TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

UBS rilancia Virgin Galactic per l'acquisto: le azioni sono aumentate per il sesto giorno consecutivo

Elicera Therapeutics è stata approvata per la quotazione sul mercato in crescita n. 1 del Nasdaq

Calle Sjönell, Stratega del negozio creativo di Facebook.

L’e-commerce cresce in maniera esponenziale parallelamente alla domanda di incontro digitale tra consumatore e azienda. Esperienze di acquisto senza soluzione di continuità, contenuti su misura per il gruppo target e comunicazione diretta tra venditori e acquirenti dovrebbero funzionare.

Dobbiamo creare uno scambio più umano online, afferma Calle Sjönell, Creative Strategist di Facebook Creative Shop.

Maggiori informazioni su Discovery Commerce

Il rapporto, o forse l’equilibrio di potere, tra aziende e clienti è cambiato negli ultimi dieci anni. La digitalizzazione offre ai consumatori l’opportunità di informarsi e di avere una voce pubblica per i marchi edificanti e ottimisti nei social media. Non è più sufficiente che le aziende “esistano solo”, i consumatori si aspettano una presenza attiva con contenuti coinvolgenti e utili, nonché un servizio buono e divertente dall’ispirazione all’acquisto.

Anche le aspettative sul servizio sono cambiate e oggi i consumatori chiedono una risposta immediata. Tutto può essere acquistato in qualsiasi momento con pochi clic – e anche con consegna a domicilio, spesso lo stesso giorno. Ma non appena appare un ostacolo, la maggior parte delle persone annulla l’acquisto. Secondo un rapporto sulle statistiche di e-commerce condotto da SaleCycle dal 2021, più dell’80% di tutti gli europei che hanno inserito un prodotto nel carrello della spesa digitale ha completato l’acquisto.

Tutto è a posto – ora le aziende devono consegnare

200 milioni di aziende utilizzano le app di Facebook ogni mese per connettersi con i propri clienti e promuovere la crescita: dieci milioni di loro fanno lo stesso con le inserzioni. Tutto, dai marchi internazionali ai caffè, ai parrucchieri e ai ristoranti, utilizza i servizi.

Calle Sjönell su Facebook Creative Shop assiste le agenzie pubblicitarie e i dipartimenti di marketing con soluzioni creative su piattaforme come Facebook, Instagram, Messenger, Whatsapp e la piattaforma di realtà virtuale Oculus. Crede che le aziende che hanno successo nei social media siano quelle che creano legami emotivi con il loro pubblico di destinazione.

Come azienda, devi definire chiaramente i risultati che vuoi ottenere e trovare intuizioni umane entusiasmanti e sorprendenti che guidino emotivamente le persone nella categoria a cui appartiene la tua azienda, dice.

Tre direzioni in cui i brand devono avere successo: il dialogo viene prima di tutto

Calle Sjönell e colleghi identificano tre aree in cui i consumatori di oggi e di domani hanno esigenze elevate nei confronti delle aziende e dei marchi che utilizzano.

La prima direzione: comunicazione e interazione con il gruppo target

I consumatori si aspettano una connessione istantanea con i marchi, preferibilmente con lo strumento che stanno attualmente utilizzando. Quando sorge una domanda, non vogliono alzare il telefono e chiamare o modificare una nota e-mail, il contatto dovrebbe essere il più agevole possibile. Nella soluzione di e-commerce di Facebook, il consumatore potrà presto scegliere metodi di comunicazione tra, tra gli altri, WhatsApp, Messenger e Instagram Direct.

Anche i cosiddetti chatbot sono sempre più diffusi per soddisfare le esigenze di comunicazione dei consumatori, ma per raggiungere il pieno successo, secondo Calle Sjönell, è necessaria una buona collaborazione uomo-macchina.

– Dobbiamo creare uno scambio online più umano, in cui uomo e macchina si uniscono per aiutare i clienti. Dice che la tecnologia dovrebbe completarci e viceversa.

