TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Barbro Hedvall: Pensavo ci fosse una guerra in corso?

Pensavo fossimo in guerra, ma sembra essere un malinteso. L’altro giorno, l’Unione Europea ha deciso di provare a ridurre i suoi acquisti di gas dalla Russia del 15 per cento fino alla prossima primavera. La partecipazione è volontaria.

In Finlandia, il governo sta valutando la possibilità di bloccare i visti turistici per i russi.

Il gas porta miliardi di entrate come al solito, in Germania e in Italia alcuni lo pagano in rubli.

Sono passati solo più di cinque mesi da quando la Russia ha attaccato l’Ucraina e l’Occidente si è schierato dietro l’Ucraina. Armi e denaro, qualunque cosa serva per sconfiggere la Russia, lo sopporteranno tutti. È il più vicino possibile alla guerra aperta.

E ovviamente lo ha fatto Hanno inviato armi. Naturalmente, ci sono stati viaggi a Kiev per fare foto con il presidente Zelensky. Ma il gas è stato acquistato da altri canali.

Apatia e ansia: ecco come appare nella pratica il sostegno all’Occidente. È facile capire perché la decisione di febbraio sia diventata malaticcia: l’Ucraina era troppo lontana. Poi i prezzi sono aumentati.

E poi è stata l’estate, la prima dopo la pandemia. Adesso era ora di partire, c’erano code, code, scioperi. E chi ha tempo per pensare a Putin e alla guerra.

No, estate 2022 Non è il miglior orologio in Occidente.

Questo autunno torneranno le stesse domande: quando verrà spento il gas? Quando vengono sospese tutte le transazioni finanziarie? Quando ci sarà una pausa per tutti i russi che non fuggiranno dal Paese?

Quando capiremo finalmente che la Russia deve essere fermata e quando ci costringeremo ad agire di conseguenza? Gli aiuti militari non bastano e dobbiamo chiudere le aperture alle frontiere e smettere di aiutare gli aggressori.

READ  Oppo Air Glass: ora lanciati gli occhiali tradotti

Si scopre che ci rendiamo conto che siamo già in guerra.

Leggi di più degli editoriali di Barbro Hedvall qui.