TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anna Pratt: Il mondo intero sta seguendo la diffusione della variabile delta in Israele

Solo due mesi fa, gli israeliani hanno celebrato che la vita stava iniziando a tornare a quella che era prima della pandemia. A quel tempo, quasi il 60 percento della popolazione aveva ricevuto due dosi del vaccino. La bassa diffusione dell’infezione significa che puoi toglierti il ​​paradenti ed evitare di cercare di stare lontano dagli altri.

Ma poi è arrivata la variabile delta dal virus sars-cov-2 al Paese. Israele sta ora assistendo, nonostante più residenti vaccinati, a un focolaio localizzato di COVID-19.

Ciò era previsto, almeno in considerazione dell’elevata infettività della variante delta.

Ma nonostante il fatto che la diffusione dell’infezione stia nuovamente aumentando rapidamente, si può osservare solo un aumento limitato del numero di decessi negli ospedali e un numero relativamente piccolo di decessi in Israele.

È anche previsto.

Secondo diversi studi, due dosi del vaccino covid-19 forniscono anche protezione contro la variante delta del virus, sebbene un po’ meno della precedente variante alfa. Il vaccino previene malattie gravi e morte, ma nessun vaccino fornisce una protezione completa. Puoi ancora essere infettato e sviluppare una malattia lieve.

Si stima che la variante delta sia il 60% più contagiosa della variante alfa, che a sua volta è più contagiosa del virus originale. La variante delta presenta buone condizioni per una rapida diffusione e infezione soprattutto delle persone non vaccinate, ma anche di quelle che, per motivi di salute, non ricevono un’adeguata protezione dal vaccino. Questo è ciò che stiamo vedendo accadere sia in Israele che nel Regno Unito, che hanno anche vaccinato gran parte della loro popolazione.

Ecco perché Israele di recente Ho deciso di offrire una terza iniezione, chiamata dose di richiamo, a persone vulnerabili con, diciamo, un sistema immunitario indebolito. Israele ha utilizzato solo il vaccino Pfizer/Biontech nel suo programma nazionale di vaccinazione. Secondo Pfizer/Biontech Riduce l’effetto protettivo già sei mesi dopo la vaccinazione completa. Le aziende affermano inoltre che una terza dose aumenta significativamente la protezione contro le malattie, ma non hanno ancora pubblicato tutti i risultati dei loro studi. Molti ricercatori criticano il fatto che sarà effettivamente necessaria una terza dose.

READ  Il nuovo Nintendo Switch non è la console che tutti speravano

Il mondo intero sta ora seguendo gli sviluppi in Israele (e nel Regno Unito), che è tra i paesi al mondo che hanno occupato il posto più lontano nella vaccinazione. La domanda interessante è fino a che punto sarebbe necessario un alto tasso di vaccinazione per fermare il virus, ovvero fino a che punto una parte della popolazione viene vaccinata per ottenere l’immunità di gregge.

Quando viene raggiunta l’immunità di gregge, la diffusione dell’infezione si interrompe e il rischio di mutazioni nel virus sars-cov-2 si riduce creando nuove e più varianti infettive.

In precedenza, in Israele è stato detto che un tasso di vaccinazione di circa il 70% è sufficiente, ma con la variante delta, alcuni credono che sia invece almeno dell’80%.

Leggi di più:

Israele è il campione del mondo nella vaccinazione, ma ora i canti sono smorzati nel delta

Capo medico: “Una sfida per convincere le persone a dare priorità alla vaccinazione”

Le restrizioni allentate dell’Inghilterra destano preoccupazione nei paesi vicini