TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I leader del G20 approvano l'imposta globale sulle società |  Notizie SVT

I leader del G20 approvano l’imposta globale sulle società | Notizie SVT

La decisione – che sarà formalmente raggiunta domenica – prevede l’introduzione di un’imposta globale minima sulle società del 15 per cento e un pacchetto legato al trasferimento delle tasse su quote di utili delle multinazionali verso i paesi in cui avviene la vendita. Il principio prevalente è che le imprese sono tassate sugli utili dove si trovano la sede centrale e la produzione.

“Oggi, i leader di tutti i paesi del G20 hanno concordato un accordo storico sulle nuove regole fiscali internazionali che fermeranno il più possibile la concorrenza dannosa per le imprese fiscali”, ha affermato il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen.

‘Più di una semplice liquidazione fiscale’

Le multinazionali redditizie – con un margine di profitto superiore al dieci per cento e un fatturato globale di oltre 20 miliardi di euro – sono interessate dalle nuove regole, che secondo un annuncio dei leader del G20 di sabato saranno recepite nelle legislazioni nazionali di tutto il mondo.

L’idea è di impedire alle società giganti di sfruttare i paradisi fiscali.

Joe Biden inizialmente voleva vedere una tassa del 21 percento. Ma dopo l’accordo di sabato a Roma, ha scritto su Twitter: “Questo è più di un semplice accordo fiscale: è la diplomazia che sta rimodellando la nostra economia globale”.

Vaccino per i paesi poveri

Il primo giorno della riunione di due giorni, i paesi del G20 hanno discusso anche di altre questioni fondamentali per aumentare l’equità e l’uguaglianza globali.

Il primo ministro italiano ospitante Mario Draghi ha sottolineato la necessità di aumentare la consegna del vaccino covid-19 ai paesi poveri. Ha osservato che solo il tre per cento della popolazione dei paesi più poveri del mondo è vaccinato.

READ  Il CEO di Activision Blizzard si è dimesso

“Queste differenze sono moralmente inaccettabili e minano la ripresa globale”, ha detto, esortandolo a fare “tutto il possibile” per raggiungere l’obiettivo dell’Organizzazione mondiale della sanità di far sì che il 70% della popolazione mondiale riceva almeno un’iniezione entro la metà del prossimo anno.

Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping hanno condiviso il collegamento. Putin si è lamentato della “concorrenza sleale” e del protezionismo come ragioni della distribuzione disomogenea del vaccino nel mondo.

JavaScript deve essere abilitato per riprodurre il video

SVT non supporta la riproduzione nel browser. Quindi ti consigliamo di passare a un altro browser.

Tre grandi questioni al vertice del G20 Foto: Philip Higgins / SVT