TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

TV: Ibrahimovic è diventato razzista dopo il bersaglio

Quando il Milan è andato alla Roma in Serie A domenica sera, lo svedese Slaton Ibrahimovic ha attaccato 26 minuti dopo. Il 40enne ha segnato una punizione dal cuore di roccia 1-0 per il Milan fuori dall’area di rigore della Roma.

Ma le scene che seguirono non furono belle. Dopo che i giocatori del Milan hanno festeggiato il gol, i tifosi della Roma hanno iniziato a cantare frasi razziste contro Ibrahimovic. Secondo il giornalista italiano Guillaume Maillard-Pacini, hanno cantato all’unisono, “Sei uno zingaro”.

– Non tradurremo le rime che girano dallo stand della capitale ora, ma lui (Slaton Ibrahimovic) non è popolare, afferma il commentatore di C. Mor Christopher Schwanmer durante la trasmissione.

In risposta, Ibrahimovic ha fatto segno di cantarlo ad alta voce, ma invece è stato avvertito.

– Gli spettatori della Roma hanno urlato Nidram, una natura razzista, spesso urlata contro il Milan, soprattutto in Italia. In qualche modo ha segnalato “guida di più” e hanno gridato prima che potesse tirare il calcio di punizione. Al giudice non è piaciuto. Potresti pensare in modo un po’ diverso. Se un giocatore è sottoposto a commenti razzisti e risponde poco, dovrebbe ricevere un cartellino giallo. Forse provocherai in qualche modo il pubblico, ma questo è uno strano verdetto. Già questo sarebbe bastato a raccontarglielo, dice Olof Lund, editorialista di Fotbolscanon presso lo studio di C. Morin.

Purtroppo non è la prima volta che succede a Ibrahimovic. In un’intervista con il GQ italiano lo scorso anno, ha affermato che la Svezia aveva già sentito lamentele simili.

– Quando suonavo in Italia, dicevano “Zingari!” Per me anche quello era razzismo, ignoranza, anche se mi salutavano e volevano filmare con me quando mi vedevano fuori dall’arena”, ha detto Ibrahimovic. A GQ.

Frank Kessy ha segnato il secondo gol del Milan della serata dopo che Sladon Ibrahimovic aveva segnato dal dischetto.

Quando gli è stato chiesto dopo la partita Ibrahimovic sulle filastrocche e i fischi che sono stati soffiati nei suoi confronti, ha risposto che lo rafforza.

– Avevo bisogno di un fischietto birichino. Più fischiano, più mi sento vivo. L’adrenalina fa tanto, dice Ibrahimovic a Das.

Ma Ibrahimovic non è stato l’unico a ricevere accuse razziste nei suoi confronti. Il sito italiano Calciomercado dice che la stessa cosa è successa al centrocampista ivoriano del Milan Frank Guess. Mentre Kessie avanzava per prendere un rigore per 2-0, una parte del pubblico ha applaudito.

La Roma ora può essere perseguita e punita, dice Calcio-Italia.