Un buon esempio è l’azienda di gioielli Pandora, che ha creato un chat bot in Facebook Messenger per aiutare i suoi clienti a scegliere i regali giusti per la distribuzione. Il servizio di chat automatizzato ha avviato conversazioni con i visitatori del sito e della pagina Facebook e tramite annunci. Lì, il visitatore è stato guidato rispondendo alle domande e ai suggerimenti del chatbot. I risultati pubblicitari sono stati buoni, in particolare nel gruppo target maschile durante le campagne per la festa della mamma e il giorno di San Valentino, dove gli acquirenti di gioielli relativamente inesperti possono essere indirizzati all’acquisto in modo più efficace di prima.

– Con l’aiuto del chatbot possiamo spostare il nostro normale servizio dai negozi fisici a Internet. Possiamo guidarli lungo la strada dall’ottenere la loro attenzione attraverso la pubblicità fino a un acquisto, afferma Robin Dyer, coordinatore dei social media di Pandora.

La seconda tendenza: valorizzare la realtà con la realtà aumentata

La seconda tendenza è amplificare la realtà utilizzando la tecnologia moderna, come la realtà aumentata (AR), il che significa che metti uno strato digitale sulla realtà. Senza pensarci davvero, l’AR è diventata una parte normale delle nostre vite: i filtri di Instagram, gli sfondi per le videochiamate e Pokemon Go sono tutti usi comuni. Facebook offre alle aziende e agli individui così tante opportunità per utilizzare la realtà aumentata e la tecnologia è così accessibile e avanzata che solo l’immaginazione fisserà i limiti su quanto presto potrà essere utilizzata.

Il marchio di bellezza Sephora ha sfruttato la nuova tecnologia quando ha lanciato la sua prima linea di fragranze nel 2020. Con l’aiuto della realtà aumentata, hanno svolto il compito apparentemente impossibile di trasmettere il profumo attraverso uno schermo. In collaborazione con un neuroscienziato e un food designer 3D, hanno prodotto immagini e suoni correlati alle diverse fragranze. Quindi ha costituito la base dei filtri Instagram che sono stati creati e utilizzati nelle campagne pubblicitarie. Il risultato è stato un numero record, tra l’altro nella percentuale del gruppo target che ricorda gli annunci.

Ma Kali Sjönell vede buoni esempi e meno buoni. Oltre un milione di influencer AR sono stati creati dagli utenti da quando è stata lanciata la tecnologia, ma non tutti sono stati in grado di creare un valore reale. L’errore più comune è la mancanza di tecnologia.

Inizia sempre trovando un motivo strategico per utilizzare la realtà aumentata. È importante trovare l’idea giusta che risolva il problema giusto, perché è facile rimanere accecati dalla tecnologia divertente, afferma Kali Sjönell e continua:

– Quando l’utente si sente felice, curioso o comprensivo di ciò che lo circonda, ci sei riuscito.

La terza tendenza: è più caldo che mai vivere

La terza tendenza è la zona giorno in più rapida crescita. Molti si sono abituati alla videoconferenza e forse alle occasionali conferenze dal vivo durante la pandemia. I sondaggi mostrano che ogni giorno 800 milioni di persone consumano una qualche forma di contenuto dal vivo, da concerti e festival a incontri e corsi di formazione.

Il marchio automobilistico MINI ha utilizzato video in diretta su Facebook per rimanere in contatto con i suoi clienti e potenziali nuovi clienti durante la pandemia. Hanno trasmesso in streaming un totale di tredici spettacoli dal vivo da un garage dove, tra le altre cose, hanno mostrato nuovi modelli e hanno interagito con il pubblico online. In totale, hanno raggiunto 2 milioni di persone e triplicato i loro consueti risultati di condivisione su Facebook.

Calle Sjönell paragona questo fenomeno alla versione moderna del luogo più classico della narrazione:

– Hai una sensazione di fuoco da campo con tutti coloro che sono coinvolti nella trasmissione. Non è una trasmissione in diretta con presentatori e partecipanti passivi al divano. Dice che vivere sulle nostre piattaforme è molto simile a una pista da campeggio, in cui tutti partecipano attivamente all’azione e influenzano sia il contenuto che l’esperienza condivisa.

Maggiori informazioni su Discovery Commerce

READ  Le dimissioni del Consiglio democratico svedese a Orust