TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Real Cuba Libre – NWT

Gli esuli cubani manifestano a Miami a sostegno dei combattenti per la democrazia cubani.

Foto: Pedro Portal

Cuba Libre è una bevanda composta da rum e cola. Ma in spagnolo significa “Cuba libera”. Si dice che il nome sia stato aggiunto in relazione alla guerra ispano-americana, a sua volta collegata alla guerra d’indipendenza cubana. Oggi i cubani non sognano l’indipendenza dalla Spagna. Sognano di sfuggire al comunismo e di vivere liberamente.

Quando Alings ha lasciato la festa su Twitter (13/7) Alla domanda su quali tre libri sul marxismo o sul socialismo dovrebbero essere raccomandati ai quindicenni, hanno ricevuto alcune risposte che forse non si aspettavano.

L’arcipelago Gulag di Solzhenitsyn e Mao, La grande carestia di Dikötter, La fattoria degli animali di Orwell e La carestia rossa di Applebaum sono stati alcuni dei consigli di scrittura.

Perché si può immaginare che sembra sempre dove si finisce, quando i paesi stabiliscono un’utopia comunista. Libertà, oppressione e povertà sono il risultato delle politiche perseguite. Quando le persone vedono attraverso la propaganda e non vogliono far parte di questo edificio comunitario, gli viene impedito di lasciare il paese.

Nonostante questo c’è Ci sono ancora molte persone in Svezia che vogliono in modi diversi spiegare e difendere i regimi comunisti. Il Paese che ha sempre occupato un posto speciale nel cuore di molti simpatizzanti di sinistra è Cuba. Non è un caso che nel 1975 Olof Palme sia stato il primo capo di governo dell’Europa occidentale a fare una visita ufficiale a Cuba. Le immagini di Palm e Castro che fumano insieme e sembrano prosperare l’uno nella compagnia dell’altro sono un doloroso promemoria della mancanza di giudizio che la socialdemocrazia svedese ha così spesso dimostrato in politica estera.

READ  Grandi sfide nel lavoro di soccorso dopo le inondazioni in Germania

Fidel Castro ha colpito Cuba con un colpo. Ma ora, quasi cinque anni dopo la sua morte, possiamo vedere l’inizio della fine del governo autoritario.

negli ultimi giorni Migliaia di cubani sono scesi in piazza per protestare. Non abbiamo visto niente di simile da quando è scoppiata la rivoluzione nel 1953. La gente è stanca della mancanza di libertà, cibo e medicine. Anche il modo in cui il regime ha affrontato la pandemia – il numero di contagi e morti è aumentato di recente – è stata una scintilla. Va notato che coloro che negli anni hanno cercato di difendere la dittatura a Cuba, lo hanno fatto volentieri affermando che il paese offre ai suoi cittadini una così meravigliosa assistenza sanitaria.

I cubani chiedono la fine della tirannia. Il regime ha risposto chiudendo Internet, la rete di telefonia mobile e, naturalmente, con arresti e violenze.

popolo cubano Ha il suo destino nelle sue mani. Ma il mondo esterno deve dimostrare che sosteniamo i cubani che ora combattono per la democrazia ei diritti umani. Il paese con le maggiori possibilità di impatto sono, ovviamente, gli Stati Uniti. Sebbene il presidente Joe Biden abbia espresso sostegno ai manifestanti, la sua amministrazione non mostra molto impegno. Il senatore repubblicano Marco Rubio – lui stesso figlio di esuli cubani – ha più volte affermato che potremmo essere diretti a un imminente massacro a Cuba e che gli Stati Uniti devono agire con più forza.

Il 1989 è un anno iconico. Fu allora che cadde il muro di Berlino e i paesi europei furono liberati dal comunismo. Il 2021 è l’anno in cui è arrivato il turno di Cuba?

READ  Nathan Shahar: il grande gioco di scommesse di Hamas - Il veto di Gerusalemme

Questo editoriale esprime la linea politica del giornale. La designazione politica di Nya Wermlands-Tidningen è conservatrice.