TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Brent Sobel parla dello scandalo sessuale Chicago Blackhawk

Brent Sobel sulla destra.

Brent Sobel sulla destra.

immagine: Mark Humphrey / TT .Agenzia di stampa

All’inizio di quest’anno, è stata intentata una causa contro i Chicago Blackhawks nella NHL per aver ignorato intenzionalmente l’aggressione sessuale di diversi giocatori della squadra.

Ora l’ex giocatore Brent Sobel si fa avanti a sostegno dei suoi allora compagni di squadra e invita gli altri a fare lo stesso.

– Direi che tutti i ragazzi hanno detto “bastardi di uomini” e sono rimasti scioccati quando l’abbiamo scoperto, dice Sobel a TSN.

Secondo la causa, due ex giocatori del club sono stati aggrediti sessualmente dall’analista video Brad Aldrich in relazione alla stagione del campionato 2009/10.

Secondo Sobel, i giocatori devono aver discusso degli eventi nel bel mezzo della serie di playoff contro il San Jose dopo che un membro dell’allora staff tecnico ha chiesto all’amministrazione di Chicago di denunciare la questione alla polizia.

– Eravamo tutti nello stesso spogliatoio. Era qualcosa di cui si discuteva da almeno due o tre giorni. Poi l’allenatore Joel Quinville ha condiviso una scrivania con Aldrich. Sobel dice, abbiamo sentito parlare di lei.

“La cosa più disgustosa che abbia mai sentito in vita mia”

Queenville, il capo allenatore dei Florida Panthers, da parte sua, ha costantemente negato la conoscenza degli eventi.

Le accuse sono state scoperte dai media all’inizio di questa estate: “Ho contattato i Black Hawks per annunciare che sosterrò e parteciperò a una revisione esterna”, ha scritto Quinville a TSN martedì.

Dopo il suo periodo ai Blackhawks, il club ha dato ad Aldrich una raccomandazione di lavoro, cosa che ha irritato Sobel.

– È la cosa più disgustosa che abbia mai sentito. Gli hanno dato un’indicazione di quello che ha fatto ai loro giocatori. Tutti pensavano che gli Hawks avrebbero fatto la cosa giusta, ma a quanto pare non l’hanno fatto.

Ora esorta gli altri giocatori che erano presenti durante la stagione a farsi avanti e sostenere il caso.

Molte di queste persone sono ancora attaccate al club e quindi non dicono nulla. Vogliono proteggere i loro posti di lavoro. Ma dovrebbero fare la cosa giusta e dire onestamente la verità su quello che è successo, dice Sobel.

Inserito:

Iscriviti alla Newsletter SHL Ice Hockey: informazioni, opinioni, foto, approfondimenti e roster!

READ  Compiti: un altro ritorno a FBK