TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Commissione europea: così dovrebbe essere gestita la migrazione attraverso il Mediterraneo

Commissione europea: così dovrebbe essere gestita la migrazione attraverso il Mediterraneo

Il contenzioso sull’immigrazione delle ultime settimane tra Italia e Francia ha evidenziato ancora una volta le carenze della politica migratoria dell’Ue. I ministri della migrazione dell’UE si incontreranno venerdì per discutere il nuovo piano d’azione della Commissione europea per la rotta del Mediterraneo centrale.

Dobbiamo aumentare i nostri sforzi, ha affermato lunedì il commissario europeo per la migrazione Ylva Johansson.

Tuttavia, il piano d’azione ha ricevuto critiche dalle organizzazioni per i diritti umani.

La questione migratoria è tornata in cima all’agenda dell’Ue con il litigio delle scorse settimane tra Italia e Francia sulla responsabilità di una nave con migranti soccorsi.

Nei mesi di ottobre e novembre, a una nave gestita da un’organizzazione francese per i diritti umani con a bordo 234 migranti soccorsi nel Mediterraneo è stato rifiutato l’attracco nei porti italiani. Alla fine, la Francia ha consentito alla nave di attraccare in uno dei suoi porti, ma allo stesso tempo ha annullato i piani per prelevare 3.500 richiedenti asilo dall’Italia.

In fondo, il conflitto riguarda la responsabilità degli stati per le navi sotto la loro bandiera e per i migranti che soccorrono.

Per chiarire la situazione, la Commissione europea ha presentato lunedì Piano d’azione Con 20 misure su come i paesi dell’UE stanno affrontando il numero crescente di migranti che arrivano nell’UE attraverso la rotta del Mediterraneo centrale, il Il modo più pericoloso all’Unione Europea secondo l’Agenzia delle Migrazioni Internazionali delle Nazioni Unite.

Il piano d’azione è anche un precursore dell’incontro speciale di venerdì con i ministri dell’immigrazione dell’UE, dove si discuterà proprio di questo tema.

– Molte persone cadono nelle mani di trafficanti di esseri umani – almeno il 90% di coloro che arrivano nell’UE si servono di trafficanti. Vediamo anche persone che perdono la vita lungo questi percorsi. Non è sostenibile. Dobbiamo aumentare i nostri sforzi, ha affermato lunedì il commissario europeo per la migrazione Ylva Johansson, e ha osservato che gran parte riguardava l’aumento del ritmo delle misure già concordate.

READ  Controversia tra Telia e Viaplay - I clienti Telia potrebbero perdere i canali

Aumentare la cooperazione con i paesi di origine

Il piano d’azione riguarda in parte l’aumento della cooperazione con i paesi di origine e di transito, ma anche con le organizzazioni internazionali: l’attenzione è rivolta ai rimpatri e alla riduzione del numero di partenze verso l’UE.

– Ylva Johansson sottolinea che la stragrande maggioranza delle persone che oggi arrivano da questa rotta non ha bisogno di protezione internazionale.

I paesi dell’UE devono anche coordinare meglio i loro sforzi per cercare e salvare i migranti nel Mediterraneo. Qui si pone il problema della responsabilità delle navi, e Ylva Johansson sottolinea che ci sono lacune nel diritto marittimo, dove il ruolo delle “navi private che operano in mare è ancora uno scenario che manca di grande chiarezza”.

La Commissione europea invita anche i paesi dell’UE ad attuarla un accordo Conclusioni di giugno sul trasferimento volontario dei migranti e sui contributi finanziari dai paesi dell’UE che non sono in prima linea nell’accoglienza dei migranti – Accordo ex Svezia si notava.

Tuttavia, il piano d’azione della Commissione europea ha ricevuto critiche dalle organizzazioni per i diritti umani.

– Mentre le ONG chiedono operazioni proattive di ricerca e salvataggio in mare guidate dallo stato, il comitato sembra essere alla ricerca di nuovi modi per limitare il lavoro salvavita delle ONG di salvataggio che stanno solo cercando di colmare il vuoto afferma Mateo de Bellis, ricercatore ad Amnesty International. , l’assenza di intervento statale su Twitter.