TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

290 britannici a rischio di espulsione dalla Danimarca – Le critiche attirano

Il britannico William Hill, 37 anni, si è suicidato in Danimarca subito dopo che è stato annunciato che doveva lasciare il paese. Il motivo dell’espulsione è che non ha presentato una domanda di rimpatrio alle autorità danesi per consentirgli di rimanere, che è una conseguenza diretta dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Ora scrive che deve lasciare la sua fidanzata danese e il suo lavoro in Danimarca per trasferirsi a casa dai suoi genitori nel Regno Unito. Guardiano.

– Questo non mi sarebbe mai successo se non fosse stato per la Brexit, perché sono stato trattato come un cittadino dell’UE, ha detto al Guardian.

voler condannare

Il caso William Hill ha ricevuto attenzione in relazione a un altro britannico, Philip Russell, che era stato deportato dalla Danimarca in circostanze simili. In entrambi i casi, non è pervenuta loro alcuna informazione che, in quanto cittadini britannici, avrebbero dovuto presentare nuovamente domanda per rimanere in Danimarca. Quando i documenti sono stati ricevuti troppo tardi dalle autorità danesi, sono stati respinti.

In relazione al caso, l’autorità danese per l’immigrazione ha ricevuto critiche. Tra le altre cose, Philip Russell ha invitato il Regno Unito a “condannare il comportamento della Danimarca” e che la Danimarca “usa l’incompetenza all’interno della propria autorità per l’immigrazione come pretesto per deportare i cittadini britannici”.

Le decisioni sono state commentate anche dal punto di vista politico. Il politico danese dell’UE per il partito di Finster, Mads Vogelide, ha affermato, secondo il Guardian, che i due casi in corso violano l’accordo di recesso dell’UE con la Gran Bretagna e ha invitato l’autorità danese per l’immigrazione a rivalutare fino a 290 casi che coinvolgono cittadini britannici in Danimarca. .

READ  La situazione è critica per il giornalista Peter de Vries

Non eravamo interessati

Secondo l’accordo di recesso, i cittadini britannici che già vivono in un paese dell’UE, e viceversa, hanno il diritto di risiedere, lavorare e godere dei diritti sociali nel paese. Ma devi fare domanda per rimanere in Danimarca e il 31 dicembre 2021 è l’ultima data per richiedere un permesso di soggiorno. Una data non comunicata ai cittadini britannici in Danimarca.

William Hill ha cercato di presentare ricorso contro la decisione, ma finora è stato negato.

– Mi hanno chiesto di fornire molte informazioni sul mio lavoro, la mia vita personale, il rapporto con il mio partner e tutto il resto. Hanno anche chiesto foto di me e Ida (la fidanzata danese di William) e alla fine hanno rifiutato perché avevo perso un appuntamento. Erano completamente indifferenti al fatto che mi fossi integrato nel paese, lavorando a tempo pieno e pagando le tasse, dice Hill al Guardian.

L’agenzia danese per l’immigrazione non ha commentato il caso specifico, ma un portavoce ha detto al quotidiano britannico che l’agenzia ha fatto “tutto il possibile” per rendere il processo di richiesta il più semplice possibile.

Allo stesso tempo, anche il ministero degli Affari esteri danese ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che le autorità danesi accetteranno domande tardive da parte di cittadini britannici se esiste un motivo per non rispettare la scadenza della domanda.

Leggi anche: Silenzio nei colloqui del governo danese

Leggi anche: I divari stanno aumentando in Danimarca

Leggi anche: Modifica del fuso orario della Groenlandia

Vuoi saperne di più su come GP lavora con un buon giornalismo? Leggi il nostro codice etico quaggiù.

READ  I resoconti dei media hanno affermato che l'ex cancelliere austriaco Sebastian Kurz lascerà la politica