TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La magnifica villa ha dato il nome a Bellu

L’area di Bellows attrae generalmente persone da tutti gli angoli di Göteborg con i suoi famosi mercati e la maggior parte delle moschee. Da dove viene davvero il nome speciale? Lo storico e autore Matthias Axelson spiega la storia di Bellu.

  • Rilasciato il 14 maggio 2021 alle 12:00

Ma quando la linea Quieberg fu tracciata nel 1905, la fermata del tram fu chiamata Belive, a conferma che l’area aveva il suo nome speciale.

Qui puoi ascoltare la canzone.

Tra Queberc e il centro storico, Bellou si distingue per il suo nome sonoro francese. L’area è costituita da un blocco separato e da vecchi edifici industriali, che offrono una varietà di attività nella situazione attuale.

Ma la caratteristica più caratteristica di Bellu è probabilmente il mercato e la moschea omonima, che attira persone da ogni parte di Göteborg.

– Belly View significa belle viste in francese e c’era una casa chiamata Villa Belive nella zona alla fine del XIX secolo. Se questa casa si chiamava Villa Belive perché era una bella vista del sud, o perché la borghesia a quel tempo aveva un giocatore per l’espressione francese, lo storico e autore Matthias Axelson dice in GöteborgDirekt.

Nel 1973 la casa bruciò.

– Ma penso che l’area abbia preso il suo nome speciale dal fatto che la fermata del tram si chiamava Belive quando fu tracciata la linea di Quiburg nel 1905, dice Matthias Axelson.

La SKF ha attratto manodopera

La crescita di Bellu è strettamente legata all’industrializzazione della Svezia. Nello stabilimento della Città Vecchia, è stato sviluppato il prodotto, che avrebbe rivoluzionato l’industria svedese con cuscinetti a sfera sferici autoregolanti.

– Sven Wingwist Quando la SKF fu fondata nella Città Vecchia nel 1907, non ci volle molto perché diventasse la più grande azienda di Göteborg.

Durante gli anni record svedesi, dopo la seconda guerra mondiale, l’industria è cresciuta e quando non c’erano abbastanza lavoratori svedesi, la SKF ha rivolto la sua attenzione ad altri paesi.

– Ad esempio, i rifugiati di guerra finlandesi ed estoni vengono qui e trovano lavoro come lavoratori dell’industria. Ancora oggi, l’Estonian Boat Association si trova nella zona industriale di Bellou al di là del fiume Seven, fondata da operai estoni della SKF.

La migrazione per lavoro è stata strutturata costruendo uffici di reclutamento nelle città italiane.

– La più grande migrazione di manodopera dalla fine degli anni ’40 agli anni ’60 proveniva da lì. In Italia, la disoccupazione era ai massimi storici, con molti istruiti. Per questo motivo, Matthias Axelson afferma che la SKF ha incoraggiato i lavoratori italiani a venire a lavorare in Svezia.

Mercato ben frequentato

Bellou continua ad essere una parte multiculturale oggi.

Dal 1986, il mercato Bellou è stato un forte polo d’attrazione per l’affamata Göteborg. Durante le epidemie di corona, il mercato è chiuso, ma di solito raccoglie circa un centinaio di venditori e privati ​​che hanno affittato un posto per vendere prodotti del mercatino delle pulci o altri oggetti.

READ  Il nuovo "Guaradona" che salverà il Napoli | Calcio