TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non incolpare solo il consumatore per lo spreco di cibo

Anche il consumo prevedibile dovrebbe essere ricercato dai produttori e dai commercianti di generi alimentari. Quindi la merce può essere ordinata e prodotta nelle giuste quantità.

Si parla molto di spreco alimentare. Ma l’informazione che in Finlandia sprechiamo 25 kg di cibo a persona è alquanto fuorviante. Probabilmente finirò con meno di un chilo di rifiuti se non includi fondi di caffè, bucce d’arancia, banane e altri prodotti per la pulizia. Questo è probabilmente il caso nella maggior parte delle famiglie. Questi 25 kg includono ciò che viene sprecato da ristoranti e negozi e ciò che viene perso durante il trasporto e lo stoccaggio delle materie prime, durante la lavorazione e il confezionamento. Pertanto, è ingiusto incolpare i singoli consumatori per uno spreco alimentare significativo.

Ma perché proteggersi così tanto che c’è un’eccedenza di cibo? Dopotutto, molte altre cose vengono prodotte in eccesso, come vestiti e gadget elettronici che vengono scartati prima che raggiungano i consumatori e case che vengono demolite pochi decenni dopo a causa della scarsa qualità.

Sarebbe peggio se ci fosse carenza di cibo! Dobbiamo avere una certa eccedenza nella produzione di base per far fronte ai disturbi causati dal clima sfavorevole e da altri fattori che non possiamo controllare. L’eccesso di cereali, caffè e ortaggi a radice, ad esempio, all’inizio della catena di produzione raramente rappresenta un problema di spreco. Esistono diversi modi per utilizzare l’eccedenza: il caffè può essere tostato, le patate e i cereali possono essere alcol o altro combustibile, oppure il cibo può essere reintrodotto nel terreno come fertilizzante, ecc.

D’altra parte, è probabile che sia uno spreco di risorse quando il cibo viene finalmente smaltito, dopo che i prodotti sono stati lavorati, confezionati, distribuiti e preparati in una mensa o in un ristorante per il pranzo del personale. Ma è difficile da evitare quando si serve cibo con servizio self-service. E con l’aumento dell’offerta di prodotti nei negozi oggi, è anche impossibile eliminare i rifiuti a causa dell’obsolescenza delle merci.

READ  Segui la prima del Campionato Europeo Turchia - Italia - DN.SE

Anche il consumo prevedibile dovrebbe essere ricercato dai produttori e dai commercianti di generi alimentari. Quindi la merce può essere ordinata e prodotta nelle giuste quantità. Da questo punto di vista, le repressioni su prodotti di uso quotidiano come salsiccia, formaggio e caffè sono completamente dannose. Ciò che viene prodotto in modo più costoso (straordinario) e la cui distribuzione e commercializzazione comporta costi aggiuntivi viene venduto più economico del solito. Ciò significa che altri prodotti simili, per i quali non è stata elaborata una campagna, rimangono in gran parte sullo scaffale. È probabile che questo aumenti gli sprechi. E non è irragionevole che qualcuno acquisti il ​​prodotto realizzato in quantità eccessive e poi debba buttare via ciò che non è stato consumato nei tempi previsti.

Come sottoprodotto delle campagne, il pubblico perde fiducia nei prezzi commerciali. Pertanto, le promozioni dovrebbero essere utilizzate solo quando un prodotto è stato immesso sul mercato o quando i negozi non tengono conto del consumo e il cibo deve essere scartato per avvicinarsi a una data migliore prima o dopo.

Jean-Eric Ingval, Helsinki