TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Effetto del trattamento con morfina su pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva e grave mancanza di respiro



Oggi non esiste un trattamento farmacologico efficace per la dispnea cronica grave. A volte gli operatori sanitari trattano oppioidi come la morfina per alleviare i sintomi, ma mancano prove sul fatto che questo aiuti. In uno studio randomizzato di fase III condotto da ricercatori dell’Università di Lund e da una rete di ricerca in Australia, è stato notato che la morfina non ha ridotto la mancanza di respiro nei pazienti.

Sintesi dello studio: studio clinico in doppio cieco // randomizzato di fase III // studio multicentrico // incremento della dose // peer reviewed // broncopneumopatia cronica ostruttiva e dispnea cronica // 156 partecipanti.

Lo studio è pubblicato su JAMA.

La dispnea cronica è una causa comune di grave sofferenza, che si verifica spesso in condizioni critiche avanzate e alla fine della vita. È noto che l’esercizio fisico può migliorare la capacità fisica e quindi ridurre i problemi respiratori, ma per le persone gravemente malate con mancanza di respiro cronica, l’attività fisica può essere una sfida. La BPCO può causare mancanza di respiro perché la malattia comporta danni ai polmoni e alle vie respiratorie.

La mancanza di respiro fa parte della vita di molte persone. Purtroppo, non esiste un trattamento migliore, ma sulla base dei risultati che abbiamo visto, in genere non possiamo raccomandare la morfina per le persone con mancanza di respiro cronica, afferma Magnus Ekström, ricercatore in medicina palliativa e medicina polmonare presso l’Università di Lund, e capo ufficiale medico. Medico in pneumologia presso l’ospedale Blekings di Karlskrona.

I ricercatori hanno incluso 156 pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) che presentavano mancanza di respiro grave e cronica nello studio di tre settimane. Nella prima settimana, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a tre gruppi, un gruppo trattato con una dose più bassa di morfina (8 milligrammi al giorno), un gruppo con una dose più alta di morfina (16 milligrammi al giorno) e un terzo gruppo, che era il gruppo di controllo, ricevendo un placebo. Nelle due settimane successive, i partecipanti sono stati nuovamente randomizzati in due gruppi, con un gruppo che ha ricevuto altri 8 milligrammi di morfina e l’altro un placebo, oltre al precedente trattamento/placebo.

READ  Studio: L'ADHD aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Il trattamento è stato chiamato in doppio cieco, il che significa che i partecipanti e il personale non sapevano quale trattamento aveva ricevuto ciascun gruppo, spiega Magnus Ekström.
Data la prevalenza globale di distress respiratorio cronico acuto, è imperativo trovare strategie che riducano in modo sicuro e prevedibile la sofferenza che queste persone sopportano, spesso per diversi anni, afferma David Currow, MD, medico di medicina palliativa presso l’Università di Wollongong in Australia , il cui team ha lavorato allo studio nell’ambito di un programma nazionale in cui si desidera migliorare il trattamento sintomatico per le persone con malattie gravi che limitano la vita.

I ricercatori hanno quindi confrontato i gruppi tra loro per vedere come hanno stimato la loro esperienza di mancanza di respiro e, con l’aiuto di sensori di movimento, è stato misurato il modo in cui i partecipanti si sono mossi durante lo studio.

Alcuni avrebbero potuto aspettarsi che lo studio avrebbe dimostrato che il trattamento con morfina avrebbe reso i partecipanti meno senza fiato e più attivi fisicamente. Sfortunatamente, non vediamo affatto tali tendenze in nessuno dei gruppi. Non abbiamo visto alcun miglioramento nei casi peggiori di mancanza di respiro e coloro che hanno ricevuto la morfina tendevano a muoversi di meno ed essere più stanchi, dice Magnus Ekström.

Secondo Magnus Ekström, la scoperta indica chiaramente il fatto che la terapia con morfina non dovrebbe essere ampiamente utilizzata nell’assistenza sanitaria come trattamento per i gruppi con dispnea cronica.

Tuttavia, lo studio non deve essere interpretato nel senso che la morfina non aiuta i pazienti con grave mancanza di respiro durante il riposo e le cure palliative alla fine della vita. Non abbiamo indagato su questo: nello studio, i nostri pazienti nella maggior parte dei casi non presentavano mancanza di respiro a riposo. L’esperienza clinica dimostra che alla fine della vita e in situazioni di crisi, il trattamento con morfina può fornire un aiuto importante, afferma Magnus Ekström.

READ  Un aumento della peste suina: un'epidemia su larga scala può aspettare: un "onere aggiuntivo per l'assistenza sanitaria"

Il prossimo passo sarebbe indagare più in dettaglio se ci sono gruppi che rispondono meglio alla morfina e hanno un rischio maggiore di effetti collaterali.

la posta:
Effetto della morfina regolare, a basso dosaggio, a rilascio prolungato sulla dispnea cronica nella broncopneumopatia cronica ostruttiva
Studio clinico randomizzato BEAMS

GIAMA 22 novembre 2022doi: 10.1001/jama.2022.20206

Lo studio è stato condotto con il sostegno dello Swedish Research Council, del National Health and Medical Research Council of Australia e della Flinders University. I farmaci e i preparati placebo utilizzati nello studio sono stati donati da Mayne Pharma Pty Ltd.

Contatto:
Magnus Ekström, ricercatore presso l’Università di Lund e capo medico in medicina polmonare presso l’ospedale Blekinge di Karlskrona.
E-mail: [email protected] Telefono: 0739966612



—————–
Stampa Contatta la Facoltà di Medicina dell’Università di Lund
: Katrin Ståhl, 046-222 01 31, 0725-27 97 97, [email protected]

Lund University è stata fondata nel 1666. Ci sono 46.000 studenti e più di 8.400 dipendenti a Lund, Helsingborg e Malmö. Siamo uniti nella nostra ricerca per comprendere, spiegare e migliorare le condizioni del nostro mondo e della nostra gente. Lund University è stata più volte classificata come una delle 100 migliori università del mondo. Iscriviti alla nostra newsletter Apropå! Alcuni dei nostri 5.000 ricercatori commentano gli eventi attuali: https://www.lu.se/kategori/nyhetsbrevet-apropa

tag: