TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anna Kinberg Batra: Il successo è politico

“Los die zone in teen horse”, cantata da un vento della Germania occidentale all’Eurovision Song Contest nel 1987. “Lascia che il sole splenda nel tuo cuore”, cioè, sembra ancora un messaggio attuale oggi quando questo giornale viene pubblicato. Il sole ha finalmente guardato avanti, e ora sempre più persone vengono vaccinate contro Govt-19, che è finalmente il momento per l’Eurovision Song Contest.

La Germania Ovest non vinse nel 1987, come fece l’Irlanda all’epoca. L’anno successivo vinse una giovane Celine Dion, con una gonna a palloncino, frangia doppiata e un coro amichevole da troll che le dava speranza per il futuro.

Chi di voi era presente all’epoca ricorderà l’amichevole italiana ed europea “Enzyme 1992”, oppure nel 1993 ci soffocammo in attesa della voce di Sarajevo, che finalmente fu ascoltata su una linea telefonica. I fan di Schleger in tutta Europa sono stati in grado di seguire la politica mondiale per molti anni, grandi e piccoli.

Non limitarti a seguire. La domanda è se la vittoria sia prima della politica.

Ad esempio, sii te stesso, vivi come desideri, con chi vuoi, evidente qui molto prima della legge sul matrimonio neutrale rispetto al genere. La Svezia è ancora presente in molti paesi.

La politica estera e le relazioni britanniche per la cooperazione non sono state semplici nella storia dell’Eurovision. Ma affondò comunque e, nella maggior parte dei casi, vinse la libertà.

Quando Israele vinse con “Alleluia” nel 1978, le trasmissioni furono vietate in molti paesi del Medio Oriente. Il Libano voleva competere nel 2005, ma non è riuscito a riconoscere il contributo di Israele. Le proteste russe contro il “Non voglio mantenere” della Georgia nel 2009 sono state ascoltate per la prima volta dall’organizzatore EPU, ma in seguito l’EPU ha ricevuto critiche dagli Stati baltici, con l’Estonia vincitrice del 2001 in prima linea. L’ultima Eurovisione svoltasi in Svezia, 2016, è stata vinta dall’ucraino Jamala con una forte canzone sulla Crimea. L’anno successivo, al cantante russo è stato impedito di visitare la penisola collegata illegalmente. A differenza dell’Unione europea, l’Ucraina è da tempo membro dell’EBU.

READ  Sono andato a Wembley in tutto il mondo

Ora martedì, Dussey canta “One Million Voices” nella prima semifinale. Ora inizia la conferenza sul futuro dell’Unione europea. Ma mentre il successo è sempre stato verso una maggiore cooperazione e libertà, è molto difficile valutare la direzione della politica. Il primo membro ha lasciato il sindacato, il nazionalismo cresce, la democrazia è messa in discussione e si stanno compiendo grandi passi per una politica fiscale comune e una profonda integrazione. Forti forze stanno ora trascinando l’UE in direzioni completamente diverse, sfidando la piena esistenza della cooperazione. Colpisce notevolmente la Svezia con o senza attenzione politica. Con più di 25 anni come stato membro, i principali politici svedesi dicono “fuori dall’Europa” e presto saremo alla guida del paese per la terza volta.

C’è una terza parte che può essere appresa dal successo politico. Mentre la discussione sul futuro dell’UE è in gran parte tenuta tra le élite, con risorse più centrali e una maggiore distanza dalla vita quotidiana delle persone, il successo è l’opposto. All’inizio del 1997, dieci anni prima dell’iPhone, l’Eurovision iniziò con il voto telefonico. I tornei svedesi sono iniziati nel 2002 fuori Stoccolma. Certo, ci sono sia il lavoro della giuria che le opinioni degli esperti, ma spetta alle persone decidere come sarà. Anche quando il naso d’élite si restringe.

Mi sono trasferito a Rotterdam nel 1974, lo stesso anno in cui papà vinse con Waterloo, gettando le basi per il loro successo internazionale. Ma nella politica e nella storia del mondo, Waterloo ha una carica diversa, non da ultimo per chi sceglie il conflitto o per i leader francesi con piani inaffidabili.

READ  Il produttore di stampanti 3D Wematter continua il suo viaggio di forte crescita in tutta Europa

La canzone francese di quest’anno, “Voyle”, è una canzone stanca nella migliore lingua mondiale dell’angoscia mentale, con Edith Piaf e la cantante che rievocano il passato. Anche la Germania invia un contributo della vecchia scuola. È bello, divertente e sembra che stiano facendo un passo nel mezzo per un po ‘. Ma la canzone, che proviene da un paese con una storia oscura del 20 ° secolo per tutti noi, si chiama “I Don’t Feel Hate”. Un messaggio classico, l’Europa deve ancora andare avanti. Anche in politica.