TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

DN Direkt – Due feriti dopo il crollo del tunnel – Tjörnbron è chiuso

DN Direkt – Due feriti dopo il crollo del tunnel – Tjörnbron è chiuso

30/05/2024 15:40

Aggiornato il 30/05/2024 16:36

Il ministro della Giustizia Gunnar Strömer, Sabo e Noa tengono una conferenza stampa sulla situazione della sicurezza.

Dopo la notizia che Roy Majeed e la rete Foxtrot agivano per conto dell'Iran, il ministro della Giustizia Gunnar Strömer (al centro), Daniel Stenling della polizia di sicurezza e Hampus Nygaards, vice capo del dipartimento operativo nazionale, hanno convocato una conferenza stampa. Non hanno specificato se Foxtrot e Rawah Majid fossero specificamente coinvolti.

– La Säpo può dimostrare che le reti criminali svedesi sono un agente e un intermediario utilizzato dall'Iran, afferma Daniel Stenling della Polizia di sicurezza.

Secondo lui Sabo ha attirato l’attenzione sul conflitto regionale tra Iran e Israele che si è esteso all’arena globale, compresa la Svezia. Si tratta principalmente della pianificazione e dei tentativi di effettuare attacchi contro obiettivi israeliani ed ebrei in Svezia.

“La nostra valutazione è che l'Iran ha l'intenzione e la capacità di attaccare la Svezia”, ​​dice Daniel Steinling, aggiungendo che Sabo stima di aver respinto gli attacchi contro la Svezia che l'Iran ha tentato di effettuare.

Hampus Nygårds a Noa afferma che la polizia ha adottato una serie di misure contro questi obiettivi per aumentare la sicurezza, ad esempio attorno all'ambasciata israeliana.

– Il governo vuole chiarire che la Svezia non dovrebbe essere una piattaforma in cui le agenzie governative utilizzano la Svezia per promuovere i propri interessi, afferma Gunnar Strömer.

Gunnar Stromer e Daniel Stenling affermano che l'aumento del livello di minaccia terroristica lo scorso anno è aumentato anche rispetto a questi dati.

READ  Eric de la Reguera: Se Macron può mediare la pace, ha bisogno di qualcosa di più delle parole vuote di Putin