TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli anticorpi post-corona persistono per almeno un anno e proteggono dalla variante delta

Nella primavera del 2020, sono stati raccolti più di 2.000 campioni dal personale ospedaliero e dai pazienti COVID-19 al Danderyd Hospital. È passato ormai un anno e il follow-up di coloro che hanno contratto il COVID-19 durante questo periodo è stato completato.

Leggi di più: Un’altra grande risorsa per le vaccinazioni – così hai le migliori possibilità di fissare un appuntamento

Leggi di più: Assistenza sovraccaricata da un pesante fardello, nonostante i pochi pazienti Corona

Lo studio della comunità si è concentrato su una coorte che ha contratto la malattia nella primavera del 2020 e non era ancora stata vaccinata e ha studiato l’immunità dopo l’infezione con un’infezione naturale. I risultati mostrano che oltre l’80% di coloro che hanno sviluppato sintomi lievi avevano ancora livelli di anticorpi misurabili un anno dopo. Per quelli ricoverati per covid-19, i risultati mostrano che tutti avevano anticorpi un anno dopo l’infezione.

Esaminando regolarmente i partecipanti allo studio ogni quattro mesi, abbiamo raccolto dati unici che illustrano il ciclo nell’arco di un anno. In breve, possiamo dire di vedere una buona risposta nel complesso dopo un anno di lieve COVID-19, afferma Charlotte Thalin, MD e ricercatrice presso il Danderyd Hospital.

Protezione contro le varianti alfa e delta

I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno anche esaminato la capacità degli anticorpi di proteggere dalle nuove varianti, alfa e delta, che rappresentano la maggior parte della prevalenza in Svezia e in Europa. Anche lì si vede un risultato positivo.

In precedenza si dubitava che l’immunità dopo l’infezione naturale con il virus originale proteggesse anche da nuove varianti. Charlotte Thalin dice che è rassicurante vedere che gli anticorpi legano anche queste varianti più infettive.

READ  Dietista: come ridurre lo zucchero

Leggi di più: Ad agosto inizia la vaccinazione giovanile

Lo studio ora continuerà. I seguenti campioni verranno prelevati in agosto e settembre, quando la maggior parte dei partecipanti sarà probabilmente vaccinata.

Continueremo a confrontare il sistema immunitario dopo l’infezione naturale e dopo la vaccinazione e osserveremo la risposta immunitaria a diversi tipi e combinazioni di vaccini. Il gruppo di studio è unico e continueremo a seguire i partecipanti con un campionamento continuo in futuro, afferma Charlotte Thalin.

Leggi di più: I bambini appena arrivati ​​hanno ricevuto cure scadenti – ha informato l’infermiera Ivo

Fatti sullo studio della società

  • Lo studio viene condotto e implementato in stretta collaborazione tra il Danderyd Hospital (responsabile dello studio), il Karolinska Institutet, KTH, SciLifeLab, l’Università di Uppsala e l’Agenzia svedese per la sanità pubblica.
  • Il gruppo di ricerca comprende il Danderyd Hospital, lo specialista del Karolinska Institutet e l’investigatore responsabile Charlotte Thalin, il medico senior associato e il dottorando Sebastian Haverval, il MD e il dottorando Ulrika Marking, il medico senior e il dottor Max Gordon, i professori KTH Sophia Huber e Peter Nelson, Uppsala Med University Dr. Michael Oberg, Professore Associato e Docente Senior Sarah Mangsbo e Professoressa Mia Philipson del Karolinska Institutet e Professori Associati presso l’Agenzia Svedese per la Salute Pubblica Jonas Klingstrom e med. La dottoressa Kim Bloom.
  • Lo studio è stato finanziato da Jonas e Christina af Jochnick e Leif Lundblad con Family Foundation, Region Stockholm Foundation, Knut, Alice Wallenbergs, SciLifeLab, Familjen Erling-Perssons Stiftelse e Atlas Copco.

Fonte: Ospedale Danderyd

Vuoi saperne di più su come il GP lavora con il buon giornalismo? Leggi il nostro Codice Etico Qui.