TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arn Selmosan – La Svezia che ha inventato la celebrazione pacifica

Quando Alexander Kolarov ha segnato per la Roma a Romerbite 2018, era ben consapevole del significato storico. Nelle interviste ha sottolineato che sono passati 60 anni da quando un giocatore ha segnato l’ultimo gol per entrambi i club romanici.

È stato fatto da Arn Selmoson. La Svezia è uno dei cinque giocatori che hanno effettuato un trasferimento “squalificato” da un club della Roma all’altro.

Durante i Mondiali del 1958 in Svezia, Arn Selmosan si sedette spesso in panchina e giocò solo quattro partite internazionali. Non è conosciuto come le star degli altri anni ’50, ma in Italia era chiamato “Rockio de Luna”, “Moonbeam” per via dei suoi golfi biondi e della velocità di edge runner.

Entrò nella lingua dell’Udinese Ebbe poi molto successo nella Lazio, nell’estate del 1958 fu ingaggiato dai rivali locali della Roma e in seguito allenato da Gunnar Nordal.

Il 12 luglio Dagens Nyheter scriveva delle lotte dei tifosi della Lazio contro la cessione di “Selmos” per 135 milioni di bugiardi, appena un milione di corone:

“Fuori dal quartier generale della Lazio, tifosi inferociti scandivano slogan a voce alta: Selmoson dovrebbe incontrarsi di nuovo venerdì”.

I giornali italiani hanno riferito che la polizia antisommossa dovrebbe essere fermata contro i tifosi della Lazio. L’operazione ha messo in crisi l’amministrazione laziale.

Kurt Hamrin, Lenard “Naka” Scholand e Arn Selmoson in vista della Coppa del Mondo in Svezia. Selmoson ha fatto solo quattro presenze internazionali, ma è diventato ancora più grande in Italia.

Foto: Folkhe Helberg

Qualcuno invece ha seguito Con la sua statua c’era il futuro presidente del Consiglio Massimo D’Alema, che allora aveva nove anni.

“Ero un convinto sostenitore della Lazio, ma quando si è trattato di vendere Selmosan ho superato Rubicone o Tevere, e non ho mai rinunciato alla mia Roma”, ha detto al corriere Della Cera quando è morto in Svezia nel 2002.

Nel primo derby giocato dopo il passaggio di Arma Selmoson alla Roma, ha segnato un gol, portando la Roma alla vittoria per 3-1 il 30 novembre 1958.

Nel luglio 1958, DN riferiva sulle lotte di Roma.

Nel luglio 1958, DN riferiva sulle lotte di Roma.

Foto: Facebook

Dopo è stato in area di rigore e si è lasciato abbracciare dai compagni, ma senza esprimere felicità. Questa sembra essere la prima volta che qualcuno ha fatto il gesto di guardare a intervalli regolari oggi, quando i giocatori non festeggiano i gol contro i club che prima rappresentavano per rispetto.

Secondo un articolo de La Stampa Dal 2002, la Svezia ha detto una volta “Non ho ancora festeggiato molto”.

La Svezia è un tipo tranquillo e ha rilasciato alcune interviste nonostante il trambusto intorno a lui.

Si dice spesso che Arn Selmoson abbia promosso una musica, ma non era la sua vita, ma il suo soprannome. “La Patrona de Rocio de Luna” è stato proiettato a Milano nel 1955, e parla di una donna ricca che ha ricevuto un calciatore quando suo marito è morto.

Nils Litom, famoso giocatore e allenatore di Milan e Roma, ha intitolato a Celmoson uno dei suoi vini “Rocio de Luna”.

– Era un vero amico, non voleva nessuno cattivo, era uno dei soldati più puri che avessi mai incontrato, disse Niles Litom a La Stampa quando Selmoson morì.

Lenard "?" Schockland e Arn Selmoson.

Lenard “Naka” Scholand e Arn Selmoson.

Foto: Folkhe Helberg

Christian Borel, lui segue l’Italia Calcio Strettamente e come membro della squadra, tra gli altri, il progetto calcistico “Eurotalk”, è cresciuto a Götene, quindi Arne ha una lunga relazione con Selmosan.

– È difficile per le persone assorbirlo con una celebrazione tranquilla. Questo è troppo grande per me. L’ho disegnato su “Eurotolk”, ma nemmeno gli appassionati di calcio seduti lì l’hanno iniziato. Non pensano che sia strano. È strano, dice.

Nel 1961 Arne Selmoson lascia la Roma e torna all’Udinese, dove termina la sua vita all’estero nel 1964.

Tornò a casa in Costa d’Avorio, dove ha gestito per molti anni un negozio di articoli sportivi a “Selmos”. Uno dei clienti è un giovane Christian Borel. Tra le altre cose, acquistò scarpe da calcio italiane con il marchio Rutilius, per il quale Selmoson era un agente svedese.

– Le migliori scarpe da calcio che ho avuto, dice Christian Borel.

– Non so se si è giocato in loro, ma ha cantato le lodi delle scarpe, così che Ruttilio ha fatto una grande impressione. Ho ancora il mio rutilio. Scarpe meravigliose.

Quest’estate la Lazio ha ingaggiato Pedro dalla Roma. Lo spagnolo ha segnato contro la sua nuova squadra nel maggio di quest’anno, e aveva già seguito le orme di Arne Selmosan prima del derby di domenica.

READ  Nessuno vuole comprare il marchio Alitalia per 290 milioni di euro