TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli errori richiedono al fornitore di fare più degli altri

Gli errori richiedono al fornitore di fare più degli altri

L’avvocato Martin Bog e l’avvocato associato Johan Ed Pearson, studio legale Delphi.

Riepilogo
Il testo giuridico significa che l’amministrazione aggiudicatrice può richiedere a un fornitore oa un partecipante di un gruppo di fornitori di svolgere la maggior parte del lavoro. La Corte di giustizia europea ha stabilito che una tale sentenza non sarebbe coerente con la direttiva LOU.

fatti sul bersaglio
Una società italiana, SSR, ha avviato un appalto pubblico per aggiudicare un appalto pubblico per servizi di gestione dei rifiuti a 33 comuni. Il contratto era articolato in tre parti e l’avviso di acquisto indicava i requisiti della situazione economico-finanziaria e la capacità tecnica esistente nei vari ambiti.

La sottozona 2 riguarda la prestazione di servizi a undici comuni. La seconda parte dell’appalto è stata aggiudicata ad una Associazione Temporanea di Imprese (Pippo Pizzo) e un’altra Associazione Temporanea di Impresa (Caruter) si è classificata al secondo posto.

Caruter ha impugnato la decisione di aggiudicare a Pippo Pizzo parte 2 dell’appalto. Bibo Peso ha quindi depositato una dichiarazione giurata contro la decisione di consentire a Caruter di partecipare all’acquisto. Sentenza emessa in data 19 dicembre 2019 di accoglimento del ricorso principale e del ricorso di adesione. Pertanto, il tribunale ha ribaltato sia la decisione di consentire a Bebo Bezu di partecipare sia la decisione di consentire a Carrotter di partecipare.

Come motivazione, la Corte ha affermato che la normativa nazionale prevede che una società capofila possa sempre avvalersi della capacità di altre società incluse nel gruppo, a condizione, tuttavia, che la società capofila stessa abbia soddisfatto le condizioni per partecipare agli appalti e abbia prestato servizi per la maggior parte nei confronti di altri operatori economici. Le due associazioni hanno impugnato la sentenza al giudice del rinvio.

Il giudice italiano ha chiesto una pronuncia pregiudiziale alla Corte di giustizia europea. L’articolo 63 della Direttiva sulle Business Unit locali costituisce un ostacolo alla normativa italiana che prevede che, in caso di utilizzo della capacità di altri enti, l’impresa principale deve comunque soddisfare le condizioni e fornire servizi nella maggior parte dei casi?

Valutazione del tribunale
La Corte di giustizia europea ha ritenuto che l’articolo 63, paragrafo 1, della direttiva LOU prevede che un operatore economico può, in termini di criteri di situazione economica e finanziaria e di capacità tecnica e professionale, utilizzare la capacità di altri soggetti in un determinato contratto e che un gruppo di operatori economici possa, nelle stesse circostanze, avvalersi dell’abilità di altri partecipanti al gruppo o di altre entità.

Come descritto nell’articolo. 63.2 Tuttavia, per alcuni appalti, è possibile che l’autorità richieda che determinati compiti critici siano svolti direttamente dall’offerente o, se le offerte sono presentate da un raggruppamento di operatori economici, da un partecipante al raggruppamento.

Secondo la Corte di Giustizia Europea, il requisito che l’impresa capofila svolga servizi per la “maggioranza” previsto dalla legge italiana in materia di appalti pubblici va oltre la direttiva LOU. L’articolo 63, paragrafo 2, della direttiva LOU significa solo che l’amministrazione aggiudicatrice può richiederne alcuni informazione sensibile Deve essere svolto direttamente da un partecipante al raggruppamento di operatori economici.

La Corte di giustizia europea ha stabilito che un requisito come quello previsto dalla legge italiana sugli appalti pubblici, il che significa che l’impresa capofila deve svolgere la maggior parte dei servizi in proprio, va al di là di quanto consentito dalla direttiva LOU.

La Corte ha stabilito che tale pronuncia non si limita a determinare come un gruppo di operatori economici garantirà di disporre delle risorse necessarie per eseguire l’appalto, ma si riferisce invece all’effettiva esecuzione dell’appalto.

Per quanto riguarda il concetto di “compiti critici”, la Corte di giustizia europea ha affermato che, sebbene nelle diverse versioni linguistiche siano stati utilizzati termini diversi, era chiaro che l’intenzione del legislatore sindacale era quella di limitare ciò che potrebbe essere richiesto a un singolo attore in un gruppo, un approccio qualitativo piuttosto che un approccio puramente quantitativo.

La Corte ha ritenuto che la sentenza italiana contravviene agli obiettivi dell’articolo 63 della direttiva LOU e che rischia di rendere difficile la partecipazione delle piccole e medie imprese agli appalti pubblici, riducendo così la concorrenza.

Analitica
Nel diritto svedese, la disposizione corrispondente all’articolo 63, paragrafo 2, della direttiva LOU si trova nel capitolo 14. 8 § 2 st. LOU:

“L’autorità può richiedere che determinati compiti fondamentali per l’appalto siano eseguiti direttamente dal fornitore stesso, se il contratto riguarda un servizio, un contratto di costruzione, un lavoro di montaggio o installazione in relazione all’acquisto di un prodotto”.

Pertanto, la disposizione svedese prevede che l’amministrazione aggiudicatrice possa esigere che il fornitore stesso svolga direttamente “determinati compiti”. Invece del termine “informazioni critiche” utilizzato nella direttiva LOU, il legislatore svedese ha scelto di scrivere che le informazioni, al fine di definire i requisiti, devono essere “critiche per l’acquisizione”.

Nel lavoro preparatorio per il capitolo 14, la sezione 8 LOU chiarisce che questa disposizione si applica anche quando le offerte sono presentate da un gruppo di società. In tali casi, l’amministrazione aggiudicatrice può, ai sensi dell’articolo 63, paragrafo 2, della direttiva LOU, richiedere che il compito sia svolto da un partecipante designato del gruppo.

Il lavoro preparatorio mostra che le informazioni/informazioni considerate importanti e cruciali per gli appalti sono sottoposte a forti richieste. Il motivo di ciò è stato affermato che tale requisito implicava un’interferenza con il diritto generale dei fornitori di utilizzare la capacità di altre imprese.

Poiché la normativa svedese, a differenza della normativa italiana, non implica che il fornitore principale debba eseguire la maggior parte del lavoro da solo o simili, la sentenza della Corte di giustizia non implica differenze significative nel diritto svedese.

D’altra parte, comporta una spiegazione di cosa rappresenterebbe “informazioni importanti” o, per il diritto svedese, “informazioni cruciali per l’acquisizione”. Questi compiti non possono essere determinati solo su base quantitativa, ma deve esistere una base qualitativa per richiedere al fornitore, oa un partecipante a un gruppo di fornitori, di svolgere personalmente il compito.

Causa e numero del tribunale
Sentenza della Corte di giustizia europea del 28 aprile 2022 in Causa C-642/20 – Carota.

corpo giuridico

READ  Acquistato - Le attività vengono ora rilanciate con autenticità: "Google for Influencer Marketing"