TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avvertimenti del ‘clima end game’: minimizzazione del rischio

Il mondo sta chiudendo un occhio sui pericoli del cambiamento climatico estremo.

Ora i ricercatori avvertono che gli scenari peggiori per l’orrore sono “pericolosamente inesplorati”.

– Se arriviamo fino a quattro o cinque gradi, è una catastrofe planetaria e il “gioco finale” per la civiltà umana, afferma il climatologo Johan Rockström.

In connessione con l’accordo di Parigi del 2015, i paesi del mondo hanno deciso di sforzarsi di limitare l’aumento delle temperature a 1,5 gradi. Negli ultimi anni, gli avvertimenti sono diminuiti sempre di più, non ultimo da Panel delle Nazioni Unite sul clima IPCC Il mondo è sull’orlo di una mancata accensione con condizioni meteorologiche più rigide, aumento del livello del mare, incendi e siccità di conseguenza.

Ma le immagini disegnate potrebbero essere ancora troppo luminose, secondo uno studio recente Pubblicato sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Finora, i ricercatori hanno esaminato principalmente i risultati tra 1,5 e 2 gradi di riscaldamento sulla Terra.

Per tutto il tempo, gli studi su uno scenario peggiore per un riscaldamento massiccio – che potrebbe includere il collasso di intere comunità e l’eventuale estinzione dell’umanità – sono “pericolosamente inesplorati”, secondo lo studio.

‘La possibilità non è piccola’

Uno degli autori lo è Johan RockstromDirettore dell’Istituto tedesco di Potsdam per la ricerca sul clima.

Sottovalutiamo la gravità dei nostri scenari peggiori. Se osserviamo da vicino i modelli climatici e gli studi sulla sensibilità climatica che sono stati condotti, vediamo che esiste una possibilità non banale che arriviamo a più di quattro gradi.

che cosa significa?

Già a tre gradi, un terzo della popolazione mondiale vive probabilmente in aree in cui è difficile sopravvivere a causa dei rischi per la salute causati dal caldo estremo e dalla mancanza di cibo e acqua. Se arriviamo a quattro o cinque gradi, è un caso di catastrofe planetaria.

si scalda

che cosa significa?

Il “gioco finale” della civiltà umana come la conosciamo. Il pericolo quando il riscaldamento raggiunge livelli elevati a causa delle emissioni di gas serra è che la Terra inizi a riscaldarsi anziché raffreddarla, a seguito di una serie di processi di riscaldamento spontaneo, come la Terra che assorbe più calore quando la calotta glaciale della Groenlandia scompare o metano e anidride carbonica vengono rilasciati quando il permafrost si scioglie.

Johan Rockström fa notare che oggi non sappiamo esattamente quanto caldo debba essere lo scoppio della civiltà umana, perché prima non c’eravamo.

– Sono necessarie ulteriori ricerche qui. Finora, i principali sistemi di soglia, Groenlandia, foresta pluviale e permafrost, rimangono resilienti nonostante l’enorme stress. Ma oggi non esiste uno studio unico che quantifica i livelli di temperatura per diverse soglie, quando superiamo questi punti di interruzione. Questa lacuna dobbiamo colmare di nuovo.

Urgente per avere una risposta

Incendi boschivi nel sud-ovest della Francia.

Secondo Rockström, gli attuali modelli climatici si basano sul presupposto che non si supera la soglia, nonostante l’alto rischio che questo sia il caso.

Vogliamo che l’IPCC lanci un rapporto speciale sui punti di rottura. Non è del tutto facile costruire processi non lineari come questo nei modelli climatici, ma sempre più modelli del sistema terrestre analizzano i rischi di feedback e le soglie ed è imperativo ottenere risposte.

Quanto sei preoccupato oggi che stiamo arrivando alla “fine partita” per il clima?

– Non siamo al culmine di un “gioco finale” ora, ma dovremmo acquisire una migliore conoscenza di ciò che potrebbe scatenarlo. Oggi sono molto preoccupato perché ci stiamo avvicinando al punto in cui mancano 1,5 gradi.

Siccità nel fiume Po in Italia nel mese di luglio.

Un vigile del fuoco cerca di combattere gli incendi a Cipro a giugno.

falsi segnali

La campagna elettorale svedese non si è ancora concentrata sul clima. Come la vedi da ricercatore?

Vediamo molte prove della necessità di aumentare la frequenza di spostamento in una zona priva di fossili. Eppure assistiamo a un dibattito sul clima così smorzato. È un’enorme delusione. È anche preoccupante, dato il nostro ruolo nel mondo. Se uno dei paesi del lusso più ricchi del mondo non ha effettuato la transizione ma ha tagliato la tassa sulla benzina, come possiamo aspettarci che paesi come la Nigeria, il Brasile e l’India investano nella transizione? Invia segnali completamente falsi al mondo esterno.

Cosa vorresti sentire dal ministro del Clima Annika Strandhal (Q)?

– Ha promesso un ampio piano di investimenti di miliardi di corone per accelerare la trasformazione in tutti i settori. E che il governo prenda l’iniziativa nel migliorare i nostri obiettivi per essere privi di fossili ben prima del 2045. Gli obiettivi che abbiamo oggi non sono in linea con ciò che la scienza dice per gestire 1,5 gradi.

“Massima priorità”

In una e-mail ad Aftonbladet, Annika Strandhäll afferma che tre gradi di riscaldamento sono inaccettabili:

Rischiamo di distruggere il nostro unico pianeta e le condizioni di vita e di vita in molti luoghi. Più paesi devono fare di più, più velocemente, in modo da poter limitare l’aumento delle temperature in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

READ  Cipro ha un alto tasso di infezione in Europa al momento

Come vede il fatto che al clima finora non è stato dato molto spazio in campagna elettorale?

Il cambiamento climatico è la questione determinante del nostro tempo e una priorità assoluta per noi socialdemocratici alle elezioni. Allo stesso tempo, abbiamo una situazione in cui molte persone sono preoccupate per l’aumento dei costi di cibo, carburante ed elettricità e per come faranno le loro spese quotidiane, quindi naturalmente ciò accadrà in campagna elettorale e qualcosa sul Comunità sociale. I democratici pensano che sia importante. In qualità di ministro del clima, posso dire che sarebbe positivo sia per le persone che per i portafogli del clima rompere la dipendenza dall’energia fossile dalla Russia, tra le altre cose.