TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Conflitto sui dipendenti di ristoranti stranieri nell'epidemia

Conflitto sui dipendenti di ristoranti stranieri nell’epidemia

La sua industria dell’ospitalità È stato gravemente danneggiato lo scorso anno. Circa 50.000 persone sono state licenziate dall’inizio della pandemia e più di 36.000 sono in congedo a breve termine, secondo l’Associazione Hotel e Ristoranti.

per Manodopera straniera Un evento comune in particolare nel settore della ristorazione, come l’Unione già sa.

Ma pensavamo che le richieste di permessi di lavoro sarebbero diminuite quando quasi tutti i dipendenti del settore sarebbero stati licenziati e nemmeno gli ospiti, afferma Bear Pearson.

Prima che l’Agenzia svedese per la migrazione prenda una posizione sulla domanda, il sindacato ha l’opportunità di commentare le condizioni di lavoro nei casi in questione. Lo scorso anno, il Sindacato ha ricevuto circa 7.500 casi di questo tipo, che, a suo avviso, non rappresentano una diminuzione significativa rispetto agli anni precedenti.

Tuttavia, lo ha fatto Numero di permessi di lavoro concessi Per quanto riguarda le carriere nel settore della ristorazione, è diminuito. L’anno scorso ne sono stati assegnati poco più di 1.600, quasi 700 in meno rispetto all’anno precedente.

Torbjörn GranevärnVisita, responsabile del diritto del lavoro presso l’Organizzazione dei datori di lavoro, osserva che molti dei permessi concessi nel 2020 sono avvenuti anche prima dello scoppio della crisi a metà marzo.

– Se guardi al 2021 fino al 1 maggio al Consiglio svedese per l’immigrazione, vedo che è 344, quindi è inattivo. Dice che è chiaramente inferiore quest’anno rispetto all’inizio dello scorso anno.

Nonostante ciò, Pear Pearson ritiene che il flusso costante di opinioni che continua a raggiungere il sindacato indichi che qualcosa non va.

“Molti datori di lavoro senza scrupoli vogliono manodopera a basso costo”, dice Per Pearson, segretario a contratto presso il Fondo per i diritti umani.

Foto: Frederick Sandin Carlson

Ciò significa che c’erano 7.500 posti di lavoro disponibili per l’occupazione quando ti sei sbarazzato anche di persone del settore. Anche se hai dato di meno, dice, è allarmante.

Ogni settimana, il sindacato riceve consigli sui dipendenti che ricevono molto meno di quanto promesso o talvolta non ricevono affatto e che lavorano in condizioni di lavoro estremamente stressanti.

Molti datori di lavoro senza scrupoli vogliono la manodopera a basso costo che trattano come schiavi, afferma Per Pearson, che non condivide l’opinione di Visita secondo cui il numero di permesso di lavoro per il 2020 è influenzato dalle numerose richieste arrivate prima dello scoppio della crisi.

– Andiamo nel conflitto in corso. Dice che ogni settimana ci sediamo e gestiamo questo.

Torbjörn Granevärn di Visita osserva che negli ultimi anni non sono stati rilevati casi di sfruttamento umano tra i membri dell’organizzazione.

Ritiene che la forza lavoro straniera, che nonostante l’epidemia si sta introducendo nel settore della ristorazione, sia in gran parte costituita da competenze sofisticate che qui non si trovano.

Torbjörn Granevärn, capo negoziatore dell'associazione di categoria Visita, afferma:

“È importante che le competenze necessarie per aziende di successo, come chef di sushi o altre cucine specializzate, possano venire a lavorare in Svezia”, ​​afferma Torbjörn Granevärn, capo negoziatore per l’associazione di categoria Visita.

Immagine: fare clic su Immagine / Visita

È importante che le competenze necessarie per aziende di successo, come chef di sushi o altre cucine specializzate, possano venire a lavorare in Svezia. Il fatto che, a loro volta, creeranno le condizioni per un ristorante a tutti gli effetti e quindi altri posti di lavoro.

L’ansia sindacale è ingiustificata?

Lavoro principalmente con le nostre aziende associate e quando ci siamo seduti e abbiamo controllato con le nostre controparti sindacali, non abbiamo avuto casi di sfruttamento umano negli ultimi anni. Quindi potrebbero esserci aziende che non sono membri e non hanno contratti collettivi che ne abusano.

Secondo l’Autorità svedese per l’ambiente imprenditoriale, che effettua regolarmente ispezioni nel settore della ristorazione, non è possibile sapere se lo sfruttamento del lavoro non sia stato più o meno diffuso del solito durante la pandemia.

– Lo vediamo nei nostri controlli indipendentemente dal fatto che sia o meno il periodo della pandemia, ed è allarmante che ciò accadrà nel mercato del lavoro svedese nel 2021. Non è previsto che le persone camminino e si sentano male sul lavoro, dice Arne Alfredson, capo del dipartimento che coordina i controlli con le autorità Altro.

Secondo lui, i permessi di lavoro in sé e per sé non sono un segnale di avvertimento dello sfruttamento del lavoro. Tuttavia, un’alta percentuale di manodopera straniera è solitamente associata a un aumento del rischio di cattive condizioni di lavoro.

Pensiamo di vedere una tendenza che è più comune laddove è presente manodopera straniera, afferma Alfredson e aggiunge:

Sentiamo anche storie che ti hanno promesso nel tuo paese un certo tipo di lavoro o un certo tipo di compenso e quello che affronti quando vieni qui è una realtà completamente diversa.

READ  Il CEO di Activision Blizzard si è dimesso