TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A molti bambini vengono somministrati farmaci per l’ADHD con molta leggerezza

La malattia mentale è prevalente nei bambini e nei giovani adulti e sempre più persone ricevono diagnosi di ADHD. Oggi, quasi 70.000 bambini e giovani adulti sono in cura con farmaci per l’ADHD e in alcuni comuni più di un ragazzo su sette nella fascia di età 10-17 anni. Il numero di ragazze che sono state trattate con farmaci per l’ADHD dal 2006 al 2021 è aumentato di oltre il 1.000%.

Il National Board of Health and Welfare ha presentato una proposta per una nuova guida su come affrontare questo focolaio e l’ultimo giorno per i commenti è oggi, 20 gennaio. Nelle linee guida, viene data la massima priorità a un maggior numero di bambini e giovani adulti con sospetta ADHD da diagnosticare e perché i farmaci faranno parte del trattamento di prima linea.

Affronta i farmaci

Le linee guida sono scritte sulla base di un approccio ‘neuropsichiatrico’. Ciò significa che l’incapacità di prestare attenzione e/o l’iperattività che alcuni bambini mostrano è spiegata da un cambiamento funzionale genetico e biologico nel cervello che deve quindi essere trattato con farmaci.

Le misure di qualità evidenziate dal National Board of Health and Welfare sono, tra l’altro, il numero di bambini e giovani aggiuntivi che possono essere diagnosticati e il numero di coloro che ricevono cure per tossicodipendenti. Il National Board of Health and Welfare prevede che l’aumento sarà di un altro 5% e che ogni anno più bambini riceveranno diagnosi e cure con farmaci per l’ADHD.

Il problema con le linee guida del National Council for Health and Welfare è che la ricerca internazionale non è stata in grado di dimostrare che qualsiasi funzione cerebrale uniformemente biologicamente deviante sia la causa dell’ADHD. A livello internazionale, il termine neuropsichiatria non è nemmeno usato in quanto utilizzato dal National Board of Health and Welfare.

La conoscenza scientifica che lo stress, lo stress e il trauma possono scatenare i sintomi dell’ADHD viene ignorata

Il termine accettato è “disturbi del neurosviluppo” e il termine “varietà” è usato nel linguaggio quotidiano. Il National Board of Health and Welfare si discosta dalle pratiche scientifiche internazionali accettate e usa il termine “deterioramento neuropsicologico” (NPF) e suggerisce che ci sarà qualcosa che non va nel cervello di tutti questi bambini.

READ  Due anni fa, il COVID-19 è diventato una pandemia: esperti per il futuro

Tuttavia, la ricerca internazionale è stata in grado di dimostrare che l’immaturità può causare problemi che sono abbastanza coerenti con i sintomi dell’ADHD. È stato dimostrato in molti paesi diversi che l’ADHD è più comune nei bambini piccoli in classe. Questa non è un’anomalia cerebrale patologica che deve essere trattata con farmaci. È un esempio della differenza a cui la società e la scuola devono saper rispondere con metodi pedagogici adeguati.

Pensare

Nonostante la consapevolezza che le attività educative non riescono a sostenere una percentuale significativa di bambini sia in età prescolare che a scuola, il NHSW presenta un modello neuropsicologico che i bambini sperimentano a scuola a causa di cambiamenti biologici nel cervello. La conoscenza scientifica che lo stress, lo stress e il trauma possono scatenare i sintomi dell’ADHD viene ignorata.

È tempo che il National Board of Health and Care e altre autorità ripensino e ascoltino i risultati della ricerca moderna. Dobbiamo smetterla di attribuire la cattiva salute dei nostri bambini e giovani adulti al fatto che i loro cervelli sono difettosi. Dobbiamo cambiare la società, non i bambini e il loro cervello.

Pensiamo che l’unica cosa sensata sarebbe che il National Board of Health and Care riveda la sua proposta per una nuova guida.

Le modifiche più importanti sono:

– Collegamento della Svezia al termine usato e accettato a livello internazionale “anomalie dello sviluppo funzionale”, nell’uso quotidiano “differenze”.

Descrivi correttamente cos’è l’ADHD e quali fattori di rischio e causali sono presenti. Non vi è alcun cambiamento uniforme nella funzione cerebrale descritta che costituirebbe l’ADHD.

Collegare la Svezia al resto della prassi dell’UE secondo cui il trattamento farmacologico per l’ADHD dovrebbe essere utilizzato solo nei casi in cui altre misure non sono sufficienti, come raccomandato sia dal Consiglio d’Europa che dal Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, che è menzionato anche in FAS.

READ  Come passare senza intoppi a una dieta vegetariana - Ekuriren

Descrivere in modo più dettagliato tali altri sforzi che dovrebbero essere testati in prima istanza, ad esempio adattamenti pedagogici individuali a scuola, come definito negli accordi internazionali di cui la Svezia è firmataria e nell’Obiettivo 4 sull’istruzione di qualità per tutti negli Obiettivi di sostenibilità delle Nazioni Unite nell’Agenda 2030.

Jan Aaronson, Filosofo Psichiatra

Behrouz Dehdari, Medico ordinario, psichiatra

Helena Holmgrenfondatore di TänkOmNu

Thomas Ljungberg, Dottore, conferenziere

Lena Calqvist, Gioca a un’infermiera, gioca a uno psicoterapeuta

Johan MalmqvistProfessore di Educazione

Fanny Marillsociologo, psicoterapeuta ordinario, supervisore e docente di psicoterapia

Lacey Mattellasociologo, caporedattore di Mad in Sweden, presidente dell’Associazione per le alternative ai farmaci psichiatrici (FAP)

Johan SundlinPsicologa dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Psicoterapeuta Non Professionista e Dottore in Scienze Mediche

Cecilia TebelDottore delle specifiche. in Medicina Interna ed Endocrinologia