TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I paesi africani si schierano per sostituire il gas russo

Il 12 aprile, gli ambasciatori di Francia, Portogallo, Spagna e Italia hanno visitato la compagnia petrolifera statale nigeriana NNPC. All’incontro svoltosi nella capitale nigeriana Abuja Ha partecipato anche l’Ambasciatore dell’Unione Europea, Samuela Ezobe. L’obiettivo dell’incontro era “rafforzare la partnership nel settore energetico”, secondo il portavoce dell’azienda.


https://twitter.com/NNPCgroup/status/1513477535220310020?s=20&t=9k1Zma_pO3Ugd20Nm0yTqQ

stesso giorno Il primo ministro italiano Mario Draghi ha visitato Algeri Dove ha stretto la mano al suo omologo algerino, il presidente Abdelmadjid Tebboune, dopo aver firmato un accordo per aumentare le forniture di gas naturale.

Le materie prime erano in costruzione in Africa Nell’ultimo decennio, in linea con il phase-out globale del carbone, che è più inquinante ed emette più anidride carbonica del gas naturale.

È legato al cosiddetto GNL, che è gas naturale che viene raffreddato in forma liquida. Corteggiare prima la Nigeria e l’Algeria è una conclusione scontata quando lo sono davvero Tra i maggiori esportatori mondiali. Nel 2020, la Nigeria era il sesto esportatore più grande e l’Algeria l’ottavo.

Ma dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la mappa energetica mondiale è stata ridisegnata e in Africa, ciò significa che una serie di progetti nel continente sono passati da “promettenti” a “urgenti”. Ci vorranno diversi anni prima che molti progetti vengano implementati. L’Europa ha anche bisogno di tempo per costruire le infrastrutture per ricevere il gas.

per i paesi della regione L’aumento della domanda significa che la redditività è in aumento e l’accesso al capitale è in aumento. In futuro sono necessari ingenti investimenti per i nuovi entranti del continente nei combustibili fossili in modo che possano esportare i loro beni.

• Maschio Tanzania in giorni Essere in trattative finali con cinque compagnie petrolifere Circa un investimento di 300 miliardi di corone svedesi per esportare gas da un giacimento situato al largo della costa meridionale, vicino al confine con il Mozambico. In totale, la Tanzania ha confermato un patrimonio di 1,6 trilioni di metri cubi.

READ  Minskat resande lyfte Calci fino a rekordnivåer

• La quota del Mozambico dello stesso giacimento di gas è maggiore di quella. Ma passerà molto tempo prima che 2,8 trilioni di metri cubi vengano esportati dal Paese su larga scala. L’ingresso del Mozambico nel mercato è stato finora caratterizzato da una corruzione dilagante. Una rivolta islamica è scoppiata nelle immediate vicinanze della città di Pemba, ritenuta il centro dell’industria del gas.

• Dall’altra parte del continente, l’Angola ha da tempo una grande industria petrolifera, ma le risorse di gas del paese sono modeste in confronto, come in Congo-Brazzaville e Guinea Equatoriale nel nord.

• Il Senegal è il paese che può avere la borsa più grande con 3,4 trilioni di metri cubi di gas. Il paese è relativamente ben gestito e, con una popolazione modesta di oltre 17 milioni, è vicino all’Europa. La produzione su larga scala dovrebbe iniziare nel 2023 o nel 2024, Secondo il sito di investimento ECT (Da dove provengono tutti i numeri di cui sopra).

Ma questo è tutt’altro che scontato Che i depositi si trasformino in prosperità o in lusso. A proposito, è stato proprio il gas naturale a dare origine a questo concetto Malattia olandese – Malattia olandese – che colpì i Paesi Bassi dopo la scoperta del gas naturale negli anni Cinquanta intorno alla città di Groningen. Le entrate sono state importanti durante la ricostruzione del paese dopo la seconda guerra mondiale e nella creazione del moderno stato sociale.

Ma negli anni ’70 ha avuto problemi iniziato ad accumularsi. Le attività di gas hanno portato all’apprezzamento della moneta d’oro. Ciò ha creato problemi al resto del settore delle esportazioni, portando a un forte aumento della disoccupazione.

READ  Male per l'economia se Draghi diventa presidente dell'Italia

Questo fenomeno rappresenta una vera minaccia per i paesi africani che devono competere con l’Asia per costruire un’industria manifatturiera che crei posti di lavoro nel settore low cost. La Nigeria, oggi l’ottavo esportatore mondiale di petrolio, ha avuto una fiorente industria tessile dagli anni ’50, ma per decenni ha lottato per la sopravvivenza.

Una piattaforma di trivellazione petrolifera all'ingresso del gigantesco porto nigeriano di Lagos.

Una piattaforma di trivellazione petrolifera all’ingresso del gigantesco porto nigeriano di Lagos.

Foto: Eric Espornson

Anche la Nigeria è un buon esempio Una forma più politica di “trappola merci”. Quando i soldi arrivano gratis alla pompa, sotto forma di petrolio o gas facilmente esportabili, gli incentivi per i politici ad aumentare il carico fiscale diminuiscono e il contratto sociale viene annullato. La popolazione paga relativamente poche tasse e non fa le stesse richieste ai suoi leader, che a loro volta non devono lavorare sodo come i loro colleghi in paesi con un carico fiscale elevato.

Oggi, la Nigeria è al 154° posto su 180 in Indice di corruzione di Transparency International. Nonostante i prezzi del petrolio siano a livelli record, l’amministrazione del presidente Muhammadu Buhari sta lottando per sbarcare il lunario. Come molti presidenti precedenti, è stato recentemente costretto ad abbandonare i piani per abolire i sussidi al carburante che avrebbero consentito ai nigeriani di riempire il serbatoio con tre corone al litro.

La popolazione nigeriana di oltre 200 milioni utilizza principalmente minibus per il trasporto, poiché possono essere alimentati a benzina, che, a differenza del diesel, è sovvenzionata dallo stato e costa solo poche corone al litro.

La popolazione nigeriana di oltre 200 milioni utilizza principalmente minibus per il trasporto, poiché possono essere alimentati a benzina, che, a differenza del diesel, è sovvenzionata dallo stato e costa solo poche corone al litro.

Foto: Eric Espornson

Perché la Nigeria non raffina il suo petrolio Il governo dovrebbe comprare benzina dal mercato mondiale e poi venderla a prezzo ridotto ai cittadini. Ciò significa che l’aumento delle entrate derivanti dalle esportazioni di petrolio viene neutralizzato da importazioni di petrolio più costose. Nell’ultimo bilancio, il costo di questo sostegno era È decuplicato fino a quasi 100 miliardi di corone svedesi all’anno.

Ma pochi nigeriani vogliono sbarazzarsi dei sussidi. Nel paese, la percezione generale è che la benzina a basso costo sia l’unico vantaggio che hanno ottenuto dalle risorse naturali del paese.