TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eric de la Reguera: Lo spettro del West Yellow ossessiona la politica climatica dell’UE

Un fantasma sta camminando in Europa.

Il fantasma delle giacche gialle.

Così si può riassumere, un po’ più chiaramente, il dibattito che ora attende l’azione dell’UE per il clima.

– Sarà dura. Ma dobbiamo trovare il coraggio di farlo. Dobbiamo imparare a vivere entro i limiti del pianeta, ha affermato il vicepresidente della Commissione europea e commissario per il clima Frans Timmermans in una conferenza stampa a Bruxelles.

è chiusa Un pacchetto ambizioso sviluppato dalla Commissione Europea. Ridurrà le emissioni dell’Unione del 55% entro il 2030 (rispetto al 1990) e porterà a un obiettivo di emissioni nette pari a zero entro il 2050.

L’unica domanda è chi pagherà per il cambiamento.

A breve termine, è difficile immaginare che i consumatori non saranno in grado di sostenere almeno una parte dell’onere. Le bollette dell’elettricità possono essere significativamente più alte quando i fornitori sostengono costi maggiori. Lo stesso vale per il prezzo della benzina.

L’ecologia può ovviamente anche portare a nuovi posti di lavoro ea un aumento della crescita economica. Ma il fardello non condiviso in egual modo tende a diventare politicamente esplosivo.

È ben noto in Francia. Emmanuel Macron ricorda cosa è successo quando il suo governo ha cercato di aumentare la tassa sulla benzina nell’autunno del 2018. La rivolta dei Gilet Gialli è scoppiata, centinaia di migliaia di francesi sono stati mobilitati in poche settimane, le corsie sono state chiuse e sono scoppiate rivolte nel centro di Parigi . Molti dei manifestanti provenivano da comuni rurali dove è difficile fare a meno dell’auto. Si sentivano dimenticati dalle classi medie e alte attente al clima nelle grandi città.

READ  Il villaggio da record di Lytton in Canada è in fiamme ed è stato evacuato

L’aumento della tassa sulla benzina doveva essere ritirato e Macron da allora ha passato diversi anni a gestire le crisi sulla politica climatica. Alzò il salario minimo, organizzò consigli regionali e creò l’Associazione dei cittadini per il clima. Ha restituito una certa legittimità alle politiche perseguite.

Ma ora alcuni alleati di Macron al Parlamento europeo temono che lo stesso errore possa essere commesso a livello europeo. Molti governi dell’Europa centrale e orientale, dove la flotta e gli edifici sono spesso meno efficienti dal punto di vista energetico rispetto all’Europa occidentale, temono anche che le loro popolazioni vengano colpite duramente.

per calmarli La Commissione Europea vuole creare un nuovo Fondo Sociale per il Clima, proposto con un budget di almeno 72,2 miliardi di euro per il periodo 2025-2032.

“Attraverso questo fondo, i governi avranno, tra le altre cose, il diritto di fornire un sostegno al reddito individuale come compensazione per il cambiamento”, ha affermato Frans Timmermans.

Ma questo ci porta a nuove domande. Quale dovrebbe essere la dimensione del Fondo sociale per il clima, come dovrebbero essere utilizzati i fondi, chi ha effettivamente diritto al sostegno e come vengono garantite la trasparenza e la lotta alla corruzione? Ci saranno probabilmente questioni controverse nei prossimi mesi, quando gli Stati membri dell’UE e il Parlamento europeo prenderanno posizione sulle proposte.

Il primo via libera non è previsto fino alla prima metà del 2022, quando la Francia assumerà la presidenza del Consiglio dei ministri Ue.

Certamente, alcuni Stati membri e deputati non apprezzerebbero le cose in questa proposta. So che si è parlato molto dei gilet gialli e del pericolo del malcontento sociale. Ma ricorda, abbiamo pochissimo tempo, ha detto Timmermans, solo otto anni fino al 2030.

READ  Uccidere un ragazzo con un coltello - condannato a 16 anni di carcere

Una cosa è certa: è probabile che lo spettro giallo dell’Occidente perseguiti a lungo la politica climatica europea.