TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ci sfuggirà nell’eternità

Al Rayyan. Quindi una generazione è passata e non tornerà mai più.

Tre o quattro volte Romelu Lukaku si è fermato davanti alla porta aperta per salvare l’ultima danza.

È finita con niente. finito con zero.

Alla fine, è stato semplicemente tragico.

Di quante reti aperte servono per tirare la palla, Romelu Lukaku?

Tre non sembrano abbastanza, quindi… cinque? dieci?

Non otterremo questa risposta. Questa notte – questo singolo sforzo – rimarrà per sempre un mistero nel calcio belga.

Al suo meglio, Romelu Lukaku è un attaccante di livello mondiale – lo ha dimostrato molte volte – ma il suo momento peggiore è arrivato stasera.

Se non fosse così importante, ovviamente sarebbe per lo più fatale. Come può un attaccante di comprovata classe internazionale sbagliare così tanto, così spesso? Come può un giocatore di football di base sembrare un fusto così completo e senza speranza?

Di ritorno da un infortunio, ovviamente. A tempo indeterminato, certo. Non dare mai a questo giocatore un primo tocco normale, anche quando è a tutta velocità.

Fino ad ora?

Dall’inizio sono stati tanti quelli che sono venuti allo stadio Ahmed Ben Ali con le pale alzate e pronte, ma ora l’idea non era quella di spaccarli con la testa di Romelu Lukaku. Una generazione d’oro stava per essere seppellita, e non sembrava che molti stessero soffrendo troppo.

Invece si stava diffondendo una sorta di Schadenfreude.

Di recente sembrava che i belgi si fossero stancati della loro nazionale e che i giocatori stessi avessero finito l’uno con l’altro. L’auto procedeva in linea retta verso la parete rocciosa e l’unica domanda era se sarebbe andata a sbattere o se sarebbe rimasta senza benzina.

READ  Vento forte al polo, ma perfetto per un discus a Eugene

L’addio è stato piuttosto lungo.

Sei mesi fa, il Belgio ha perso 4-1 in casa in un mini-derby contro l’Olanda – i numeri avrebbero potuto essere molto più alti – e da allora sembra esserci stata cannibalizzazione e cannibalizzazione.

Il WC è stato per lo più un dolore intrigante per tutti i soggetti coinvolti e, entrando in questa partita, la stragrande maggioranza ha pensato che il punto finale fosse stato raggiunto.

Sarà comunque un buon addio?

noi. Non ci sono voluti nemmeno cinque secondi prima che Ivan Perisic avesse un tiro più o meno libero, e se quella palla fosse entrata, sarebbe stata la prova definitiva che i giocatori avevano smesso di prestare attenzione.

Ora ciò non è accaduto, ma prima che fossero trascorsi due minuti, i croati si sono trovati in tre situazioni pericolose nell’area di rigore offensiva. Il Belgio ha iniziato la partita con sette giocatori che hanno almeno 30 anni, e per un giocatore così esperto essere coinvolto in una partita così cruciale, sono deboli e sfocati e hanno anche una portata imperdonabile di calci di rigore.

Degno di lode e applauso

In ogni caso, lo shock ha scosso un po ‘i belgi, che gradualmente si sono trasformati in partita. Sebbene non abbiano mai brillato davvero, erano da qualche parte vicini a quella che possiamo considerare una loro normale esibizione, come questo dicembre 2022.

La squadra si è formata meglio di prima durante il torneo. Kevin De Bruyne ha trovato più spazi aperti e ha anche ottenuto la palla con un tempismo leggermente migliore. E poco fa hanno anche spoilerato quattro gol più o meno scoperti al loro fuoriclasse dell’Inter.

READ  Wada to Cas: Ban Kamila Valieva durante i Giochi Olimpici del 2026 in Italia

Ancora non abbastanza.

Oggi il Belgio è una squadra assolutamente fantastica, ma dove prima c’erano una mezza dozzina di giocatori di livello mondiale, ne sono rimasti solo due.

La generazione d’oro se n’è andata, ma ovviamente c’è un gruppo di giocatori che meritano applausi.

Non hanno accumulato nessuno dei più grandi graffi, ok, ma hanno ottenuto il bronzo WC. È il miglior torneo della storia del Belgio, e non è niente. Semmai, noi svedesi dovremmo essere in grado di dire quanto un paese calcistico di medie dimensioni apprezzerebbe tale successo.

Oggi siamo raggiunti da sette diversi belgi, ognuno dei quali ha giocato almeno 100 partite internazionali e, inutile dirlo, questo gruppo di giocatori è il gruppo più numeroso che il Belgio abbia mai giocato.

Forse la cosa più interessante è la discussione sulla loro eredità.

È stato il risultato di decisioni strategiche consapevoli e ponderate sul calcio giovanile in Belgio o è stata più una… beh, una coincidenza? C’è qualcosa da imparare dalla generazione d’oro del Belgio?

Poco meno di un decennio fa, l’Europa intera, mezza Europa, ha iniziato ad andare in Belgio in visita di studio, e ha sentito parlare di un nuovo modello con piani più piccoli e meno tavoli.

Va bene, ma è stato davvero sufficiente guardare il tetto mezzo giro in più per rendersi conto che non aveva alcun effetto.

Kompany, Wetsel, Fellaini, Dembele, Mertens, Chadley e De Bruyne erano tutti troppo vecchi per avere il tempo di essere influenzati da questo nuovo modo di lavorare.

Anche la maggior parte degli altri paesi ha avuto i suoi anni più importanti di sviluppo in altri paesi. Eden Hazard si è trasferito in Francia quando aveva 14 anni. Toby ha lasciato Alderweireld per l’Olanda e l’Ajax quando aveva 15 anni, e Jan Vertonghen quando ne aveva 16.

READ  Nuovo cartellone pubblicitario per la Pop House - Industria musicale

Fa oscillare un solido gancio destro contro il plexiglass

Romelu Lukaku e Thibaut Courtois hanno giocato con successo a calcio in Belgio, ma hanno lasciato il paese quando erano ancora adolescenti.

Oggi l’idea del Belgio come insostituibile modello di talento in una forma o nell’altra viene ignorata.

C’è ancora molto da fare nel paese – il solo Genk conta 15 giocatori di Coppa del Mondo che hanno allevato o sviluppato – ma nessun risultato estremo attira più l’interesse del mondo esterno.

Al WC 2022, i belgi sono serviti principalmente da esempio deterrente.

Quando tutto è finito, Romelu Lukaku ha nascosto il viso nella maglia ed è andato oltre la linea laterale.

Rimase lì per un po’, con la testa tra le ginocchia, prima di precipitarsi nella cabina di sostituzione e colpire con un solido gancio destro il plexiglas.

La generazione d’oro del Belgio non esiste più. Romelu Lukaku ha molto futuro davanti a sé, ma quando si terranno quelle cerimonie funebri, dovrà sempre convivere con il fatto che era il becchino con una vanga e spalava la terra.