TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il capo VW ha visto la rete di ricarica privata: "accordo sfortunato"

Il capo VW ha visto la rete di ricarica privata: “accordo sfortunato”

Invece di ricaricare la sua auto al Brennero, che si trova proprio accanto a un grande centro commerciale al confine tra i due paesi, Herbert Diess ha scritto che gli è stato invece permesso di proseguire per il caricatore Ionity a Trento, più a sud in Italia.

ma no L’esperienza è stata all’altezza delle aspettative. Non c’erano servizi igienici o bar, e uno dei caricabatterie era fuori servizio all’arrivo. “È triste. Questa non è altro che un’eccellente esperienza di spedizione, IONITY! ‘”, scrive Herbert Dies.

Volkswagen è uno dei quattro giganti automobilistici che hanno co-fondato Ionity, attraverso la sua controllata Porsche AG. Hanno lanciato il progetto nel 2016 con BMW, Daimler e Ford con l’ambizione di costruire 400 stazioni di ricarica superveloci con 2.400 punti di ricarica in Europa entro il 2020.

Fiero di Le enormi risorse finanziarie delle aziende dietro il progetto, finora sono riuscite a completarne solo 360.

Herbert Diess non è la prima persona in Volkswagen a criticare la Ionity. Silke Bagschick, direttore marketing del marchio VW, ha criticato l’aumento delle tariffe di trasporto dopo un improvviso aumento all’inizio del 2020, che in alcuni casi ha reso un’auto elettrica più costosa da guidare rispetto a una diesel.

audi vd Marcus Dussmann ha detto in un’intervista con Handelsblatt Lo scorso inverno, il marchio stava pensando di andare per la propria strada e costruire una propria rete di trasporti.

Nel marzo di quest’anno, Tesla aveva 601 stazioni sovralimentate in Europa con oltre 6.000 punti di ricarica individuali. Elon Musk ha confermato questa estate che la rete di ricarica globale di Tesla sarà presto aperta alle auto di altri marchi.

READ  Rapporto stabile dal programma di riacquisto di avvio di Castellum