come arrestare Hermann Simm.

– Hanno parlato al mio senso di sé ferito. Cosa hai per faticare e difendere l'Estonia, hanno chiesto?

Il Sim capì esattamente cosa stavano facendo e continuò ad andare avanti.

– Non importava che fossi nei guai. Sono rimasto deluso in molte cose.

Dice che sa come andrà a finire.

– Reclusione o omicidio.

Ai primi due Nei suoi incontri con il suo supervisore russo indossava un giubbotto protettivo e una pistola. Poi si toglieva la giacca ma portava sempre con sé una pistola, o una Walther leggera e agile sotto la giacca oppure una CZ più pesante sotto il cappotto invernale.

Ha lasciato i rullini e ne ha presi di nuovi da usare. Dice che il problema era che la mia faccia era conosciuta. Così dopo due anni ha incontrato il suo supervisore all'estero

Ha ricevuto l'importo in contanti, ma il denaro non gli ha portato molta gioia. Un uomo che lavora nella difesa non può vivere su larga scala.

– Dice: – Non ho lasciato alcun documento che possa danneggiare l'Estonia.

Questo è anche ciò che dicono di solito le persone come Simm.

Sapeva quando i servizi di sicurezza cominciavano a sospettare di lui. Anche lui era al lavoro. “Dopotutto, è da metà della mia vita che recluto persone.”

Lo hanno arrestato al grande magazzino Rõõmu nella città di Kela. Sim e sua moglie Hetty avevano appena comprato una ghirlanda di grano da portare al compleanno della madre di Hetty. Ha visto la copertura. Erano in fondo. Quando lo arrestarono, disse:

– Dove sei stato da molto tempo?

Dopo più di undici anni di prigione, Hermann Sim è stato rilasciato nel 2019. È ancora sposato con Hetty e vive con lei in una villetta a schiera a Sau. Questo è anche il punto in cui Sim si inserisce. La congregazione luterana conta 26 membri. Hanno eletto Hermann Siem come loro presidente.

Dove hai fatto i soldi che hai ricevuto dai russi?

– Ho fatto molto per la chiesa di Suri Jani, dove sono stato cresimato. Hanno comprato nuove finestre. Ero il più grande donatore della chiesa.