TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco i vincitori della Business Medal 2021

Ecco i vincitori della Business Medal 2021

Per 250 anni, la Royal National Society ha premiato in vari modi preziosi contributi al mondo degli affari. Quest’anno, i premi includono la regina di Åland Beach, la giornalista che gestisce l’impero della pasticceria di Norland ed erede dell’azienda di famiglia, che ha un piccolo giro d’affari di 16 miliardi di corone svedesi all’anno.

Già nel 1766, sotto Durante il regno del re Adolfo Federico sul trono, fu fondata l’Assemblea Nazionale Reale, ma dopo pochi anni Gustavo III introdusse i principi di base. L’idea era originariamente quella di incoraggiare l’agricoltura, ma gradualmente l’attenzione si è spostata sul benessere dell’industria.

La Business Medal viene assegnata dall’inizio degli anni ’80. È un grande onore per la comunità per l’eccezionale imprenditorialità ed è sempre conferito da un membro della famiglia reale. Tuttavia, a causa della pandemia di Corona, nel 2020 non sono stati pagati dividendi.

Nel corso degli anni, la medaglia è stata assegnata a grandi nomi come Stefan Persson di H&M, Hemfrids Monica Lindstedt, New Waves Torsten Jansson, il finanziere Fredrik Lundberg, la stilista Philippa Knutson, Klarnas Sebastian Simyatkowski e il fondatore di IKEA Ingvar Kamprad.

Tra i vincitori del premio di quest’anno c’è Karen Bowden di Polarbröd, che ha iniziato la sua carriera nel giornalismo ed è forse la più conosciuta. Il gruppo di panetteria Alfsbeen a conduzione familiare affonda le sue radici nel 1879 e nell’estate del 2020 è stato colpito da un enorme incendio che ha completamente distrutto la fabbrica Polarbrod. La società ha dovuto licenziare un terzo dei suoi dipendenti, ma ora sta tornando, qualcosa di cui ha parlato Karen Bowden nel suo discorso estivo di quest’estate.

Linden impostare uno È la più grande azienda familiare svedese con un fatturato di 16 miliardi di corone svedesi e 5.500 dipendenti. Jenny Linden Ornes, figlia del fondatore e nota per la sua partecipazione alla fiera d’arte Färgfabriken di Stoccolma, è una delle medaglie di quest’anno.

Gunnars Tråd è stata fondata in un garage a Hillerstorp nel 1960. 60 anni dopo, l’azienda di trafilatura è ancora gestita dai figli e dai nipoti del fondatore con il nome GT Wire e ha un fatturato di 400 milioni di corone svedesi. Ora Kjell-Ove Gunnarsson, il figlio di Gunnar Gustavsson che ha avviato l’attività, è stato elogiato per aver lavorato nello spirito di Gnosjö.

Nel North Öland, dal 1994 si trova la grande struttura per il campeggio e il tempo libero Böda. Per aderire a questo. Per aver combinato l’intero spettro della vita charter con le libertà di una vita in campeggio, anche il CEO Anna Barkivale è stato premiato con una medaglia.

Così fa Lars Martinson, che guida l’azienda di famiglia Martinson Group a Bygdsiljum di Västerbotten, per il suo lavoro sulla sostenibilità. È un imprenditore di quarta generazione e oggi guida il più grande produttore di legno lamellare in Svezia con un fatturato di 2 miliardi di corone svedesi.


READ  Ecco la grande visione di Audi del futuro Grandsphere