TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studio in provincia mostra che il vaccino covid fornisce un’elevata protezione –

Il vaccino Covid ha fornito una difesa permanente contro la malattia attraverso le cellule T del corpo dopo nove mesi, nonostante il fatto che la difesa anticorpale si fosse indebolita nello stesso tempo.

Lo dimostra uno studio condotto presso la Clinica delle infezioni di Vasteras, dove sono stati prelevati campioni da 59 personale infermieristico. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica internazionale Infectious Diseases.

L’immunità delle cellule T potrebbe spiegare la maggiore protezione della vaccinazione contro il COVID-19 grave nonostante l’effetto inferiore e il livello di anticorpi inferiore, afferma Anders Krivors, un medico di malattie infettive e uno degli autori dell’articolo.

Un vaccino a RNA sviluppato contro il Covid-19 trasmette informazioni al corpo per creare le cosiddette proteine ​​spike che corrispondono a ciò che è contenuto nel virus, producendo anticorpi in grado di combattere la malattia. Tuttavia, dall’introduzione del vaccino, l’effetto protettivo degli anticorpi appositamente progettati è diminuito quando sono emerse nuove varianti virali.

Tuttavia, i campioni mensili dei dipendenti nello studio hanno mostrato che la presunta risposta delle cellule T era intatta dopo nove mesi. Le cellule T sono un tipo di globuli bianchi e una parte importante del sistema immunitario del corpo imparando a riconoscere e combattere diversi tipi di invasori, ad esempio uccidendo le cellule infette.

– L’ipotesi è che i vaccini forniscano una difesa a lungo termine contro il virus Covid-19 tramite le cellule T, e quindi soprattutto una protezione contro le malattie gravi e la morte. Ma sono necessari più studi in gruppi più grandi per un periodo di tempo più lungo per poter determinare quanto siano forti i legami, afferma Emily Manson, MD, un medico di malattie infettive e uno degli autori dell’articolo.

READ  Giunone ha sviluppato il diabete di tipo 1 da bambina

– È stato dimostrato che coloro che hanno contratto la SARS nei primi anni 2000 avevano ancora una forte risposta delle cellule T alla malattia. Ci stiamo muovendo verso una comprensione più profonda di come i vaccini funzionano con anticorpi e cellule T per combattere le malattie, afferma Anders Krivors.

Le cellule T devono entrare in contatto con un virus o un vaccino per iniziare il loro lavoro. Quindi non c’è scorciatoia per fortificarli, ad esempio con l’integrazione vitaminica.