TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Francia e Italia stanno esercitando pressioni sul bilancio per soddisfare l’Unione Europea

Francia e Italia stanno esercitando pressioni sul bilancio per soddisfare l’Unione Europea

Appena due settimane dopo che Francia e Italia hanno presentato i loro bilanci iniziali per il 2015 alla Commissione Europea per la revisione, i due paesi sono pronti a tagliare ulteriormente la spesa pubblica per sedare le critiche provenienti dal mondo esterno.

Lo scrive in uno il ministro dell'Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan posta Lunedì l'Italia ha informato il commissario UE Jyrki Katainen che l'Italia è pronta, tra le altre cose, a cancellare il taglio fiscale previsto per il prossimo anno al fine di ridurre il deficit di bilancio. Nel complesso, il bilancio è stato incrementato di circa 40 miliardi di corone svedesi, equivalenti a 0,3 punti percentuali del deficit di bilancio, che poi diventa del 2,6%, ben al di sotto del massimo UE del 3%.

Intanto Pier Carlo Padoan ricorda alla Commissione Ue che il Paese sta attraversando la recessione più lunga della sua storia. La crescita misurata in PIL è diminuita di nove punti percentuali dal 2008.

“L’economia è ormai al suo terzo anno di recessione. Il quarto anno di recessione deve essere evitato con tutti i mezzi”, ha scritto il ministro italiano dell’Economia e delle Finanze.

L’Italia ha problemi Con crescita e debito pubblico enorme, ma quando si tratta di deficit di bilancio, è ben lungi dall’essere il peggiore della sua categoria. Negli ultimi due anni il Paese è rimasto a un livello inferiore al 3% o al massimo.

D’altro canto, la Francia, come regola generale, indipendentemente dal governo, ad eccezione del 2006 e del 2007, ha costantemente registrato deficit di bilancio negli ultimi dieci anni, superando il limite UE del 3% del PIL. Qualcosa che sembra destinato a continuare anche nel 2015.

READ  Vendi serie di fiori classici all'estero

In posta Sempre lunedì il ministro delle Finanze Michel Sapin ha dichiarato al commissario UE Jyrki Katainen che sono riusciti a migliorare il bilancio, tra l'altro grazie alla riduzione dei costi degli interessi pari a circa 33 miliardi di corone svedesi.

Gli analisti hanno reagito Qualche dubbio sulla dichiarazione della Francia.

Si tratta di modifiche estetiche volte a rispondere il meno possibile alle richieste dell’Autorità. “Potremmo avere un deficit del 4,1% anziché del 4,3%, ma non raggiungerà il 3%”, ha detto all'agenzia di stampa Jean-Louis Morier, broker di Oriel BGC. Reuters.

Domani, mercoledì, la Commissione europea prenderà posizione sui bilanci francese e italiano. Spetta quindi ai ministri delle Finanze dei paesi dell'euro decidere quale dovrebbe essere la posizione dell'Eurogruppo.