TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Erdogan dopo l’incontro con Putin: la Turchia sostiene l’Ucraina

Giovedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a Leopoli, nell’Ucraina occidentale.

Due settimane fa, Erdogan ha incontrato il presidente russo Vladimir Putin a Sochi. Quindi le due parti hanno promesso di rafforzare la cooperazione politica ed economica.

Sostegno all’Ucraina

Ma durante la visita a Leopoli, la prima in Ucraina dall’inizio dell’offensiva russa alla fine di febbraio, Erdogan ha detto che la Turchia sostiene l’Ucraina e che continuerà i suoi sforzi diplomatici per porre fine ai combattimenti.

– Mentre continuiamo i nostri sforzi per trovare una soluzione, rimaniamo dalla parte dei nostri amici ucraini, ha affermato Erdogan, secondo Agence France-Presse.

Il leader turco ha anche promesso che la Turchia avrebbe aiutato a ricostruire strade, ponti e altre infrastrutture ucraine.

Zaporizhzhya a fuoco

Ha anche avvertito del pericolo di un incidente, che ha chiamato “un’altra Chernobyl”, nella centrale nucleare di Zaporizhzhya occupata dai russi.

Zelensky chiede alle Nazioni Unite di garantire la sicurezza della centrale nucleare e ritiene che la presenza militare russa presso la centrale sia “deliberata”. La Russia ha occupato Zaporizhia a marzo e dalla fine di luglio Kiev e Mosca si sono accusate a vicenda di essere dietro gli attacchi alla centrale nucleare. Dopo l’incontro, Guterres ha chiesto un “accordo immediato” per garantire la sicurezza nella regione.

Oltre alla sicurezza nucleare, sono state discusse anche le esportazioni di grano. All’inizio di agosto, l’Ucraina ha ripreso le esportazioni di grano dai suoi porti del Mar Nero dopo aver concluso un accordo con la Russia negoziato dalla Turchia e dalle Nazioni Unite.

READ  Le preoccupazioni dell'Onu sulle condanne a morte russe: un crimine di guerra