TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un sindaco ucraino e la sua famiglia sono stati trovati fucilati nel bosco

Si ritiene che Olga Sukhenko, sindaco di Mutizin, sia stata giustiziata insieme alla sua famiglia.

Sono stati rapiti due settimane fa.

Ora la famiglia viene trovata fucilata in una buca nel bosco.

Avvertimento forte dell’immagine

Olga Sukhenko, sindaco della città ucraina di Mutizin, situata a circa 50 chilometri a ovest di KievTrovato morto con la sua famiglia AP.

Secondo l’agenzia di stampa, il sindaco Olga, suo marito Igor e il figlio Alexander sono stati trovati uccisi a colpi di arma da fuoco in una buca nella foresta. I residenti locali hanno detto all’AP di essere stati giustiziati.

Secondo quanto riferito, la famiglia è stata rapita dai soldati russi il 23 marzo.

I soldati lo hanno rapito

Il 23 marzo è stato riferito che la famiglia era stata rapita dalla loro casa nella città di Mutizin. Si dice che i soldati russi siano stati rapiti in una direzione sconosciuta.

I residenti locali hanno detto all’agenzia di stampa che il buco nella foresta dove sono stati trovati i tre membri della famiglia e una quarta persona non identificata si trova in un’area forestale dietro tre case dove si dice che i soldati russi abbiano trascorso la notte.

La città di Motyzhyn è uno dei tanti luoghi intorno a Kiev che sono stati gravemente colpiti dall’invasione russa. Dall’artiglieria pesante e dai bombardamenti missilistici al saccheggio e all’uccisione di civili, è lì da un mese lì e in altri sobborghi occupati di Kiev.

Domenica, il procuratore generale ucraino ha affermato che finora 410 civili sono stati trovati morti nella regione di Kiev, ma è probabile che il numero totale sia molto più alto.

Fidanzata: “Gli eroi non muoiono”

I parenti dicono che i tre sono rimasti a Mutizin per dare una mano quando i russi hanno attaccato.

“La famiglia era categoricamente contraria a lasciare la città, capivano che le persone avevano bisogno di aiuto, aiutavano con medicine e cibo”, ha detto al giornale un membro della famiglia. Generale quando furono rapiti.

Quando è arrivata la notizia che Olga, suo marito Igor e suo figlio Alexander sono stati trovati morti, molti hanno risposto.

Il vice primo ministro ucraino e la squadra di calcio di suo figlio Alexander hanno commentato la legge. Segni dell’FC Kudrivka Facebook:

“Di recente, Alexander ha soddisfatto tutti noi segnando gol e aiutando l’FC Kudrivka a vincere titoli. Sono sicuro che avrebbe ottenuto più risultati davanti a lui, non solo nel calcio, se non avesse lasciato questo mondo così presto”.

In un post su Instagram La sua ragazza Daria Belenitsyna scrive dell’avviso di morte.

“Non ho abbastanza parole e forza per descrivere come ci sentiamo io e tutta la nostra famiglia. È un crimine in ogni senso della parola. Tutte le persone coinvolte saranno assicurate alla giustizia. Hanno causato un dolore inesorabile e imperdonabile. Farò del mio meglio meglio che accada. Sasha, il mio eroe. Non hai mai lasciato i tuoi genitori. Sarai nel mio cuore per sempre. Nei nostri cuori. Gli eroi non muoiono mai”.

Strategia russa

Secondo l’Associated Press, i rapimenti e le minacce contro funzionari pubblici fanno parte della strategia russa.

Una persona di Mutizin ha detto all’Associated Press che le forze russe stanno cercando di persuadere i funzionari e i politici del governo locale a cambiare posizione e ad uccidere coloro che non collaborano.

READ  Controversia nigeriana su chi debba essere oggetto di rapina coloniale

Il vice primo ministro ucraino Irina Vereshuk conferma l’uccisione di Olga Sukhenko e dire in una lettera come Ha pubblicato su Facebook che undici leader della comunità in Ucraina sono attualmente detenuti da soldati russi.

Nel suo discorso, ha invitato la comunità internazionale a “fare tutto ciò che è in suo potere” per restituire i prigionieri, compresi civili, sacerdoti, sindaci, giornalisti e attivisti.

“Questo è un crimine militare. Gli autori saranno puniti secondo il diritto umanitario internazionale”, ha affermato Irina Vereshuk.

Una donna si copre il viso dopo aver riconosciuto il marito, che è stato trovato morto dopo che i russi hanno lasciato Mutizin.
Inserito: