TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

51 persone condannate a morte dopo l’omicidio di Zaida Catalan

Cinquantuno dei 54 imputati al processo sono stati condannati a morte, come richiesto dal pubblico ministero. La pena di morte è comune nei casi di omicidio in Congo. Tuttavia, da quando è stata imposta la moratoria nel 2003, non è stata eseguita alcuna condanna a morte. La sentenza è stata invece commutata in ergastolo. 22 su 54 sono stati processati in contumacia. Due persone sono state rilasciate.

Il 12 marzo 2017, Zaida Catalan, Un ex politico ambientale che ha fatto carriera internazionale con l’Unione Europea e le Nazioni Unite, è stato assassinato su una strada rurale fuori Kananga, nel sud del Congo Kinshasa. In quel momento furono uccisi anche il suo collega americano Michael Sharp e il loro partner Beto Schintella.

Catalan e Sharp erano membri di uno speciale gruppo di esperti che riferisce al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e fornisce alle Nazioni Unite una base per prendere decisioni sulle sanzioni. Erano nella zona per indagare sull’ondata di violenza che ha ucciso fino a 5.000 persone e avrebbero dovuto intervistare i membri della milizia Kamuina Nsapu. Il giorno prima è stato consigliato loro di non andare dal rappresentante della milizia, ma da un interprete accusato di avere legami con i servizi di sicurezza congolesi Non ha trasmesso questo messaggio, ma ha detto il contrario: che non ci sono stati problemi.

Il giorno prima di questo incontroDue giorni prima degli omicidi, Catalan e Sharpe incontrarono un colonnello congolese di alto rango, Jean de Dieu Mamboni. È il più specifico su un totale di 54 persone accusate. È stato condannato a 10 anni di carcere durante il processo di sabato.

READ  La Cina accusa la BBC di "fake news"

Sabato pomeriggio, il giudice Nchayokolo ha detto: Secondo il quotidiano congolese Actualité, citato in aula, Può incolpare Mamboni per aver violato le regole militari.

– Il colonnello Jean de Dio Mamboni è un soldato le cui qualità non possono essere messe in discussione. Deve adempiere a determinati obblighi. Il giudice ha affermato che il fatto di aver ricevuto i due esperti senza consenso nella gerarchia era punibile dalla legge.

Questa è stata seguita da una confessione di un crimine minore Un interrogatorio più generale sulla linea del pm, che Mamboni fosse stato in contatto con la milizia.

– (Lui) stava combattendo la milizia Kamuina Nsapu all’aeroporto di Kananga. C’è grande dubbio sulla collaborazione di coloro che hanno combattuto con loro le milizie, Lo ha detto il giudice secondo Actualité.

Mamboni condannato a dieci anni di reclusione Per cattiva condotta ma non essere accusato di coinvolgimento diretto nelle uccisioni è coerente con la posizione del governo congolese dal primo giorno – che le uccisioni sono interamente responsabilità della milizia. Questo nonostante il fatto che un videoclip della scena dell’omicidio mostri come gli autori armati parlano lingala – la lingua usata nell’esercito – tra loro e non la lingua chiluba usata dalle milizie.

Una sentenza della magistratura militare può essere appellata a un tribunale superiore della capitale, Kinshasa. Ma anche se la magistratura del Paese è costretta a prestare particolare attenzione a questo problema a causa delle pressioni internazionali, non è detto che la verità su chi c’è dietro le esecuzioni sarà mai stabilita.

Il Congo è uno dei paesi più corrotti al mondo e per molti anni la magistratura è stata in gran parte incapace di amministrare la giustizia, soprattutto quando i sospetti provengono dai militari.

READ  Almeno un norvegese tra i 151 uccisi a Seoul

Ministro degli Esteri svedese Ann Lind ha commentato la sentenza su Twitter:

“Seguiamo la sentenza e notiamo che può essere appellato. La Svezia si oppone alla pena di morte in ogni circostanza”, ha scritto Linde.

Si continua:

“La cosa più importante è che le indagini su tutti gli interessati proseguano. Chiediamo alla Repubblica Democratica del Congo di collaborare con le Nazioni Unite”.


https://twitter.com/AnnLinde/status/1487482745110548481?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1487482745110548481%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%3Trustedoy.eld.elx7gFoqy%2Trustoy.

Il segretario del Partito dei Verdi Catherine Wesing ha commentato la sentenza via e-mail:

“Zayda è stata e rimane una grande fonte di ispirazione per combattere per un mondo giusto. La morte di Zaida è stata un’enorme perdita, anche se il suo lavoro e la sua memoria sopravviveranno. È un evento molto tragico mentre seguiamo il processo legale. Il Partito dei Verdi si oppone al pena di morte indipendentemente dalle circostanze”.

Per saperne di più:

Più di 50 persone rischiano la pena di morte per l’omicidio del catalano