TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

380.000 colpiti dallo sciopero – e ora SAS si scusa

Il sindacato dei piloti dice sì al nuovo contratto collettivo

Lo sciopero dei piloti in SAS ha comportato la cancellazione di oltre 120 partenze al giorno in media durante il mese di luglio e ha lasciato migliaia di passeggeri bloccati.

“Vogliamo davvero scusarci con tutti i nostri clienti che sono stati colpiti”, afferma Anko van der Werf, Presidente e CEO di SAS in un comunicato stampa.

La battaglia tra sasso Le federazioni dei piloti svedese, danese e norvegese vanno avanti da settimane.

Il 4 luglio i piloti scioperarono per 15 giorni, fino al 19 luglio. Lo sciopero ha avuto un forte impatto sul traffico aereo da diversi aeroporti scandinavi.

Secondo SAS, a luglio sono stati cancellati più di 3.700 voli e 380.000 passeggeri sono stati interessati dalla cancellazione delle partenze.

Un totale di 1,3 milioni di persone hanno viaggiato con la compagnia aerea durante il mese di luglio.

L’aereo SAS preparato ha causato gravi problemi ai viaggiatori scandinavi.

Da allora in poi, i negoziati tra la SAS e i sindacati dei piloti scandinavi sono proseguiti a lungo e spesso a tarda notte fino a raggiungere un accordo quindici giorni dopo lo sciopero.

Il CEO di SAS si dice soddisfatto di come il traffico si sia ripreso dopo la fine dello sciopero.

Siamo lieti di essere stati in grado di tornare rapidamente alle normali operazioni in modo da poterci concentrare sul ripristino della fiducia dei nostri clienti, afferma Anko van der Werff.

Le controversie di lavoro per scioperi hanno portato a lunghi ritardi, sia ad Arlanda che fuori dall’Europa. Archivia l’immagine.

“Tragedia”

L’ultimo contratto collettivo è scaduto a marzo e, dopo che le parti non sono riuscite a concordare un nuovo accordo, i piloti hanno dichiarato lo sciopero a luglio.

READ  Requisito: compensare le aree scarsamente popolate per le turbine eoliche

È stato annunciato oggi che i sindacati pilota hanno ora dato il via libera a un nuovo contratto collettivo. L’Associazione dei piloti svedesi ha annunciato che i suoi membri accettano il nuovo contratto collettivo, ma sono ancora in attesa dell’esito finale del loro consiglio.

Sabato sera è scaduto il termine per votare.

Il nuovo accordo ha una durata di cinque anni e mezzo e prevede, tra l’altro, una riduzione degli stipendi dei piloti e fino a 60 ore di lavoro settimanali, dalle precedenti 47 ore settimanali. Il capo della Federcalcio norvegese, Jan Levi Skogfang, l’aveva precedentemente descritta come “una tragedia solo in termini di contratto”.

Tuttavia, i piloti sono riusciti a superare quello che è stato evidenziato come il loro problema più importante, ovvero che i piloti SAS che sono stati informati durante la pandemia devono essere riassunti.

Henrik Thyregod, il leader dell’Unione dei piloti danesi, ha scritto in un comunicato stampa di essere felice che ci sia un nuovo accordo.

“Sono molto contento del grande supporto per l’accordo, anche quando siamo riusciti a superare una lotta così lunga e difficile. I membri hanno capito chiaramente la serietà e questo dimostra quanto sia forte la coesione tra i piloti”.